Homepage Recensioni dei film News sul Cinema Speciali sul Cinema Interviste Film in TV Programmazione dei Cinema (Roma) Trailer dei film Coming soon Libri di Cinema Storia del Cinema Est Film Festival

Recensione: Child of God

Leggi i commenti 1 COMMENTO Vota il film 1 VOTO Invia questa pagina via e-mail a chi vuoi tu Stampa questa pagina
Child of God
titolo originale Child of God
nazione U.S.A.
anno 2013
regia James Franco
genere Drammatico
durata 104 min.
cast J. Franco (Jerry) • T. Nelson (Sceriffo Fate) • J. Parrack (Vice sceriffo Cotton) • S. Haze (Lester Ballard)
sceneggiatura J. FrancoV. Jolivette
musiche A. Embry
fotografia C. Voros
montaggio C. Clayton
uscita prevista

 non ancora disponibile 
media voti redazione
Child of God Trama del film
Child of God è basato sull’omonimo romanzo di Cormac McCarthy. La figura del protagonista o antiprotagonista, Lester Ballard, si richiama anche a Ed Gein, un killer che è realmente esistito negli anni Cinquanta e che ha inoltre ispirato il libro Psycho di Robert Bloch. È affascinante notare come tre prodotti molto diversi fra loro possano derivare dalla stessa fonte. In questo progetto vedevamo la possibilità di analizzare l’isolamento estremo. Quel macabro tema sarebbe stato affrontato in maniera responsabile, ma la sua funzione principale era di mostrare, in un modo certamente intenso, che cosa significhi volersi disperatamente collegare ad altri esseri umani e non essere capaci di farlo. È stato, questo, il nostro approccio: presentare un uomo desideroso di comunicare con i morti in quanto erano i soli che non l’avrebbero rifiutato. Egli è spinto in questa terribile situazione perché è stato completamente escluso dalla società civile. Che cosa fa l’individuo quando non riesce a tenere il passo con tutti i nuovi sistemi di civilizzazione e socializzazione? Lester passa dalla fattoria alla capanna, alla caverna e, infine, a un vero e proprio vagabondaggio sotto terra. È un reietto, con il quale tuttavia possiamo, noi tutti, essere collegati. La chiave del film sta nella proposta di qualcosa che è sia intenso sia guardabile. Lester è effettivamente un killer e un individuo disturbato, in alcun modo il suo comportamento è perdonabile, ma nella sfera dell’arte un personaggio come lui può essere utilizzato per studiare ciò che c’è dentro ciascuno di noi. E, diamine, quell’uomo è perfino un po’ divertente. È un killer imbranato.
Commenti del pubblico
Nickname:
Password:
 
REGISTRATI «
PSWD DIMENTICATA «







Ultimi commenti e voti
Medaglia d'Oro (282 Commenti, 80% gradimento) giampaolosy Medaglia d'Oro Giovedì 2 Novembre 2017 ore 02:43
voto al film:   5,5

Cormac McCarthy é un grandissimo autore classico letteralmente saccheggiato dal cinema, con risultati alterni e discontinui. E' la solita vecchia storia della letteratura nel cinema. Quello che é certo é che vedendo il film non si puo' non ripensare al romanzo e chiedersi perché. Che necessita' aveva James Franco di rifarsi al Figlio di Dio e mettere in scena una storia devastante come quella in modo cosi'...naturale?. La pazzia e la violenza di Lester infatti nel film non sembrano avere nessuna spiegazione cosi' come il suo deambulare nei campi tra i vivi, i morti e i pupazzi che gli fanno compagnia. Alla fine malgrado una dignitosissima fotografia viene da chiedersi che risultato volesse ottenere James Franco. Se, come afferma, si trattava di studiare cio' che e' dentro di noi non sembra riuscirvi se voleva semplicemente stupire con un personaggio in fondo "divertente" non fa ridere. In entrambi i casi la missione non é compiuta. Da non sottolineare uno Scott Haze animalesco.
Ti è piaciuto il commento?  
Ultime Schede
In Dubious Battle - Il coraggio degli ultimi
The Sound and the Fury
Child of God
As I Lay Dying
Festival di Venezia 2013
70a Mostra del Cinema dal 28 agosto al 7 settembre
Flash non disponibile
Copyright 2017 ©