Homepage Recensioni dei film News sul Cinema Speciali sul Cinema Interviste Film in TV Programmazione dei Cinema (Roma) Trailer dei film Coming soon Libri di Cinema Storia del Cinema Est Film Festival

Recensione: Paradise Now

Leggi i commenti 1 COMMENTO Vota il film 3 VOTI Invia questa pagina via e-mail a chi vuoi tu Stampa questa pagina
Paradise Now
titolo originale Paradise Now
nazione Palestina
anno 2005
regia Hany Abu-Assad
genere Drammatico
durata 90 min.
cast A. Suliman (Khaled) • L. Azabal (Suha) • A. Hlehel (Jamal) • K. Nashef (Said) • H. Abbass (Madre di Said)
sceneggiatura H. Abu-AssadB. BeyerP. Hodgson
musiche J. Sumedi
fotografia A. Heberlè
montaggio S. Vos
uscita nelle sale 14 Ottobre 2005
media voti redazione
Paradise Now Trama del film
Due giovani palestinesi, Khaled e Said, amici fin da piccoli, sono stati reclutati come kamikaze. Si dovranno far esplodere il giorno dopo a Tel Aviv. I due decidono di trascorrere quella che sanno essere la loro ultima notte di vita, insieme alle proprie famiglie. Possono stare con le persone che amano, ma non devono assolutamente rivelare nulla, né far capire qualsiasi particolare della loro missione. Il giorno dopo si congedano dalle famiglie, si fanno attaccare al corpo i congegni esplosivi e si preparano al momento decisivo. Ma non tutto va come previsto...

Recensione “Paradise Now”

a cura di Glauco Almonte  (voto: 8)
“Soltanto in Dio c’è la verità.”
Sbagliando premesse, azioni e reazioni si genera il più importante conflitto che abbia interessato l’occidente dalla seconda metà del Novecento. Una questione che esternamente interessa ed influenza tutto il mondo arabo, ed oltre oceano il cosiddetto impero democratico, vista dall’interno non rimane che un confronto a due, con i torti israeliani e quelli palestinesi impegnati in una competizione lungi dal vedere la fine.
Una contrapposizione radicale nelle sue basi, tra popolo e popolo, religione e religione, ognuno oppresso, ognuno oppressore. In questa situazione il malessere palestinese è più forte, incapace di fronteggiare militarmente un avversario troppo superiore.
Said e Khaled non hanno assistito alla nascita di questo conflitto, e non ne vedranno la fine. Non si tratta di una situazione passeggera, di un cambiamento: la guerra è la loro esistenza, il loro modo di vedere le cose. Nati e cresciuti tra povertà, desiderio di rivalsa e vergogna per parenti collaborazionisti, la loro unica possibilità di una vita migliore non è un ambizione terrena: essere scelti da Dio (ma perché non lasciare Allah nel doppiaggio?) è un onore, anzi, l’onore più grande. Che poi non sia Dio a sceglierli, ma un’organizzazione terroristica, non è che un dettaglio nella loro situazione: non avere libertà, opportunità o capacità di scegliere. Essere scelti, questa l’unica soluzione.
Alla loro cieca determinazione si contrappone la razionalità di Suha, nell’ottima interpretazione di Lubna Aznabal: dall’iniziale dolcezza alla durezza nella condanna di una lotta dannosa per la sua aspirazione alla pace; ma il muro, tra lei cresciuta all’estero e chi è vissuto per la guerra, è invalicabile.
L’occhio di Abu-Assad sembra sopra le parti nell’assistere all’azione dei kamikaze: quello che vuole rilevare non è il gesto in sé, né le motivazioni, ma il punto di vista di chi lo compie. Passando sopra alla boutade di un ultimo pasto al quale prendono parte in tredici, il risultato è eccellente, lasciando allo spettatore la consapevolezza di cui Said, Khaled ed ogni altro protagonista del conflitto sono privi.
La verità non esiste.
Commenti del pubblico
Nickname:
Password:
 
REGISTRATI «
PSWD DIMENTICATA «







Ultimi commenti e voti
Medaglia d'Oro (377 Commenti, 59% gradimento) brata Medaglia d'Oro Venerdì 3 Giugno 2016 ore 13:51
1
voto al film:   8

Bello e crudele incolla allo schermo lo spettatore senza dargli una possibilità di fuga. Non da giudizi nè obbliga noi a darne, ma racconta una storia quotidiana di persone disperate. Da vedere
Ti è piaciuto il commento?  
Medaglia d'Argento (106 Commenti, 59% gradimento) cartillo Medaglia d'Argento Giovedì 7 Gennaio 2016 ore 13:03
voto al film:   8

Utente di Base (12 Commenti, 10% gradimento) marcopecs Lunedì 4 Novembre 2013 ore 23:22
voto al film:   8

News sul film “Paradise Now”
Paradise Now MEDFILMFestival a Roma fino al 30 giugno MEDFILMFestival a Roma fino al 30 giugno  (21 Giugno 2013)
Paradise Now Torna a Roma il MEDFILMfestival Torna a Roma il MEDFILMfestival  ( 6 Giugno 2013)
Paradise Now Berlinale: Paul Schrader presidente della giuria Berlinale: Paul Schrader presidente della giuria  (11 Gennaio 2007)
Paradise Now Oscar 2006: Tutte le Nomination Oscar 2006: Tutte le Nomination  ( 2 Febbraio 2006)
Paradise Now Caché di Haneke miglior film EFA: l'Oscar Europeo "Caché" di Haneke miglior film EFA: l'Oscar Europeo  ( 5 Dicembre 2005)
Paradise Now Al Medfilm Festival premiati 'Cuore Sacro' e 'Private' Al Medfilm Festival premiati 'Cuore Sacro' e 'Private'  (14 Novembre 2005)
Ultime Schede
Recensione Paradise Now Scheda: King Arthur - Il potere della spada  di G. Ritchie
The Idol
Omar
Paradise Now
Oscar 2006
Trionfa "Crash" di Paul Haggis
Festival di Berlino 2005
Orso d'oro alla Carmen sudafricana
Hany Abu-Assad
Leggi l'intervista a Hany Abu-Assad per “Paradise Now
COMPRA
IL DVD
Compra il Dvd Paradise Now
Flash non disponibile
Copyright 2017 ©