Homepage Recensioni dei film News sul Cinema Speciali sul Cinema Interviste Film in TV Programmazione dei Cinema (Roma) Trailer dei film Coming soon Libri di Cinema Storia del Cinema Est Film Festival

Recensione: Non ti muovere

Leggi i commenti 5 COMMENTI Vota il film 10 VOTI Invia questa pagina via e-mail a chi vuoi tu Stampa questa pagina
Non ti muovere
titolo originale Non ti muovere
nazione
anno 2004
regia Sergio Castellitto
genere Drammatico
durata 125 min.
cast S. Castellitto (Timoteo) • P. Cruz (Italia) • C. Gerini (Elsa)
sceneggiatura S. CastellittoM. Mazzantini
musiche L. Godoy
fotografia G. Corticelli
montaggio P. Marone
media voti redazione
Non ti muovere Trama del film
In un giorno di pioggia, una quindicenne cade dal motorino: l'ambulanza la trasporta nell'ospedale in cui il padre Timoteo lavora come chirurgo. Mentre un collega opera la ragazza, Timoteo rimane in attesa, ripensa al passato e si mette a nudo, facendo cadere la propria maschera di genitore e di marito modello. In un immaginario dialogo con la figlia, rivela la storia di un amore extraconiugale potente e viscerale consumato in una torrida estate di tanti anni prima, con una una donna docile e derelitta di nome Italia...

Recensione “Non ti muovere”

a cura di Andrea Olivieri  (voto: 7)
La telecamera scende lentamente dall'alto inquadrando un casco desolatamente solo sull'asfalto. La solita folla di curiosi che silenziosamente assiste alla tragedia; urlo concitato delle sirene di un'ambulanza pronta a fare l'ennesimo viaggio della speranza o della disperazione.
E lì per terra, all'apparenza priva di vita, una povera quindicenne tradita dal suo motorino in una giornata piena di pioggia.
Il ricovero in ospedale è celere, così come la preoccupante diagnosi (trauma cranico); è necessario operarla d'urgenza per rimuoverle l'ematoma, altrimenti c'è il rischio di perderla per sempre.
Un diario ritrovato nello zaino della ragazzina allarma la caposala di chirurgia; è la figlia di Timoteo, uno dei chirurghi del reparto.
Il padre, davanti al profilarsi di una disgrazia così immane, incomincia un lungo viaggio con la memoria che lo porterà ad analizzare un episodio oscuro della sua vita: il ricordo di un amore potente e viscerale, impossibile ma autentico.
Il dramma si mescola all'ironia tragica dell'esistenza.
Ed ecco apparire un’estate arroventata di tanti anni prima, una squallida periferia urbana, una donna con un nome spropositato: Italia.
Da questa giornata feroce ed assurda è nata la storia d’amore che lo ha resuscitato, tormentato, salvato.
Tratto dall'omonimo romanzo di Margaret Mazzantini, Castellitto dà forma e spessore a sentimenti profondi e violenti, a ricordi laceranti e a un dolore difficile da cancellare.
Lavorando su immagini brevi, crude e intense, corpi avvinghiati, dettagli, sguardi e silenzi, il regista dà corpo ad un personaggio impegnativo e complesso e ne mette a nudo ogni sfumatura, con un'interpretazione vibrante e sofferta.
Penelope Cruz è intensa e commovente; riesce a incarnare con estremo realismo e fisicità una donna spenta, piena di cicatrici interne, segnata da una vita di squallore e abbandono.
Cupo, viscerale, rabbioso, Castellitto regala al suo personaggio una vitalità difficile da classificare; la sua bravura sta proprio nel saper esprimere senza raccontare retoricamente un mondo interiore che vuole uscire, ma non attraverso la via "eccessiva" della parola.
Allora a contare sono i gesti, gli sguardi, il linguaggio del corpo.
L'impatto fra i due protagonisti mette a nudo l'anima di entrambi: smaschera le zone d'ombra di lui e porta alla luce la profonda capacità di amare di lei.
Introspettivo e intelligente, la pellicola si mette al servizio dell’umore raccontato; oggetto inconsueto e amaro, lascia negli occhi la parlata e la camminata entrambe sbilenche di Italia, gli odori e i rumori di una realtà degradata su cui si preferisce tacere; soprattutto, costringe l’individuo a riflettere.
David di Donatello 2004 per la migliore attrice (Penelope Cruz) e miglior attore (Sergio Castellitto).
Presentato in concorso al 57mo festival di Cannes (2004).
Commenti del pubblico
Nickname:
Password:
 
REGISTRATI «
PSWD DIMENTICATA «







Ultimi commenti e voti
Medaglia di Bronzo (66 Commenti, 65% gradimento) priMario Medaglia di Bronzo Martedì 15 Gennaio 2013 ore 10:25
1
voto al film:   6

Sicuramente il più riuscito dei film della ditta Castellitto-Mazzantini, dove i consueti scivoloni del regista risultano più contenuti (o, sarebbe il caso di dire, trattenuti) e la prova degli attori è felicemente partecipata. Ma alla fine dei conti la pellicola è sempre troppo ammiccante ai gusti dello spettatore, convenzionale nelle scelte e ipocrita nel salvare il vittimismo del protagonista con i suoi sensi di colpa.
Ti è piaciuto il commento?  
Medaglia d'Oro (313 Commenti, 59% gradimento) Pangur Medaglia d'Oro Lunedì 10 Dicembre 2012 ore 18:18
1
voto al film:   6,5

Bello ma l'inizio di una triologia (collaborazioni Castellitto/Mazzantini) che diventeranno un incubo per i prossimi trent'anni.
Ti è piaciuto il commento?  
Utente di Base (9 Commenti, 44% gradimento) Nenne Domenica 9 Dicembre 2012 ore 13:57
voto al film:   7

Utente di Base (0 Commenti, 0% gradimento) martella Martedì 6 Marzo 2012 ore 21:16
voto al film:   7

Medaglia d'Oro (321 Commenti, 66% gradimento) AlessioRocco Medaglia d'Oro Lunedì 27 Febbraio 2012 ore 13:42
voto al film:   6,5

Utente di Base (7 Commenti, 85% gradimento) angelonero Sabato 7 Gennaio 2012 ore 20:46
voto al film:   7,5

Utente di Base (40 Commenti, 27% gradimento) andrea_cavax Domenica 6 Novembre 2011 ore 21:11
voto al film:   6

Medaglia di Bronzo (70 Commenti, 45% gradimento) Disc-Jockey Medaglia di Bronzo Venerdì 23 Settembre 2011 ore 15:37
1
voto al film:   8

Un tema profondo raccontato ed interpretato da un Sergio Castellitto magistrale!
Il personaggio Timoteo sembra sfidare in continuazione lo spettatore a giudicare il suo comportamento; e vince, perché credo che nessuno possa farlo...
Da applausi anche Penelope Cruz e Claudia Gerini
Ti è piaciuto il commento?  
Medaglia d'Oro (238 Commenti, 42% gradimento) AlbertoM Medaglia d'Oro Lunedì 19 Settembre 2011 ore 12:14
2 3
voto al film:   7

Un intenso film tratto dal best seller di Margaret Mazzantini. Storia di passione con due grandi interpreti. DA VEDERE
Ti è piaciuto il commento?  
Medaglia d'Oro (273 Commenti, 57% gradimento) cinemabendato Medaglia d'Oro Venerdì 13 Maggio 2011 ore 18:36
1 3
voto al film:   7

Non ti distrarre. (cit.)
Ti è piaciuto il commento?  
Ultime Schede
Fortunata
Nessuno si salva da solo
Venuto al mondo
La bellezza del somaro
Non ti muovere
Libero Burro
Sergio Castellitto  di E. Magrelli
Flash non disponibile
Copyright 2017 ©