Homepage Recensioni dei film News sul Cinema Speciali sul Cinema Interviste Film in TV Programmazione dei Cinema (Roma) Trailer dei film Coming soon Libri di Cinema Storia del Cinema Est Film Festival

Recensione: L'uomo senza passato

Leggi i commenti 2 COMMENTI Vota il film 9 VOTI Invia questa pagina via e-mail a chi vuoi tu Stampa questa pagina
L'uomo senza passato
titolo originale Mies vailla menneisyyttä
nazione Finlandia
anno 2002
regia Aki Kaurismaki
genere Commedia
durata 97 min.
cast M. Peltola (M.) • K. Outinen (Irma)
sceneggiatura A. Kaurismaki
fotografia T. Salminen
montaggio T. Linnasalo
media voti redazione
L'uomo senza passato Trama del film
M, appena arrivato a Helsinki in cerca di lavoro, viene aggredito alla stazione da un gruppo di teppisti, le cui percosse gli fanno perdere la memoria. Deve ripartire da zero: non ha casa, non ha un lavoro, non ha un passato. Ma ricomincia a vivere e trova anche l'amore...

Recensione “L'uomo senza passato”

a cura di Andrea Olivieri  (voto: 7)
Aki Kaurismaki fa morire il suo protagonista dopo meno di cinque minuti. Cineasta pessimista per eccellenza, disincantato osservatore dell'emarginazione umana, Kaurismaki ha sempre ritratto personaggi disperati o improbabili, sempre destinati alla sconfitta e all'indifferenza. Non cambia stavolta, ma imprime una diversa, all'apparenza sorprendentemente leggera, direzione alla sua storia. M., infatti, si rialza di colpo, si raddrizza il naso ed esce dall'ospedale. Andrà a vivere in una bidonville fatta di container abbandonati in riva al mare, in mezzo ad altri "sguardi" dimenticati da tutti. M., che non ricorda niente di sé, sperimenterà le conseguenze dell'amnesia sulla sua pelle. Ma non c'è tristezza o disperazione tra i rinnegati. M., infatti, aiutato da Irma, un'assistente sociale e grazie all’ospitalità degli occupanti, prenderà in mano le redini della sua vita, trovando un impiego, una sua dimensione e infine una nuova identità.
"L'uomo senza passato" riversa nel ritmo decrescente e in un suggestivo silenzio, i prodotti della sua cinefilia avida e convulsa, che attinge innanzitutto dal melodramma, poi dal muto, dalla commedia e dalla satira; descrive ancora un luogo d’indeterminatezza ritagliato ai margini della miseria sociale: una povertà che, nonostante tutto, non intende arrendersi ad un’esistenza il cui ricordo rischia la graduale obliterazione.
Si tratta dunque di un'opera di pura invenzione sul mondo contemporaneo, di una fiaba il cui contesto può essere verosimile ma il cui sviluppo è indiscutibilmente "irrealista". Il mondo vero, purtroppo, è quello delle prime sequenze, il resto è, appunto, un'illusione: i colori stessi sono quelli di un sogno ovattato.
M. è morto subito e il film è la storia del suo ritorno tra i vivi. Solo attraverso l'occhio del morto possono apparire con evidenza l'idiozia delle istituzioni e la purezza dei sentimenti di solidarietà tra i diseredati.
Un atto di fiducia, irrefrenabile, nella dignità dell'individuo; nelle sue vicissitudini, anche le più dolorose, le più incomprensibili. Una commedia pastello e piena di speranza, dove la vita è riscrivibile nel cinema, in una sorta di realismo anti-virtuale.
Un mondo a parte quello di Kaurismaki. Un'umanità alla Charlie Chaplin, di poche parole, impermeabile, indolente, toccante.
Gran Premio della Giuria e premio alla migliore interpretazione femminile a Kati Outinen al Festival di Cannes (2002).
Commenti del pubblico
Nickname:
Password:
 
REGISTRATI «
PSWD DIMENTICATA «







Ultimi commenti e voti
Utente di Base (34 Commenti, 60% gradimento) franz65 Lunedì 4 Gennaio 2016 ore 16:23
voto al film:   8

oddio sempre lo stesso kaurismaki, ritmi, silenzi, però lo sguardo è notevole, ogni volta intenso.
Ti è piaciuto il commento?  
Utente di Base (0 Commenti, 0% gradimento) charlie91 Mercoledì 4 Novembre 2015 ore 16:28
voto al film:   8,5

Medaglia d'Oro (682 Commenti, 68% gradimento) ale84 Medaglia d'Oro Martedì 3 Novembre 2015 ore 23:05
voto al film:   7,5

Medaglia d'Argento (106 Commenti, 59% gradimento) cartillo Medaglia d'Argento Mercoledì 30 Luglio 2014 ore 15:20
voto al film:   7

Medaglia d'Argento (172 Commenti, 75% gradimento) Bardamu1991 Medaglia d'Argento Martedì 22 Luglio 2014 ore 22:53
voto al film:   6,5

Medaglia d'Argento (113 Commenti, 59% gradimento) kikujiro Medaglia d'Argento Lunedì 7 Maggio 2012 ore 22:11
voto al film:   9

Utente di Base (0 Commenti, 0% gradimento) vincent Martedì 28 Febbraio 2012 ore 17:27
voto al film:   8,5

Medaglia d'Oro (320 Commenti, 66% gradimento) AlessioRocco Medaglia d'Oro Sabato 25 Febbraio 2012 ore 11:33
voto al film:   6,5

''n atto di fiducia, irrefrenabile, nella dignità dell'individuo;'' l'essenza del film.
Ti è piaciuto il commento?  
Medaglia di Bronzo (76 Commenti, 30% gradimento) Pierrot Medaglia di Bronzo Lunedì 31 Ottobre 2011 ore 21:34
voto al film:   7

News sul film “L'uomo senza passato”
L'uomo senza passato Aki Kaurismaki a Fiesole Aki Kaurismaki a Fiesole  (15 Giugno 2006)
L'uomo senza passato A Cannes Sofia Coppola, Almodovar e forse Moretti A Cannes Sofia Coppola, Almodovar e forse Moretti  (21 Marzo 2006)
Ultime Schede
L'altro volto della speranza
Miracolo a Le Havre
Le luci della sera
L'uomo senza passato
Juha
Nuvole in viaggio
Vita da bohème
Aki Kaurismaki. Dialogo con Peter von Bagh  di P. Von Bagh
Aki Kaurismaki  di P. Gioffredi
Flash non disponibile
Copyright 2017 ©