Homepage Recensioni dei film News sul Cinema Speciali sul Cinema Interviste Film in TV Programmazione dei Cinema (Roma) Trailer dei film Coming soon Libri di Cinema Storia del Cinema Est Film Festival

Recensione: Tony Manero

Leggi i commenti 2 COMMENTI Vota il film 3 VOTI Invia questa pagina via e-mail a chi vuoi tu Stampa questa pagina
Tony Manero
titolo originale Tony Manero
nazione Cile / Brasile
anno 2008
regia Pablo Larrain
genere Drammatico
durata 98 min.
cast P. Lattus (Pauli) • H. Morales (Goyo) • A. Noguera (Cony) • E. Poblete (Wilma) • A. Castro (Raúl Peralta)
sceneggiatura P. LarrainM. IribarrenA. Castro
fotografia S. Armstrong
montaggio A. Chignoli
uscita nelle sale 16 Gennaio 2009
media voti redazione
Tony Manero Trama del film
Santiago del Cile, 1979. Raùl Peralta è ossessionato da Tony Manero, il personaggio interpretato da John Travolta nel film 'La febbre del sabato sera', a cui ad ogni costo vuole assomigliare; mette in scena uno spettacolo di danza in un night-club di periferia e ogni sabato sera, imitando il suo idolo, dà libero sfogo alla sua passione per la disco-music...

Recensione “Tony Manero”

a cura di Glauco Almonte  (voto: 7)
Raùl Peralta è un cinquantenne ossessionato da Tony Manero, il personaggio interpretato da John Travolta ne “La febbre del sabato sera”: il dato principale per raccontare il suo presente è il fanatismo, la volontà essere riconosciuto quale emulo, non solo di assomigliargli ma di diventare come lui. Poi l’inquadratura narrativa si allarga, e mentre la trama avanza nella settimana che precede il concorso televisivo per i sosia di Tony Manero lo spettatore inizia a comprendere il contesto nel quale Raùl vive: siamo in Cile alla fine degli anni ’70, in piena dittatura-Pinochet; Raùl sta preparando uno spettacolo per il sabato successivo e ha copiato la coreografia da “La febbre del sabato sera”. Ancora più largo, lo zoom ci presenta un rapporto ambiguo tra Raùl e i compagni di ballo e di vita, Cony Goyo e Pauli: sesso, attrazione, noia, odio, il tutto spento da una generale apatia (quella di Raùl e verso Raùl) che contrasta con l’animo sovversivo di Goyo e Pauli. L’uomo che si crede Tony Manero vive soltanto in funzione della sua ossessione: non ci è dato di sapere come fosse fino a qualche settimana prima, ma oggi è un uomo di uno squallore pari se non superiore alla società che lo circonda, privo di alcun valore morale, privo anche di sentimenti umani che non siano l’ammirazione nel buio della sala cinematografica.
Tony Manero” fa parte della cerchia di prodotti indipendenti che il critico si sorprende ad ammirare in sala; fa parte dei pochi film che vale la pena vedere in un anno, dei quali meno se ne sa a propri più colpiscono. La fortuna di Pablo Larraìn ha voluto che prima Cannes si accorgesse del suo film, quindi Torino nella seconda e ultima edizione diretta da Nanni Moretti (dove ha vinto il primo premio e il premio per il miglior attore ad Alfredo Castro), fino alla nomination agli Oscar quale miglior film straniero; premi meritati, che hanno acceso i riflettori su “Tony Manero” e privato in buona parte lo spettatore della sorpresa di assistere a un buon film, col rischio che poi, aspettandosi un capolavoro, rimanga in parte deluso. Ma la pubblicità non può che far bene al cinema in generale, spingendo gli spettatori nelle poche sale che lo programmano.
Per chi volesse anche fare una riflessione in più, basta tener conto che Raùl Peralta è specchio di una società allo sbando, dove i valori li impongono cinema e televisione…
Commenti del pubblico
Nickname:
Password:
 
REGISTRATI «
PSWD DIMENTICATA «







Ultimi commenti e voti
Medaglia d'Argento (106 Commenti, 59% gradimento) cartillo Medaglia d'Argento Martedì 1 Ottobre 2013 ore 12:43
voto al film:   5

Utente di Base (20 Commenti, 33% gradimento) smagliante Venerdì 1 Giugno 2012 ore 11:27
1
voto al film:   5,5

Mi aspettavo un film diverso, un po più concentrato su ciò che quel film e quegli anni hanno trasmesso e non certamente i risvolti psicolabili di un presunto accanito fan.
Ti è piaciuto il commento?  
Medaglia di Bronzo (86 Commenti, 51% gradimento) Overlook Medaglia di Bronzo Giovedì 31 Maggio 2012 ore 12:35
1
voto al film:   6

Un buon film indipendente, ma non eccessivamente coinvolgente nè la trama, nè tantomeno la struttura, probabilmente poco curata.
Nulla di sorprendente in una scelta strutturale del genere, siamo già abituati a questi 'film dei film', vedi "Essere John Malkovich".
Non mi sembra consigliabile.
Ti è piaciuto il commento?  
News sul film “Tony Manero”
Tony Manero No di Pablo Larrain apre il Milano Film Festival "No" di Pablo Larrain apre il Milano Film Festival  ( 2 Maggio 2013)
Tony Manero Rassegna dedicata al cileno Pablo Larraín a Roma al Fusolab Rassegna dedicata al cileno Pablo Larraín a Roma al Fusolab  ( 5 Maggio 2011)
Tony Manero La Archibald porta in sala Pablo Larrain La Archibald porta in sala Pablo Larrain  ( 7 Settembre 2010)
Tony Manero Sguardo sul cinema cileno contemporaneo Sguardo sul cinema cileno contemporaneo  ( 8 Maggio 2009)
Ultime Schede
Neruda
Jackie
Il Club
No - I giorni dell'arcobaleno
Post Mortem
Tony Manero
Torino Film Festival 2008
26a edizione, seconda "morettiana"
Festival di Cannes 2008
61ª Edizione
2009: che anno è stato?
Considerazioni su un anno di cinema
Buone feste al cinema 2008
Le proposte cinematografiche per Natale
COMPRA
IL DVD
Compra il Dvd Tony Manero
Flash non disponibile
Copyright 2017 ©