Homepage Recensioni dei film News sul Cinema Speciali sul Cinema Interviste Film in TV Programmazione dei Cinema (Roma) Trailer dei film Coming soon Libri di Cinema Storia del Cinema Est Film Festival

Recensione: Salvo

Leggi i commenti 3 COMMENTI Vota il film 4 VOTI Invia questa pagina via e-mail a chi vuoi tu Stampa questa pagina
Salvo
titolo originale Salvo
nazione Italia
anno 2012
regia Fabio GrassadoniaAntonio Piazza
genere Drammatico / Sentimentale
durata / note 104 min. / opera prima
cast S. Bakri (Salvo) • L. Lo Cascio (Enzo Puleo) • S. Serraiocco (Rita) • G. Perriera (Mimma Puleo) • M. Pupella (Boss)
sceneggiatura F. GrassadoniaA. Piazza
fotografia D. Ciprì
montaggio D. Rayner
uscita nelle sale 27 Giugno 2013
media voti redazione
Salvo Trama del film
Salvo è un killer di mafia, senza radici e senza affetti. Incaricato di eliminare un boss rivale incontra in casa la sorella cieca dell'uomo. Un evento miracoloso e imponderabile spinge Salvo a portarla in un luogo sicuro e a tenerla nascosta a tutti, anche al suo capo.
Scheda a cura di Flavia D'Angelo










Perseguendo con rigore un'idea di cinema già matura, Piazza e Grassadonia firmano uno dei migliori esordi italiani degli ultimi anni. Scivolando impercettibilmente oltre i confini tra i generi, il film evita la ricerca autocompiaciuta della poeticità, conquistando immagini belle e forti nel loro rigore. Nota di merito anche ad un'esplorazione delle potenzialità degli effetti sonori insolita per il cinema italiano.
REGIA - FOTOGRAFIA - ORIGINALITÀ - EFFETTI SONORI
RITMO - TENSIONE
---
Commenti del pubblico
Nickname:
Password:
 
REGISTRATI «
PSWD DIMENTICATA «







Ultimi commenti e voti
Utente di Base (46 Commenti, 45% gradimento) doubleangel Venerdì 2 Gennaio 2015 ore 23:03
voto al film:   7

Medaglia d'Argento (166 Commenti, 65% gradimento) Clavius Medaglia d'Argento Giovedì 26 Settembre 2013 ore 17:09
1 1
voto al film:   5

Un inizio promettente che strizza gli occhi a certo cinema di genere francese. L'idea di partenza è stimolante ma dopo essersi avviato su una strada intrigante, il film barcolla ed inciampa su una sceneggiatura a dir poco minimale. Un mediometraggio stirato fino 104 minuti. Troppi. La fotografia professionale è interessante ma non così originale. Gli attori se la cavano a dispetto di profili bidimensionali ai quali è quasi impossibile dare spessore. A tratti sembra ammiccare al "Drive" di Refn con esiti deficitari.
Ti è piaciuto il commento?  
Medaglia d'Oro (265 Commenti, 70% gradimento) mimma Medaglia d'Oro Lunedì 1 Luglio 2013 ore 08:46
1 1
voto al film:   6

Concordo con Ale84. Ma perchè il "nuovo" cinema italiano sembra fatto in serie? Cosa aggiunge questa pellicola al tanto celebrato "L'intervallo"? E perchè annoia? Siamo a Palermo e a Palermo, si sa, di malavita si tratta, non ci sono altri temi. Un fortuito incontro con una non vedente imprime una svolta che alla fine si rivela fatale per la vita di un novello Schwarzenegger. ll ritmo esasperatamente lento,idialoghi e la colonna sonora praticamente inesistenti, le inquadrature quasi sempre fisse e al buio, l'atmosfera asfittica conducono a fatica lo spettatore verso un prevedibile finale. Convincente l'interpretazione dell'attrice, inusuale il ruolo di Lo Cascio.
Ti è piaciuto il commento?  
Medaglia d'Oro (682 Commenti, 68% gradimento) ale84 Medaglia d'Oro Sabato 29 Giugno 2013 ore 11:34
2 1
voto al film:   5,5

Dopo i premi vinti a Cannes e l'entusiasmo della critica, era lecito aspettarsi qualcosa di più. Il film non ha ritmo, è di rara pesantezza, e presenta molte scene completamente inutili o di cui sfugge il significato (complice anche il solito siciliano stretto che i non siciliani faticano a comprendere e che avrebbe bisogno di sottotitoli). Ci sono squarci poetici e momenti intensi, che non lasciano dubbi sulle doti dei registi, ma sono come affogati in oceani di insignificanza. Un cortometraggio o un mediometraggio sarebbe stato a mio parere più efficace. Brava la protagonista (meno convincente il killer dagli occhi di ghiaccio e dalle repentine conversioni) e bella la fotografia, anche se un po' troppo buia, ma non basta per fare un grande film. Di gran lunga inferiore rispetto all'Intervallo, che pure presenta diversi elementi di somiglianza, o rispetto a un felice esordio come Tatanka, che almeno mostra più rispetto per il pubblico...
Ti è piaciuto il commento?  
News sul film “Salvo”
Salvo Sara Serraiocco shooting star a Berlino Sara Serraiocco shooting star a Berlino  (30 Dicembre 2015)
Salvo I vincitori dei Globi d'Oro 2014 I vincitori dei Globi d'Oro 2014  (13 Giugno 2014)
Salvo Le nominations del Globo d'Oro Le nominations del Globo d'Oro  (30 Maggio 2014)
Salvo Annunciate le cinquine dei Nastri d'Argento 2014 Annunciate le cinquine dei Nastri d'Argento 2014  (29 Maggio 2014)
Salvo Le cinquine dei David di Donatello 2014 Le cinquine dei David di Donatello 2014  (12 Maggio 2014)
Salvo Rassegna monografica su Ozpetek al Festival del Cinema di Porretta Terme Rassegna monografica su Ozpetek al Festival del Cinema di Porretta Terme  ( 4 Aprile 2014)
Salvo IX edizione di Bimbi Belli all'Arena Nuovo Sacher IX edizione di Bimbi Belli all'Arena Nuovo Sacher  ( 4 Luglio 2013)
Salvo Aperti fino al 16 settembre i bandi di Corto Dorico 2013 Aperti fino al 16 settembre i bandi di Corto Dorico 2013  (24 Giugno 2013)
Ultime Schede
Sicilian Ghost Story
Salvo
Antonio Piazza e Fabio Grassadonia
Leggi l'intervista a Antonio Piazza e Fabio Grassadonia per “Salvo
COMPRA
IL DVD
Compra il Dvd Salvo
Flash non disponibile
Copyright 2017 ©