Homepage Recensioni dei film News sul Cinema Speciali sul Cinema Interviste Film in TV Programmazione dei Cinema (Roma) Trailer dei film Coming soon Dvd Libri di Cinema Storia del Cinema Est Film Festival

Recensione: Les amants réguliers

Scrivi un Commento COMMENTA Vota il film VOTA Invia questa pagina via e-mail a chi vuoi tu Stampa questa pagina
Les amants réguliers
titolo originale Les amants réguliers
nazione Francia / Italia
anno 2004
regia Philippe Garrel
genere Drammatico
durata 178 min.
distribuzione Cinecittà Luce
cast L. Garrel (François Dervieux) • C. Hesme (ragazza di François) • J. Lucas (Antoine)
sceneggiatura P. GarrelM. CholodenkoA. Langmann
musiche J. Vannier
fotografia W. Lubtchansky
montaggio F. Collin
uscita nelle sale 30 Settembre 2005
media voti redazione
Les amants réguliers Trama del film
Parigi, 1968: il resto viene da sé. Col passare del tempo al fuoco della rivoluzione si sostituisce quello dell’amore: due ventenni, un poeta ed una scultrice, lo alimentano, ma non basta. Alla passione subentrano altre esigenze, l’amore rimane ma il rapporto si chiude.

Recensione “Les amants réguliers”

a cura di Glauco Almonte  (voto: 7,5)
Riunioni sotterranee, bandiere bruciate, lanci di molotov con conseguenti cariche della polizia: un film già visto? Solo in parte. La prima, per l’esattezza, nella quale la guerriglia urbana occupa tutto lo spazio della narrazione, relegando, apparentemente, le caratteristiche individuali dei personaggi a semplice accessorio della narrazione. Questo almeno lascerebbero intendere alcune tra le scene di maggiore spicco dell’intero film, dalla lunghissima (per l’abitudine odierna) sequenza del lancio di pietre e molotov dietro le barricate incendiate all’avanzata, in un’atmosfera da deportazione, dei ragazzi come zombie, armati nella notte di fiaccole e forconi (potrebbero quasi dar la caccia alla Creatura, se solo corressero, o gridassero un po’). Ma c’è un momento preciso in cui Garrel cala la maschera rivelando il suo vero intento: le scene degli scontri sembrano ancora l’unico filo conduttore del film quando la macchina da presa segue un ragazzo che corre, lancia qualcosa (un sasso, presumibilmente) e torna indietro, senza mai staccarsi da lui, senza rivelare allo spettatore gli effetti del lancio. Da qui in avanti (e non sarà poco, data la lunghezza del film) l’evento ’68 scivolerà dapprima ai margini delle vicende dei ragazzi, quindi rimarrà un ricordo, utile allo spettatore per collocare storicamente le situazioni di vita quotidiana cui va incontro.
Alla luce del cambiamento di registro, viene capovolta anche la funzionalità del bianco e nero: negli esterni della parte iniziale è un semplice richiamo ai filmati dell’epoca, quando l’azione si sposta negli interni diventa il principale strumento di comunicazione, accentuando grazie ad una profusione di luci artificiali l’espressione dei volti, sfumando alle loro spalle gli ambienti.
Anche se al centro della storia è indubbiamente François, tutta la parte centrale ha la funzione di bilanciare quello che ormai si è rivelato un preambolo, col moltiplicarsi dei personaggi che fanno la loro comparsa ed echi dello scontro sociale, utili al più per una presa di posizione contro i militari (“I Rimbaud, i Baudelaire, bisogna metterli in prigione”, le parole che vorrebbero suonare come una sentenza contro François, sentenza contro chi le pronuncia, in realtà).
Dopo un omaggio a Bertolucci, citandone Prima della rivoluzione, e un momento di stasi dovuto alla dilatazione dei tempi narrativi, a volte un po’ forzata (spesso col risultato di un’apparente impassibilità da parte dei ragazzi di fronte agli eventi), nel quale l’unico momento degno di nota - ma non di memoria – è una scena i cui la giovane scultrice fa la morale guardando la cinepresa, la storia lascia aperte le strade di quasi tutti per terminare soltanto quella dei due amanti, finché due lettere della ragazza la rimuovono dalla scena e lasciano al poeta ventenne il palcoscenico, sul quale dar vita ad un finale di folgorante poeticità.
Leone d’argento per la miglior regia e Osella per la fotografia a Venezia 2005.
Commenti del pubblico
Nickname:
Password:
 
REGISTRATI «
PSWD DIMENTICATA «







Ultimi commenti e voti
Il film non è stato ancora commentato.
News sul film “Les amants réguliers”
Les amants réguliers Una gita a... Parigi, rassegna al Cineclub Alphaville dal 4 al 9 maggio Una gita a... Parigi, rassegna al Cineclub Alphaville dal 4 al 9 maggio  ( 2 Maggio 2011)
Les amants réguliers Philippe Garrel torna alla regia Philippe Garrel torna alla regia  (10 Dicembre 2007)
Les amants réguliers La cineteca di Bologna omaggia Philippe Garrel La cineteca di Bologna omaggia Philippe Garrel  (22 Febbraio 2006)
Ultime Schede
Recensione Les amants réguliers Scheda: Take five  di G. Lombardi
Recensione Les amants réguliers Scheda: Tartarughe Ninja  di J. Liebesman
Recensione Les amants réguliers Scheda: La nostra terra  di G. Manfredonia
Recensione Les amants réguliers Scheda: Se chiudo gli occhi non sono più qui  di V. Moroni
Recensione Les amants réguliers Scheda: Si alza il vento  di H. Miyazaki
Recensione Les amants réguliers Scheda: The Giver - Il mondo di Jonas  di P. Noyce
Recensione Les amants réguliers Scheda: Frances Ha  di N. Baumbach
Recensione Les amants réguliers Scheda: Senza nessuna pietà  di M. Alhaique
Recensione Les amants réguliers Scheda: Sex Tape - Finiti in rete  di J. Kasdan
Recensione Les amants réguliers Scheda: Belluscone, una storia siciliana  di F. Maresco
Recensione Les amants réguliers Scheda: Walking on Sunshine  di M. Giwa, D. Pasquini
Recensione Les amants réguliers Scheda: Under the skin  di J. Glazer
Recensione Les amants réguliers Scheda: Mud  di J. Nichols
Recensione Les amants réguliers Scheda: Il fuoco della vendetta  di S. Cooper
Recensione Les amants réguliers Scheda: Cattivi vicini  di N. Stoller
La Gelosia
Un Été Brûlant
La frontiera dell'alba
Les amants réguliers
Festival di Venezia 2005
Vince Ang Lee con "Brokeback Mountain"
Philippe Garrel
Leggi l'intervista a Philippe Garrel per “Les amants réguliers
Flash non disponibile
Copyright 2014 ©