Homepage Recensioni dei film News sul Cinema Speciali sul Cinema Interviste Film in TV Programmazione dei Cinema (Roma) Trailer dei film Coming soon Libri di Cinema Storia del Cinema Est Film Festival

Recensione: Vision (2009)

Scrivi un Commento COMMENTA Vota il film VOTA Invia questa pagina via e-mail a chi vuoi tu Stampa questa pagina
Vision
titolo originale Vision - Aus dem Leben der Hildegard von Bingen
nazione Germania
anno 2009
regia Margarethe von Trotta
genere Drammatico / Biografico
durata 111 min.
cast B. Sukowa (Hildegard von Bingen) • H. Ferch (monaco Volmar) • H. Herzsprung (Richardis von Stade) • G. Held (abate Kuno) • L. Stolze (Jutta) • D. Striesow (Federico Barbarossa)
sceneggiatura M. von Trotta
musiche C. HeyneH. Bingen
fotografia A. Block
montaggio C. Dietz
uscita prevista

 non ancora disponibile 
media voti redazione
Vision Trama del film
Hildegard von Bingen – realmente esistita – è la decima figlia di una ricca e nobile famiglia tedesca e si accorge ben presto di avere una spiccata sensibilità visionaria, ma lo nasconde a tutti. Alla nascita è stata promessa a Dio e all’età di 8 anni consegnata ad un Monastero Benedettino. Diventata più tardi la badessa del convento, abile nella medicina, ha una sconvolgente apparizione che le ordina di rivelare messaggi divini di cui è a conoscenza. Nonostante lo scetticismo e il sospetto di eresia, il Papa la sostiene e le concede di pubblicare le sue visioni. La sua vita cambia, costruisce un suo convento e dà vita ad un rivoluzionario approccio umanista e femminista alla fede.

Recensione “Vision”

a cura di Glauco Almonte  (voto: 5,5)
Era qualche anno che non arrivava in Italia un prodotto di Margarethe Von Trotta, confinata ormai nella sfera mitica dei registi che, in passato, hanno dato qualcosa alla settima arte. Dal passato riemerge trascinando con sé un passato ancor più remoto, un medioevo sullo schermo a cui non corrisponde un medioevo del cinema, ma nemmeno un presente. La storia di Hildegard von Bingen viene riesumata e proposta ad un pubblico che meno interessato non si potrebbe; una monaca e le sue visioni, le sue battaglie, il fascino che il successo ha su di lei, l’importanza della morte in un ambiente che non ha altri diversivi: questo traspare dallo schermo, non le sue capacità filosofiche e scientifiche ridotte ad una passione, preferendo calcare la mano sulla sua visionarietà, confondendo una forma stilistica con un dono.
La narrazione è lineare e pacata per non dire piatta, eccezion fatta per il colpo di testa che, con uno zoom ed un effetto speciale degno delle apparizioni fantozziane, trasforma la giovane monaca in una giovane pazza (pardon, messia): un momento di follia che Margarethe si guarda bene dal riproporre, portando avanti con professionalità un film che avrebbe avuto qualche possibilità in più se concepito come una miniserie televisiva.
Commenti del pubblico
Nickname:
Password:
 
REGISTRATI «
PSWD DIMENTICATA «







Ultimi commenti e voti
Il film non è stato ancora commentato.
Ultime Schede
Recensione Vision Scheda: King Arthur - Il potere della spada  di G. Ritchie
Die abhandene Welt
Hannah Arendt
Vision
Festival di Roma 2009
Festival Internazionale del Film, dal 15 al 23 ottobre
Flash non disponibile
Copyright 2017 ©