Homepage Recensioni dei film News sul Cinema Speciali sul Cinema Interviste Film in TV Programmazione dei Cinema (Roma) Trailer dei film Coming soon Libri di Cinema Storia del Cinema Est Film Festival

Recensione: L'altra Heimat - Cronaca di un sogno (2013)

Leggi i commenti 1 COMMENTO Vota il film 1 VOTO Invia questa pagina via e-mail a chi vuoi tu Stampa questa pagina
L'altra Heimat - Cronaca di un sogno
titolo originale Die andere Heimat - Chronik einer sehnsucht
nazione Germania
anno 2013
regia Edgar Reitz
genere Drammatico / Storico
durata 230 min.
cast J. Schneider (Jakob Simon) • A. Bill (Jettchen) • M. Scheidt (Gustav Simon) • M. Breuer (Margarethe Simon) • J. PercevalW. Herzog
sceneggiatura E. ReitzG. Heidenreich
musiche M. Riessler
fotografia G. Roll
montaggio U. Klimmeck
uscita nelle sale 31 Marzo 2015
media voti redazione
L'altra Heimat - Cronaca di un sogno Trama del film
A metà del XIX secolo centinaia di migliaia di europei emigrarono in America del Sud nel tentativo disperato di sottrarsi alle carestie, alla povertà e al dispotismo che dominavano i loro paesi. Il loro motto era: “Qualunque sorte è migliore della morte”. Sullo sfondo di questa tragedia dimenticata si inserisce la storia di due fratelli consapevoli del fatto che solo i loro sogni potranno salvarli. Il più giovane, Jakob, legge tutti i libri su cui riesce a mettere le mani e sogna di lasciare il suo villaggio, Schabbach, per vivere avventure in un continente sconosciuto. Il ragazzo studia le lingue dei nativi sudamericani e tiene nota dei suoi eroici tentativi di spingersi oltre i confini delle campagne dello Hunsrück in un diario stupefacente, che non solo racconta la sua storia, ma rispecchia le aspirazioni e le filosofie di un’intera epoca. Chiunque incontri Jakob è trascinato nel vortice dei suoi sogni: i suoi genitori, il suo bellicoso fratello Gustav e soprattutto Henriette, l’avvenente figlia di un intagliatore di gemme caduto in disgrazia. Il ritorno di Gustav dal servizio militare è destinato a mandare in frantumi il mondo di Jakob e il suo amore per Henriette.
Scheda a cura di Rosario Sparti










La Germania del 1840 è una terra devastata dalla miseria sociale, in cui non resta che sognare terre lontane dove emigrare. Si anela l’altrove, ma ciò che si desidera non è altro che il diritto alla felicità. I protagonisti di quest’affresco domestico - esteticamente splendido e ricco di scene memorabili - non fanno altro che cercare d’indirizzare le loro vite verso un domani migliore o perlomeno libero dalle maglie del destino.
REGIA - SCENEGGIATURA - MUSICHE - FOTOGRAFIA - POETICITÀ
---
---
Commenti del pubblico
Nickname:
Password:
 
REGISTRATI «
PSWD DIMENTICATA «







Ultimi commenti e voti
Medaglia d'Oro (681 Commenti, 67% gradimento) ale84 Medaglia d'Oro Giovedì 2 Aprile 2015 ore 09:16
1
voto al film:   9

Film immenso in tutti i sensi, a partire dalla durata: affresco storico mirabile, realizzato con una splendida fotografia in bianco e nero, grande e disperata storia d'amore, riflessione filosofica sul sogno e sulla felicità, saga familiare. In questo film c'è tutto, c'è il pulsare della vita e c'è un amore per la storia e per i personaggi come raramente capita di vedere al cinema. Tantissime sono le scene memorabili e degne di entrare nell'antologia del meglIo del cinema del XXI secolo. Da non perdere.
Ti è piaciuto il commento?  
Ultime Schede
L'altra Heimat - Cronaca di un sogno
Heimat 3
Werner Herzog
Il cameraman e il testo poetico
Festival di Venezia 2013
70a Mostra del Cinema dal 28 agosto al 7 settembre
Nuovo cinema tedesco  di A. Izzi, G. Spagnoletti
Edgar Reitz  di M. Galli
 di P. Di Giuseppe
Flash non disponibile
Copyright 2017 ©