Homepage Recensioni dei film News sul Cinema Speciali sul Cinema Interviste Film in TV Programmazione dei Cinema (Roma) Trailer dei film Coming soon Libri di Cinema Storia del Cinema Est Film Festival

Recensione: The end of the tour

Leggi i commenti 4 COMMENTI Vota il film 6 VOTI Invia questa pagina via e-mail a chi vuoi tu Stampa questa pagina
The end of the tour
titolo originale The end of the tour
nazione U.S.A.
anno 2015
regia James Ponsoldt
genere Drammatico / Biografico
durata 106 min.
cast J. Eisenberg (David Lipsky) • J. Segel (David Foster Wallace) • J. Cusack (Patty) • A. Chlumsky (Sarah) • M. Gummer (Julie) • M. Sumner (Betsy) • B. BakerM. Cunningham
sceneggiatura D. Margulies
musiche D. Elfman
fotografia J. Ihre
montaggio D. Navarro
uscita nelle sale 11 Febbraio 2016
media voti redazione
The end of the tour Trama del film
Basato sul libro del giornalista David Lipsky "Come diventare se stessi", il film racconta l’intervista che il giornalista del magazine Rolling Stone fece nel 1996 con lo scrittore e saggista David Foster Wallace, morto suicida nel 2008. L’intervista durò cinque giorni e si svolse durante la parte finale del tour che David Foster Wallace intraprese attraverso gli Stati Uniti per promuovere quella che oggi è considerata la sua opera culto, "Infinite Jest".
Scheda a cura di Flavia D'Angelo










Merito dell'incredibile sceneggiatura di Margulies, "The end of the tour" riesce a prescindere dalla conoscenza pregressa del personaggio Foster Wallace e della sua opera letteraria, conquistando un respiro universale nel racconto impetuoso di un incontro di ambizioni, timori e passioni che rivela, strato dopo strato, quel turbine di genio e fragilità che rende speciale ogni essere umano.
REGIA - SCENEGGIATURA - RITMO - ORIGINALITÀ - IMPEGNO - POETICITÀ
FOTOGRAFIA - MONTAGGIO
---
Commenti del pubblico
Nickname:
Password:
 
REGISTRATI «
PSWD DIMENTICATA «







Ultimi commenti e voti
Medaglia d'Oro (223 Commenti, 80% gradimento) giampaolosy Medaglia d'Oro Venerdì 9 Dicembre 2016 ore 03:45
1
voto al film:   7

Perché si è ucciso David Foster Wallace? Non è una domanda ma solo la constatazione di una realtà che segna l'inizio e la fine di End Of The Tour, un film sicuramente necessario per far conoscere un personaggio simbolo della cultura americana di fine secolo; discusso, incompreso e sfuggente ma all'unanimità considerato come un grandissimo rappresentante della letteratura USA. La bellezza del film sta nella capacità di ricreare, oltre a un'epoca, quella dei '90 così vicini e così lontani, la figura di antidivo di Wallace, il suo carattere, il suo pensiero, attraverso uno scambio continuo con l'altro David che diventa per forza di cosa a sua volta protagonista del film. Due esseri umani che si incontrano, comunicano in un America già avviata ad essere quella che oggi conosciamo eppure ancora così lontana dagli stereotipi attuali, una conversazione a tratti leggera e a tratti pesante almeno quanto le 1000 pagine di Infinite Jest. Bellissima la colonna sonora curata da Danny Elfman
Ti è piaciuto il commento?  
Medaglia d'Oro (681 Commenti, 67% gradimento) ale84 Medaglia d'Oro Sabato 27 Febbraio 2016 ore 20:23
1
voto al film:   7,5

Il biopic è il più insidioso dei generi: se garantisce la presenza di un pubblico, rischia facilmente di degenerare nell'agiografia, nel "santino" più convenzionale e superficiale. Il film di Ponsoldt evita questo peccato capitale grazie alla scelta di concentrarsi sullo scontro generazionale e di rinunciare in partenza a offrire un ritratto completo di Wallace: riesce così a mantenere un buon equilibrio, e perfino a commuovere lo spettatore in più punti, invogliandolo ad approfondire la conoscenza dello sfuggente scrittore.
Ti è piaciuto il commento?  
Utente di Base (1 Commento, 0% gradimento) marcus14 Venerdì 19 Febbraio 2016 ore 13:46
voto al film:   7

Medaglia d'Oro (261 Commenti, 71% gradimento) mimma Medaglia d'Oro Lunedì 15 Febbraio 2016 ore 09:07
voto al film:   7,5

Medaglia d'Argento (169 Commenti, 75% gradimento) Bardamu1991 Medaglia d'Argento Martedì 12 Gennaio 2016 ore 02:22
2
voto al film:   7,5

Ci sono film che speri possano non conoscere mai la fine. E invece la fine giunge: del film, 'del tour', e della vita stessa.
Una delle scene più vibranti è quella in cui Lipsky, assente Wallace [ironia della sorte: sono due David, vicendevoli], in stato febbrile gira per casa, e registra tutto ciò che vede, a trattenere quanto più possibile appartenesse a quell'uomo fragile, straordinario, sfuggente, sospeso tra l'idea di come si è e di come si appare.
'Infinite Jest' come 'Le grandi bagnanti' di Cezanne (il raffronto compare sottilmente in una sua intervista televisiva del '97): una delle ultime tele del pittore francese, una delle più importanti da un punto di vista meramente dimensionale ma anche artistico.
Non resta, ora, che lanciarsi nell'impresa di leggere le mille pagine, "dal peso di un chilo e mezzo", di quel romanzo spartiacque di Wallace. Leggerlo, e lasciare che ci spacchi il cuore.
Ti è piaciuto il commento?  
Medaglia d'Argento (151 Commenti, 73% gradimento) Zurlistuta Medaglia d'Argento Mercoledì 6 Gennaio 2016 ore 16:53
1
voto al film:   7,5

Guardare un film su DFW sapendo come lui si considerasse anti-star fa un pó sorridere.
Non fa ridere assolutamente la qualitá del film, ottima come la sceneggiatura. Io Wallace me lo immagino proprio cosi, nevrotico a tratti, tenero, nerd!
Lipsky anche sembra ben interpretato, il tutto fa venire tanat voglia di leggere il suo monumentale Infinite Jest, magari un giorno...
Bel film, imperdibile per i fan di DFW.
Ti è piaciuto il commento?  
Ultime Schede
The end of the tour
Festival di Roma 2015
Festa del Cinema di Roma, dal 16 al 24 ottobre
Flash non disponibile
Copyright 2017 ©