Homepage Recensioni dei film News sul Cinema Speciali sul Cinema Interviste Film in TV Programmazione dei Cinema (Roma) Trailer dei film Coming soon Libri di Cinema Storia del Cinema Est Film Festival

Recensione: Solo un padre

Scrivi un Commento COMMENTA Vota il film 1 VOTO Invia questa pagina via e-mail a chi vuoi tu Stampa questa pagina
Solo un padre
titolo originale Solo un padre
nazione Italia
anno 2008
regia Luca Lucini
genere Commedia
durata 93 min.
cast L. Argentero (Carlo) • D. Fleri (Camille) • F. Troiano (giorgio) • C. Pandolfi (Melissa) • M. Gatto (Sofia) • F. Gatto (Sofia) • A. Foglietta (Caterina)
sceneggiatura G. CalendaM. RavagliN. Earls
fotografia M. Archinto
montaggio F. Rossetti
uscita nelle sale 28 Novembre 2008
media voti redazione
Solo un padre Trama del film
La vita di Carlo, dermatologo trentenne, ragazzo padre di una di una bambina di dieci mesi, scorre piuttosto serena e tranquilla grazie soprattutto all'aiuto e all'affetto di genitori e amici. Un giorno, però, l'ordinata esistenza di Carlo viene messa a soqquadro dall'incontro con Camille.

Recensione “Solo un padre”

a cura di Glauco Almonte  (voto: 5)
Dal romanzo “Perfect skin” di Nick Earls (uscito in Italia col titolo “Le avventure semiserie di un ragazzo padre”), Giulia Calenda e Maddalena Ravagli traggono uno script insufficiente, una storia che vuole richiamare la “Rebecca” di Hitchcock nelle dinamiche di coppia e nella presenza di una prima moglie mitizzata, ma non nelle atmosfere, vero segno distintivo di tutto il cinema hitchcockiano. Imperdonabile la “seconda possibilità” offerta al protagonista, sorta di “Cliffhanger” della chirurgia estetica, o forse semplice richiamo alla struttura favolistica che sembra avvolgere la pellicola: se si tratta di un’aggiunta in fase di sceneggiatura è una cattiva idea, se invece è presente nel testo originale è un’altrettanto cattiva idea quella di rimanere fedeli, e dà allo spettatore il motivo principale per non comprare il libro.
L’impressione è che Luca Lucini farebbe volentieri a meno del confronto con Hitchcock, nel suo processo di emendamento da “Tre metri sopra il cielo” che sembrava a buon punto dopo “Amore, bugie e calcetto”. Purtroppo ritorna il vizietto della musica che c’entra poco con la storia (questa l’unica conclusione possibile se quando partono le prima note di una canzone la reazione dello spettatore è “questa la conosco!”), ma almeno non c’è lo speaker. Sono comunque scelte marginali alla regia in sé, nella quale si mostra decentemente a suo agio così come nel film precedente; un plauso anche per la direzione degli attori: non vuole essere ironico, il materiale è alquanto inferiore a quello di “Amore, bugie e calcetto” e l’attore potenzialmente migliore, Fabio Troiano, ha una parte macchiettistica che non gli permette di provare a recitare. Luca Argentero, sul quale Cattleya sta evidentemente puntando molto, non fa il salto di qualità cui era atteso dopo prove soddisfacenti, e di questo passo rischia di legarsi indissolubilmente al ruolo di bel ragazzo sorridente (piangere non è difficile, cambiare espressione di più).
Peccato, nel soggetto c’era una certa originalità che si perde nei luoghi comuni della narrazione; ad ogni modo una bocciatura sarebbe troppo pesante: se non fosse per la parte finale si avvicinerebbe alla sufficienza. Resta comunque un’occasione sprecata.
Commenti del pubblico
Nickname:
Password:
 
REGISTRATI «
PSWD DIMENTICATA «







Ultimi commenti e voti
Utente di Base (12 Commenti, 66% gradimento) LuissGara Mercoledì 13 Aprile 2011 ore 01:57
voto al film:   4,5

Ultime Schede
Come diventare grandi nonostante i genitori
Nemiche per la pelle
La donna della mia vita
Oggi sposi
Solo un padre
Amore, bugie e calcetto
L'uomo perfetto
Tre metri sopra il cielo
COMPRA
IL DVD
Compra il Dvd Solo un padre
Flash non disponibile
Copyright 2017 ©