Homepage Recensioni dei film News sul Cinema Speciali sul Cinema Interviste Film in TV Programmazione dei Cinema (Roma) Trailer dei film Coming soon Libri di Cinema Storia del Cinema Est Film Festival

Recensione: Francofonia

Leggi i commenti 2 COMMENTI Vota il film 2 VOTI Invia questa pagina via e-mail a chi vuoi tu Stampa questa pagina
Francofonia
titolo originale Francofonia
nazione Francia / Germania / Olanda
anno 2015
regia Aleksandr Sokurov
genere Storico / Drammatico
durata 87 min.
cast L. de Lencquesaing (Jacques Jaujard) • V. Nemeth (Bonaparte) • B. Utzerath (Franz Wolff-Metternich) • J. Altes (Marianne)
sceneggiatura A. Sokurov
fotografia B. Delbonnel
montaggio H. Weißbrich
uscita prevista

 non ancora disponibile 
media voti redazione
Francofonia Trama del film
Enormi eserciti calpestano il cuore della civiltà e il fuoco dei cannoni sta nuovamente imperversando. Tra i massacri e le rovine, tutto quanto era maestoso, magnifico e sacro, tutto quanto aveva richiesto milioni di minuti e ore di ostinato lavoro per essere costruito, viene raso al suolo. Jacques Jaujard e il conte Franz Wolff-Metternich lavorarono insieme per proteggere e salvaguardare il tesoro del Museo del Louvre.
Commenti del pubblico
Nickname:
Password:
 
REGISTRATI «
PSWD DIMENTICATA «







Ultimi commenti e voti
Medaglia d'Argento (163 Commenti, 65% gradimento) Clavius Medaglia d'Argento Giovedì 4 Febbraio 2016 ore 01:53
1
voto al film:   4,5

Insopportabilmente pedante, storicamente scorretto, visivamente a tratti ridicolo. Verbosissimo nonostante il soggetto si prestasse a fare delle immagini il centro dell'opera. Non è poesia e nemmeno saggio storico, ma la solita (e ormai noiosa) tiritera che dipinge il nazismo come il supremo dei mali; reo in questo caso di aver messo a repentaglio per ignoranza le meraviglie dell'Hermitage e per ingordigia quelle del Louvre. Il tutto imbastito con uno sperimentalismo da quattro soldi del quale sembrava capace solo il peggior Greenaway. Sfido sinceramente che lo si voglia rivedere con un qualche interesse. Sokurov è ahimè il prodotto di certa critica che sogna che dalla Russia ci arrivi un nuovo Tarkovskij, ed è incapace di ammettere che tra i due c'è un abisso intellettuale. Una critica che scambia una certa allure autorale come le stimmate del genio, mentre, gratta gratta, sotto la superficie non c'è quasi niente.
Ti è piaciuto il commento?  
Medaglia d'Oro (682 Commenti, 68% gradimento) ale84 Medaglia d'Oro Domenica 10 Gennaio 2016 ore 20:16
voto al film:   8

Ennesimo capo d'opera del maestro russo: sublime e complessa riflessione sul rapporto tra arte e potere, commossa elegia alla bellezza immortale della pittura, amara denuncia delle meschine ambizioni dei governanti. Non tutti i momenti del film sono ugualmente riusciti, ma le parti migliori sono da pelle d'oca, ed entrano di diritto nella storia della settima arte. Da non perdere per chi ha amato Arca russa e in generale la filmografia, sempre sospesa tra poesia e saggio, di Sokurov.
Ti è piaciuto il commento?  
News sul film “Francofonia”
Francofonia Cinema d'autore al Multisala Flavia Cinema d'autore al Multisala Flavia  (11 Aprile 2016)
Francofonia Francofonia Film della Critica 2015 "Francofonia" Film della Critica 2015  (21 Dicembre 2015)
Ultime Schede
Recensione Francofonia Scheda: King Arthur - Il potere della spada  di G. Ritchie
Francofonia
Faust
Alexandra
Il sole
Madre e figlio
Festival di Venezia 2015
72a Mostra del Cinema dal 2 al 12 settembre
I corpi del potere. Il cinema di Aleksandr Sokurov  di M. Pezzella, A. Tricomi
Flash non disponibile
Copyright 2017 ©