Homepage Recensioni dei film News sul Cinema Speciali sul Cinema Interviste Trailer dei film Coming soon Libri di Cinema Storia del Cinema Est Film Festival Civita Cinema

Recensione:

Scrivi un Commento COMMENTA Vota il film VOTA Invia questa pagina via e-mail a chi vuoi tu Stampa questa pagina
titolo originale
nazione
anno
regia
genere
durata / note n.d. / B/N

Recensione “”

La recensione del film “” non è disponibile.
Commenti del pubblico



Ultimi commenti e voti
Medaglia d'Argento (171 Commenti, 75% gradimento) Bardamu1991 Medaglia d'Argento Domenica 26 Giugno 2016 ore 22:19
voto al film:   6,5

Medaglia d'Oro (273 Commenti, 64% gradimento) anzianzi Medaglia d'Oro Mercoledì 19 Novembre 2014 ore 09:37
1
voto al film:   7,5

un ragazzino, cresciuto da una bestia tra le bestie e già ben avviato anche lui, non può più soffocare la propria natura umana e - nonostante il divieto del suddetto padre, il rischio di perdere il quale è il rischio minore - si comporta di conseguenza. il film è tutto qui: una giacca a vento rossa e blu che va in giro tra detriti e calcinacci e che a un certo punto cambia "direzione". non ne fa un dramma (lo è già), non sta lì a macerarsi tra le (già) macerie, né diventa chissà che paladino del bene: fa quel che va fatto e basta, da quel povero cristo (bambino) che è prende su di sé il male del mondo perché semplicemente non può fare altrimenti. solo due volte ride, lo fanno ridere - è l'apice della crudeltà, e come ci si sente non si può dire. dardennismo puro, primordiale, piccolissimo ed enorme, inguardabile e meraviglioso.
Ti è piaciuto il commento?  
Medaglia d'Oro (264 Commenti, 70% gradimento) mimma Medaglia d'Oro Mercoledì 31 Luglio 2013 ore 08:37
1
voto al film:   8

La privazione degli affetti nell'infanzia/adolescenza e lo sfruttamento dell'immigrazione clandestina sono le note salienti di questo bellissimo film duro, scarno e disincantato dei due registi che non indulgono mai - come noto - alla facile commozione o al sentimentalismo. Ma il sovraccarico di tensioni emozionali accumulatesi e sempre trattenute a sprazzi affiora con dirompente efficacia come nella scena tiratissima dell'abbraccio fra Igor e Assita che questi sta cercando di salvare schiacciato dai sensi di colpa e dalla difficile decisione che lo porterà ad affrancarsi definitivamente dal padre. Da vedere.
Ti è piaciuto il commento?  
Ultime Schede

Leggi l'intervista a per “
Flash non disponibile
Copyright 2018 ©