Homepage Recensioni dei film News sul Cinema Speciali sul Cinema Interviste Film in TV Programmazione dei Cinema (Roma) Trailer dei film Coming soon Libri di Cinema Storia del Cinema Est Film Festival

Recensione: Vive l'amour

Scrivi un Commento COMMENTA Vota il film 1 VOTO Invia questa pagina via e-mail a chi vuoi tu Stampa questa pagina
Vive l'amour
titolo originale Aiqing wansui
nazione Taiwan
anno 1994
regia Tsai Ming-liang
genere Drammatico
durata 118 min.
cast Y. Kuewei (Mei-Mei) • C. Chao-jung (Ah-Rong) • L. Kang-sheng (Hsiao-Kang)
sceneggiatura T. Ming-liangY. Pi-YingT. Yi-Jun
musiche Y. Jing-An
fotografia L. Ming-kuoL. Peng-jung
montaggio S. Shin-Cheng
media voti redazione
Vive l'amour Trama del film
Taipei, anni Novanta. La ragazza May lavora per un'agenzia immobiliare; il giovane Hsiao-kang vende urne cinerarie; il terzo, Ah-jung, smercia vestiti femminli. Hsiao "occupa" un appartamento vuoto fra quelli trattati da May, e cerca di suicidarsi. Qui la ragazza porta per una notte Ah-jung, poi i due maschi si dividono l'abitazione, con Ah-jung che è attratto dal compagno.

Recensione “Vive l'amour”

a cura di Andrea Olivieri  (voto: 7,5)
"Vive l’amour" è un racconto d’amore marginale, tenero e silenzioso, sofferto. Essenziale, silente, il regista di Taiwan, alla sua seconda opera, sa perfettamente dove posizionare la macchina da presa; fissa, perfetta in ogni inquadratura, dotata di una fotografia eccellente e fine al realismo narrativo della pellicola. Dopo le prime due sequenze, una che ha la chiave dell’appartamento in primissimo piano e tutto il resto fuori fuoco, e la seconda che riprende il giovane venditore di colombari riflesso nello specchio di un negozio sul quale per un attimo si avvicina con lo zoom, il talentuoso regista abbandona ogni altra forma di presenza della regia per lasciare che siano gli attori, la storia, ma soprattutto i silenzi (incapacità comunicativa), a raccontare di questo drammatico inno all’amore, fino all’ultima, lunga sequenza del pianto della brava Yang Kue-mei.
Una storia che si compone di soli tre personaggi, indissolubilmente legati dai loro corpi (Ah-Rong vive il corpo di lei con quella, Hsiao-Kang lo vive su se stesso).
Amore marginale di vite ai margini della metropoli, appartamenti fatiscenti o lussuosamente spogli, diversi modi di concepire la modernità. Un film che fa del realismo (intellettuale) la sua forza narrativa, capace di associare amore e morte, sesso e suicidio, con un filo sottilissimo di spietata ironia.
Coraggioso ed intenso come lo sguardo di Hsiao-Kang, prima di un sofferto bacio omosessuale, "Vive l'amour" si presta bene ad essere guardato e riguardato in "loop", come sfondo maledetto di una realtà che nessuno ha voglia di razionalizzare, e che è quella della dissoluzione dei rapporti umani allo stato puro, senza interferenze di trama e fronzoli stilistici, in un montaggio di piani sequenza che senza accorgercene potrebbe benissimo essere quello operato dalla nostra mente tutti i giorni, vivendo esistenze esauste, false, trascinate e svuotate di senso, con la maggior parte del tempo trascorsa a far cose che ci negano.
Leone d'Oro (ex aequo con "Prima della Pioggia" di Milcho Manchevski) alla Mostra del Cinema di Venezia (1994).
Commenti del pubblico
Nickname:
Password:
 
REGISTRATI «
PSWD DIMENTICATA «







Ultimi commenti e voti
Medaglia d'Argento (113 Commenti, 59% gradimento) kikujiro Medaglia d'Argento Lunedì 16 Settembre 2013 ore 22:10
voto al film:   7,5

Ultime Schede
Stray dogs
Visage
Il gusto dell'anguria
Che ora è laggiù?
The Hole - Il buco
Il fiume
Vive l'amour
Tsai Ming-liang
Un'umanità qualunque e sempre vagante
Tsai Ming-liang
Leggi l'intervista a Tsai Ming-liang per “Il gusto dell'anguria
Flash non disponibile
Copyright 2017 ©