Homepage Recensioni dei film News sul Cinema Speciali sul Cinema Interviste Film in TV Programmazione dei Cinema (Roma) Trailer dei film Coming soon Libri di Cinema Storia del Cinema Est Film Festival

Recensione: L'enigma di Kaspar Hauser

Leggi i commenti 1 COMMENTO Vota il film 6 VOTI Invia questa pagina via e-mail a chi vuoi tu Stampa questa pagina
L'enigma di Kaspar Hauser
titolo originale Jeder fur sich und gott gegen alle
nazione Germania
anno 1974
regia Werner Herzog
genere Drammatico
durata 110 min.
cast B. S. (Kaspar Hauser) • W. Bauer (Borgomastro) • H. Fritsch (Hiltel) • W. Meyer Furst (Il dottore) • H. Doring (Lord Stanhope)
sceneggiatura W. Herzog
musiche T. AlbinoniW. Mozart
fotografia J. Schimdt-Reitwein
montaggio B. Mainka Jellinghaus
media voti redazione
L'enigma di Kaspar Hauser Trama del film
All'alba del 26 maggio 1828, in una piazza di Norimberga viene trovato un giovane sporco e sbigottito. Tra le mani ha una lettera anonima in cui si dice che, abbandonato dalla madre, è stato educato da un contadino il quale non puo più averne cura e quindi lo affida al locale capitano di cavalleria. I contemporanei fantasticano che possa trattarsi di un figlio spurio di Napoleone o addirittura di un principe, ma nessuno conosce la verità. In un primo tempo messo in prigione, poi affidato alla pietà del carceriere che se lo porta a casa, deriso come fenomeno da baraccone, adottato da un anziano insegnante e da una nobile inglese, il giovane, dopo essere scampato a due attentati, viene ucciso nel 1833, forse dallo stesso sconosciuto che lo aveva lasciato sulla piazza. L'autopsia accerterà che aveva il cervello più piccolo del normale e questa sembrerà la giusta spiegazione della sua debolezza mentale. Sepolto ad Ansbach, è rimasto un enigma, alcuni considerandolo un impostore altri un simbolo di innocenza.

Recensione “L'enigma di Kaspar Hauser”

a cura di Riccardo Rizzo  (voto: 8)
"Ho proprio l'impressione che la mia apparizione quì, su questa terra, sia stata una caduta pesante..."

Il tema è quello del “ragazzo selvaggio”, ispiratore di tante leggende ma anche di tanti romanzi, studi scientifici e ricerche sociologiche: basti pensare a Paul Verlaine, George Trakl e Max Weber. Anche Herzog ci racconta il “suo” ragazzo: Kaspar Hauser. Simbolo dell’estraneità da tutto e tutti (“…più vivo e meno mi piace questo mondo…”), e al tempo stesso al centro delle attenzioni di tutti. C’è chi lo deride, chi gli vuole bene, chi lo vede un pericolo per la comunità, chi lo educa…
E’ l’estraneo per eccellenza, fuori da qualsiasi norma giuridica, religiosa o sociale; la sua passione per l’apprendimento della comunicazione non cancella un mondo interiore che nessuno potrà mai conoscere. Un mondo di sogni e incubi, di visioni premonitrici, di angoscia e di morte…Alla fine la morte arriverà, senza volto e senza un motivo, e quando l’autopsia rivelerà che il cervello di Kaspar è più piccolo del normale, il dubbio di chi credeva nella sua idiozia viene sciolto. Non vengono sciolti invece i dubbi di chi vede in lui il simbolo dell’innocenza, ma anche di una mente libera e rivoluzionaria, lontana da dogmi e ipocrisie. Bruno S., lui stesso cresciuto orfano tra riformatori e carceri, è assolutamente straordinario. Ogni suo movimento, ogni suo sguardo ha la regalità di un’interpretazione teatrale e la carica espressiva di un quadro, magistralmente accompagnato da un doppiaggio eccezionale e da una fotografia splendida.
Memorabili le scene con i due pastori luterani e con il professore di matematica.
Commenti del pubblico
Nickname:
Password:
 
REGISTRATI «
PSWD DIMENTICATA «







Ultimi commenti e voti
Utente di Base (13 Commenti, 50% gradimento) Tesla Venerdì 15 Settembre 2017 ore 15:07
voto al film:   8,5

Medaglia di Bronzo (77 Commenti, 76% gradimento) yanquiuxo Medaglia di Bronzo Lunedì 15 Maggio 2017 ore 19:59
voto al film:   8

Herzog porta lo spettatore ad avere un rapporto umano con Kaspar, guidandolo con la musica, le immagini e le parole nell'intimo mondo di un emarginato che mi ha fatto tornare in mente il Merrick di Lynch in quanto a bontà d'animo e profondità emotiva. Sceneggiatura veramente superlativa.
Ti è piaciuto il commento?  
Utente di Base (11 Commenti, 62% gradimento) Overman1844 Giovedì 26 Febbraio 2015 ore 20:23
voto al film:   8

Utente di Base (0 Commenti, 0% gradimento) charlie91 Mercoledì 5 Novembre 2014 ore 13:57
voto al film:   8,5

Utente di Base (4 Commenti, 25% gradimento) nowave Martedì 25 Ottobre 2011 ore 11:41
voto al film:   8

Utente di Base (43 Commenti, 63% gradimento) Monta17 Domenica 25 Settembre 2011 ore 18:06
voto al film:   8

News sul film “L'enigma di Kaspar Hauser”
L'enigma di Kaspar Hauser Mestre, al Candiani i film di Werner Herzog Mestre, al Candiani i film di Werner Herzog  (31 Marzo 2007)
Ultime Schede
Into the Inferno
Queen of the Desert
Cave of Forgotten Dreams
My Son, My Son, What Have Ye Done?
Il cattivo tenente - Ultima chiamata New Orleans
Grizzly man
L'ignoto spazio profondo
Il Diamante Bianco
Invincibile
Woyzeck
La ballata di Stroszek
L'enigma di Kaspar Hauser
Werner Herzog
Il cameraman e il testo poetico
COMPRA
IL DVD
Compra il Dvd L'enigma di Kaspar Hauser
Incontri alla fine del mondo  di W. Herzog
Nuovo cinema tedesco  di A. Izzi, G. Spagnoletti
Dal Tibet a Hollywood. Bertolucci, Scorsere e Herzog: tre sguardi occidentali sul buddhismo  di A. Izzi
Segni di vita. Werner Herzog e il cinema  di G. Paganelli
Werner Herzog. La conquista dell'inutile  di W. Herzog
Flash non disponibile
Copyright 2017 ©