Homepage Recensioni dei film News sul Cinema Speciali sul Cinema Interviste Film in TV Programmazione dei Cinema (Roma) Trailer dei film Coming soon Libri di Cinema Storia del Cinema Est Film Festival

Recensione: Pater Familias

Scrivi un Commento COMMENTA Vota il film 2 VOTI Invia questa pagina via e-mail a chi vuoi tu Stampa questa pagina
Pater Familias
titolo originale Pater Familias
nazione Italia
anno 2003
regia Francesco Patierno
genere Drammatico
durata 87 min.
cast D. Balsamo (Alessandro) • L. Iacuzio (Matteo) • F. Pirozzi (Michele) • F. Bonavolontà (Rosa) • F. Di Leva (Gerardo) • P. Oliva (Roberto) • M. Dalisi (Gegè)
sceneggiatura M. CacciapuotiF. Patierno
musiche A. Talocci
fotografia M. Marchetti
montaggio L. Gazzolo
media voti redazione
Pater Familias Trama del film
Matteo, un ragazzo di 30 anni, ritorna dopo 10 anni nel suo paese natio vicino Napoli. Apparentemente il suo ritorno è dettato da un pretesto: l'imminente morte del padre. In realtà Matteo che sta scontando in carcere una condanna per omicidio ha ancora un debito col passato...

Recensione “Pater Familias”

a cura di Andrea Olivieri  (voto: 8)
L'aspetto tradizionale della costruzione drammatica e della visione (nella sua essenzialità stilistica, nella modestia estetica registica) per raccontare una storia. Come nel cinema non solamente imposto da una sceneggiatura, quello di Patierno si alimenta di ciò che gli sta attorno, stabilendo con l'ambiente una sorta di complicità, di significati che scivolano lentamente in una progressione intelligente verso la strada della sfumatura contemplata dietro l'azione ‘quotidiana’; in questo sconvolgimento ‘virtuoso’ (il lavoro del drammaturgo) che conduce all'alienazione ‘figurativa’, alla presa di coscienza, non sono certo assenti le convenzioni espressive (d'obbligo), che rimettono in questione le psicologie dei personaggi, che rendono la loro indignata enunciazione sottomessa così vicina alla relatività della vita. Il fascino e la riuscita del film nasce dal fatto che questi 'contrasti' implacabilmente osservati, lontani dall'essere espressi simbolicamente o miticamente, si svolgono sullo schermo con estrema semplicità: con un realismo vicino alla cronaca della trasgressione che fallisce, nell'ordine naturale, dominato dal contrasto fra la linea dell'orizzonte e la verticalità delle figure, evanescente delle osservazioni poetiche o perlomeno stranianti.
Presentato al 53mo Festival di Berlino.
Commenti del pubblico
Nickname:
Password:
 
REGISTRATI «
PSWD DIMENTICATA «







Ultimi commenti e voti
Utente di Base (40 Commenti, 27% gradimento) andrea_cavax Giovedì 22 Dicembre 2011 ore 22:00
voto al film:   6

Medaglia d'Oro (313 Commenti, 59% gradimento) Pangur Medaglia d'Oro Sabato 27 Agosto 2011 ore 14:31
voto al film:   7,5

News sul film “Pater Familias”
Pater Familias Est Film Festival: Moretti e Avati ospiti Elite Est Film Festival: Moretti e Avati ospiti Elite  (24 Luglio 2008)
Pater Familias 'La Meglio Gioventù': 20 esordi italiani 'La Meglio Gioventù': 20 esordi italiani  (24 Settembre 2007)
Pater Familias Ciak per Francesco Patierno Ciak per Francesco Patierno  ( 1 Luglio 2006)
Pater Familias Fabio Volo diventa Il giocatore Fabio Volo diventa "Il giocatore"  ( 2 Maggio 2006)
Ultime Schede
Recensione Pater Familias Scheda: Alps  di Y. Lanthimos
Naples '44
La gente che sta bene
Cose dell'altro mondo
Il mattino ha l'oro in bocca
Pater Familias
Est Film Festival 2008
26 luglio-2 agosto - Montefiascone (Viterbo)
Flash non disponibile
Copyright 2017 ©