Homepage Recensioni dei film News sul Cinema Speciali sul Cinema Interviste Film in TV Programmazione dei Cinema (Roma) Trailer dei film Coming soon Libri di Cinema Storia del Cinema Est Film Festival

Recensione: La promesse

Leggi i commenti 2 COMMENTI Vota il film 3 VOTI Invia questa pagina via e-mail a chi vuoi tu Stampa questa pagina
La promesse
titolo originale La promesse
nazione Belgio
anno 1997
regia Jean-Pierre DardenneLuc Dardenne
genere Drammatico
durata 90 min.
cast J. Renier (Igor) • O. Gourmet (Roger) • A. Ouedraogo (Assita)
sceneggiatura J. DardenneL. Dardenne
musiche J. ByllyD. M'Punga
fotografia A. Marcoen
montaggio M. Dozo
media voti redazione
La promesse Trama del film
Nel tristissimo Belgio di oggi, un ragazzo gestisce un traffico di extracomunitari con un padre senza scrupoli pronto a picchiarlo se sorprende il figlio in atteggiamento di solidarietà verso di loro. Alla visita di alcuni emissari dell'ufficio emigrazioni, un africano precipita da un impalcatura nel tentativo di fuggire ai controlli. In punto di morte, l'uomo chiede al giovane di occuparsi della moglie e della figlia ancora in fasce. Per farlo, dovrà mandare al diavolo l'imbruttito genitore ed iniziare un calvario per nascondere alla donna la vera fine del disgraziato marito.

Recensione “La promesse”

a cura di Andrea Olivieri  (voto: 7,5)
Vedere dall'interno, superare la fedele riproduzione che concede allo spettatore una visione ancora, per lo meno, confortante. Ogni sequenza è sempre una visione del mondo, un messaggio. Quel mobilissimo stare incollati al volto e al collo dei personaggi, le macchine da presa come gocce di sudore, la tensione drammatica che fuoriesce da sè, da uno sguardo o da un gesto, da un'attesa o da una titubanza.
Un ritratto di un rapporto tra padre e figlio (non il primo, e non l'ultimo) di una durezza sconvolgente, e soprattutto sulla dolorosa ricerca (sacrificale) della pietà e della compassione. Della purezza, ormai perduta. E non c'è modo migliore per mostrare questo travaglio se non la crudezza del vero filtrata attraverso il melodramma, e una spietata speranza.
Tutti i personaggi dei fratelli Dardenne subiscono la solitudine e combattono, non per dei valori di solidarietà, ma per il vivere il quotidiano, per resistere al presente. Lottano nella vita sgomitando esattamente come sono costretti a fare per essere inquadrati dalla macchina da presa, che li bracca facendosi largo attraverso i corpi pesanti delle persone che li circondano e li coprono: un padre, una madre o un datore di lavoro. E come quei corpi, anche la macchina da presa può sbattere contro ostacoli inaspettati.
Questa è la storia e la memoria dei personaggi dei Dardenne, ed è attraverso la ripetizione meccanica di tali gesti banali, assurdi, che si riesce a intuire la loro esistenza.
Presentato in concorso al Festival di Cannes (1996) al Sydney Film Festival (1997) e al Toronto International Film Festival (1996).
Commenti del pubblico
Nickname:
Password:
 
REGISTRATI «
PSWD DIMENTICATA «







Ultimi commenti e voti
Medaglia d'Argento (172 Commenti, 75% gradimento) Bardamu1991 Medaglia d'Argento Domenica 26 Giugno 2016 ore 22:19
voto al film:   6,5

Medaglia d'Oro (273 Commenti, 64% gradimento) anzianzi Medaglia d'Oro Mercoledì 19 Novembre 2014 ore 09:37
1
voto al film:   7,5

un ragazzino, cresciuto da una bestia tra le bestie e già ben avviato anche lui, non può più soffocare la propria natura umana e - nonostante il divieto del suddetto padre, il rischio di perdere il quale è il rischio minore - si comporta di conseguenza. il film è tutto qui: una giacca a vento rossa e blu che va in giro tra detriti e calcinacci e che a un certo punto cambia "direzione". non ne fa un dramma (lo è già), non sta lì a macerarsi tra le (già) macerie, né diventa chissà che paladino del bene: fa quel che va fatto e basta, da quel povero cristo (bambino) che è prende su di sé il male del mondo perché semplicemente non può fare altrimenti. solo due volte ride, lo fanno ridere - è l'apice della crudeltà, e come ci si sente non si può dire. dardennismo puro, primordiale, piccolissimo ed enorme, inguardabile e meraviglioso.
Ti è piaciuto il commento?  
Medaglia d'Oro (265 Commenti, 70% gradimento) mimma Medaglia d'Oro Mercoledì 31 Luglio 2013 ore 08:37
1
voto al film:   8

La privazione degli affetti nell'infanzia/adolescenza e lo sfruttamento dell'immigrazione clandestina sono le note salienti di questo bellissimo film duro, scarno e disincantato dei due registi che non indulgono mai - come noto - alla facile commozione o al sentimentalismo. Ma il sovraccarico di tensioni emozionali accumulatesi e sempre trattenute a sprazzi affiora con dirompente efficacia come nella scena tiratissima dell'abbraccio fra Igor e Assita che questi sta cercando di salvare schiacciato dai sensi di colpa e dalla difficile decisione che lo porterà ad affrancarsi definitivamente dal padre. Da vedere.
Ti è piaciuto il commento?  
Ultime Schede
Recensione La promesse Scheda: King Arthur - Il potere della spada  di G. Ritchie
La ragazza senza nome
Due giorni, una notte
Il ragazzo con la bicicletta
Il matrimonio di Lorna
L'enfant - Una storia d'amore
Rosetta
La promesse
Jean-Pierre e Luc Dardenne
Figure essenziali di vissuto ai margini
I fratelli Dardenne
Leggi l'intervista a I fratelli Dardenne per “L'enfant - Una storia d'amore
Il cinema di Jean-Pierre e Luc Dardenne  di L. Mosso
Flash non disponibile
Copyright 2017 ©