Flash non disponibile
Homepage Recensioni dei film News sul Cinema Speciali sul Cinema Interviste Film in TV Programmazione dei Cinema (Roma) Trailer dei film Coming soon Dvd Libri di Cinema Storia del Cinema Est Film Festival

Recensione: Gran Torino

Leggi i commenti 16 COMMENTI Vota il film 62 VOTI Invia questa pagina via e-mail a chi vuoi tu Stampa questa pagina
Gran Torino
titolo originale Gran Torino
nazione U.S.A.
anno 2008
regia Clint Eastwood
genere Drammatico
durata 116 min.
distribuzione Warner Bros
cast C. Eastwood (Walt Kowalski) • C. Carley (Father Janovich) • B. Vang (Thao Vang Lor) • A. Her (Sue Lor) • B. Haley (Mitch Kowalski) • G. Hughes (Karen Kowalski) • D. Walker (Ashley Kowalski) • B. Howe (Steve Kowalski)
sceneggiatura N. Schenk
musiche K. EastwoodM. Stevens
fotografia T. Stern
montaggio J. CoxG. Roach
uscita nelle sale 13 Marzo 2009
media voti redazione
Gran Torino Trama del film
Walt Kowalski, un reduce della guerra di Corea di carattere burbero e spavaldo, prova una grande passione per la propria Ford Gran Torino, modello classico del 1972, custodita in garage. Walt non mostra pudore nel manifestare il proprio sentimento anticoreano, nato durante la sua campagna in Corea, quando vide morire suoi amici per mano dei nemici. A peggiorare la situazione, il quartiere da lui abitato negli ultimi anni è diventato il principale centro suburbano della comunità coreana, e le bande giovanili danno molto fastidio a Walt. Anche se frustrati e maltrattati da Kowalski, i coreani aiuteranno l'uomo a risolvere i problemi personali che ha con la famiglia, per diventare amici e aiutarlo a ripudiare il razzismo.

Recensione “Gran Torino”

a cura di Glauco Almonte  (voto: 7)
Vorrei ma non posso.
Walt Kowalski è un personaggio troppo ben delineato, e Clint Eastwood è troppo bravo nella sua interpretazione per non pensare ad un parallelo tra i due, tra l’attore-regista notoriamente conservatore e apparentemente burbero, ma dalle inaspettate aperture, e il protagonista solo, incattivito e razzista. E’ troppo intelligente Clint per non saperlo, e si mette in gioco con maestria stupefacente: ne esce fuori di gran lunga il suo personaggio più vero, per uno che nella sua carriera ha interpretato soprattutto delle icone. Ne esce fuori un ritratto che si delinea e al contempo si evolve, mostrando ai “clintiani della seconda ora” (quelli che fino a pochi anni fa erano prevenuti, ma che hanno infine riconosciuto le sue ampie vedute, maggiori di quelle di molti tra coloro che si definiscono progressisti) che la lezione che ha impartito loro la sa ripetere sullo schermo, che conosce i suoi punti critici e ha imparato a confrontarsi.
Kowalski è un reduce della guerra in Corea ma non è un militare né un militarista; è solo ma non è un misantropo, e il suo atteggiamento è l’unica forma di difesa che conosce. Tutto ciò che Kowalski è emerge chiaramente in virtù di una prima parte eccessivamente didascalica, una sequenza di scene per lo più slegate tra loro, mirate a comporre un puzzle generale. La cosa buona è che mentre questo puzzle si compone la situazione è già in forte evoluzione, evitando di appesantire con un’eccessiva staticità la parte iniziale; non sembra dunque un caso che, dopo cinque film lunghi, stavolta riesca a chiudere prima dello scoccare della seconda ora. L’opera rimane comunque altalenante, le parti drammatiche e le scene di raccordo, compresi gli intermezzi comici, si affiancano ma non si fondono; ogni evento racchiude in sé un unico significato, e la sequenza di questi significati porta ad un film semplice – non che sia un difetto, anzi – ma prevedibile.
Dal punto di vista tecnico Eastwood è ormai inattaccabile: una regia perfetta si affianca ad un’interpretazione solida e apparentemente naturale; probabilmente è un film che ha semplicemente bisogno di tempo prima che i suoi personaggi così comuni al di là degli stereotipi di facciata riescano a fare breccia. E’ forse troppo diretto perché lo spettatore possa fidarsi completamente: il messaggio è universale, l’affetto non si compra ma si guadagna, la solitudine non si combatte ma si affronta, gli errori non si dimenticano ma servono per insegnarci a fare la cosa giusta in futuro. Quanto al finale non c’è bisogno di condividerlo: è l’ultimo retaggio dell’uomo che conosciamo a inizio film e che un’ora e mezza dopo non ricordiamo più; anche quando si cambia, anche quando si abbattono le proprie difese, una persona è l’insieme di tutto ciò che è stata nella sua vita. La medaglia sul petto, la bandiera in giardino sono solo dei simboli: Clint lo sa, e proprio in quanto simboli non vi rinuncia.
Commenti del pubblico
Nickname:
Password:
 
REGISTRATI «
PSWD DIMENTICATA «







Ultimi commenti e voti
Utente di Base (7 Commenti, 83% gradimento) garyson Martedì 25 Novembre 2014 ore 17:44
voto al film:   8

Utente di Base (0 Commenti, 0% gradimento) CitizenKane Lunedì 10 Novembre 2014 ore 01:08
voto al film:   7

Utente di Base (23 Commenti, 68% gradimento) simonani Giovedì 16 Ottobre 2014 ore 21:19
voto al film:   7

Utente di Base (0 Commenti, 0% gradimento) marcolino93 Venerdì 31 Gennaio 2014 ore 14:08
voto al film:   7,5

Utente di Base (1 Commento, 0% gradimento) marcus14 Sabato 4 Gennaio 2014 ore 15:17
voto al film:   7

Medaglia di Bronzo (86 Commenti, 68% gradimento) Poddolo Medaglia di Bronzo Martedì 17 Dicembre 2013 ore 00:17
2 1
voto al film:   8

un film molto bello, senza stereotipi o banalità. onesto e vero racconta una storia coinvolgente che ti prende dall'inizio alla fine
Ti è piaciuto il commento?  
Utente di Base (3 Commenti, 33% gradimento) tommy_bruce Sabato 14 Dicembre 2013 ore 14:45
voto al film:   8

Utente di Base (36 Commenti, 53% gradimento) Luza Sabato 7 Dicembre 2013 ore 19:33
voto al film:   8

Medaglia d'Oro (238 Commenti, 42% gradimento) Diegen78 Medaglia d'Oro Sabato 30 Novembre 2013 ore 00:19
voto al film:   8

Utente di Base (15 Commenti, 53% gradimento) Nemo Giovedì 28 Novembre 2013 ore 23:40
voto al film:   7,5


News sul film “Gran Torino”
Gran Torino Gransito Movie Awards 2009 Gransito Movie Awards 2009  (21 Aprile 2009)
Gran Torino Palma d'Oro speciale consegnata a Eastwood Palma d'Oro speciale consegnata a Eastwood  (26 Febbraio 2009)
Gran Torino Gran Torino: il ritorno di Clint Eastwood "Gran Torino": il ritorno di Clint Eastwood  (20 Marzo 2008)
Ultime Schede
Recensione Gran Torino Scheda: La teoria del tutto  di J. Marsh
Recensione Gran Torino Scheda: Big Eyes  di T. Burton
Recensione Gran Torino Scheda: L'amore bugiardo - Gone Girl  di D. Fincher
Recensione Gran Torino Scheda: Il ragazzo invisibile  di G. Salvatores
Recensione Gran Torino Scheda: Jimmy's Hall  di K. Loach
Recensione Gran Torino Scheda: Un Natale stupefacente  di V. De Biasi
Recensione Gran Torino Scheda: St. Vincent  di T. Melfi
Recensione Gran Torino Scheda: Lo Hobbit - La battaglia delle cinque armate  di P. Jackson
Recensione Gran Torino Scheda: Pride  di M. Warchus
Recensione Gran Torino Scheda: Il ricco, il povero e il maggiordomo  di M. Bertacca, G. Poretti, G. Storti, A. Baglio
Recensione Gran Torino Scheda: Storie pazzesche  di D. Szifron
Recensione Gran Torino Scheda: Magic in the Moonlight  di W. Allen
Recensione Gran Torino Scheda: Mommy  di X. Dolan
Recensione Gran Torino Scheda: Ogni maledetto Natale  di G. Ciarrapico, M. Torre, L. Vendruscolo
Recensione Gran Torino Scheda: I pinguini di Madagascar  di E. Darnell, S. J. Smith
Jersey Boys
American Sniper
J. Edgar
Hereafter
Invictus
Gran Torino
Changeling
Lettere da Iwo Jima
Flags of our Fathers
Million Dollar Baby
Mystic River
Debito di sangue
Space cowboys
Fino a prova contraria
Mezzanotte nel giardino del bene e del male
Potere assoluto
I ponti di Madison County
Gli spietati
Clint Eastwood
Migliora come il vino, ma a volte sa di tappo
2009: che anno è stato?
Considerazioni su un anno di cinema
COMPRA
IL DVD
Compra il Dvd Gran Torino
Clint Eastwood  di A. Piccardi
Clint Eastwood  di G. Carluccio
Clint Eastwood  di A. Pezzotta
Flash non disponibile
Copyright 2014 ©