Homepage Recensioni dei film News sul Cinema Speciali sul Cinema Interviste Film in TV Programmazione dei Cinema (Roma) Trailer dei film Coming soon Libri di Cinema Storia del Cinema Est Film Festival

Recensione: C'era una volta il West

Leggi i commenti 7 COMMENTI Vota il film 36 VOTI Invia questa pagina via e-mail a chi vuoi tu Stampa questa pagina
C'era una volta il West
titolo originale C'era una volta il West
nazione Italia
anno 1968
regia Sergio Leone
genere Western
durata 175 min.
cast C. Cardinale (Jill McBain) • H. Fonda (Frank) • J. Robards (Cheyenne) • C. Bronson (Armonica) • G. Ferzetti (Morton)
sceneggiatura S. LeoneS. Donati
musiche E. Morricone
fotografia T. Delli Colli
montaggio N. Baragli
media voti redazione
C'era una volta il West Trama del film
La frontiera con l’ovest si sta spostando; la ferrovia sta per collegare l’Atlantico al Pacifico, cancellando ciò che rimane del vecchio Far West. Intorno ai binari che avanzano, s’incrociano le strade di cinque personaggi: Frank, Armonica e Cheyenne li conosciamo, sono gli ultimi eredi di un mondo che va scomparendo; Morton, uomo d’affari, è il progresso; tutti quanti si muovono intorno a Jill, proprietaria di un terreno che vale milioni di dollari. Ognuno è alle prese con i propri problemi personali, ognuno dovrà fare i conti con la storia; come i tre pistoleri, anche Morton esce sconfitto dal confronto: lui, simbolo del progresso che ha la meglio sull’uomo, del denaro che risolve i problemi; la sua malattia è avanzata più velocemente della ferrovia. L’unica a rimanere in piedi è Jill, e se non cade è solo perché al West non appartiene, e può sopravvivergli.

Recensione “C'era una volta il West”

a cura di Glauco Almonte  (voto: 9,5)
Se ne Il buono, il brutto, il cattivo la storia fa la sua prima comparsa, destabilizzando gli equilibri del western tradizionale, qui prende il sopravvento: determina le azioni dei personaggi alle prese con una nuova realtà, mettendo in risalto l’inutilità delle tradizioni del filone classico, mentre a chiudere il tutto, sullo sfondo del treno che si spinge sempre più ad ovest, è proprio un vecchio regolamento di conti. Uccidere o morire non cambia il destino né di Frank né di Armonica: l’epopea dei grandi uomini volge al tramonto, ed è una donna il simbolo della nuova epoca (“una gran donna”, la definiscono sia Cheyenne che Armonica, quasi a legittimare la loro uscita di scena).
Nulla sarà più come prima: il messaggio dell’ultimo western di Leone è chiaro fin dall’entrata in scena dei personaggi. Colpisce riconoscere nell’uomo che uccide a sangue freddo un bambino Henry Fonda, l’eroe positivo di numerosi film; non meno particolare è l’ingresso di Armonica, tanto veloce nell’uccidere i tre uomini che lo aspettavano alla stazione quanto lento era stato Leone nel presentarceli accuratamente.
Paradossalmente, questi uomini delegittimati dalla circostanza incarnano gli archetipi del personaggio classico del western; ma, mentre il cattivo è facilmente identificabile, Armonica è un buono quasi casuale: il suo scopo è vendicarsi di Frank, tutte le sue azioni, compreso l’aiutare Jill, tendono al duello finale. Cheyenne richiama il Tuco del film precedente soltanto all’inizio, rivelandosi poi di ben altro spessore: è dalla parte di Jill pur sapendo di non poter rimanere con lei, da quella di Armonica sapendo che le loro strade si divideranno una volta sistemati i conti con Frank. È l’unico personaggio che non persegue un obiettivo personale, riuscendo a capire realmente quello che accade attorno a lui; sa già di far parte d’una “razza vecchia”, e che il futuro non riguarderà nessuno di loro tre. Jill è la novità: una donna alla conquista del West. Non è così, non inganni il suo ruolo di protagonista, perché è semplice spettatrice di un’era che si chiude, e prende coscienza del suo nuovo ruolo solo dopo l’uscita di scena degli altri, dopo che la ferrovia è arrivata a cambiare un mondo che non poteva essere il suo.
La rappresentazione dei personaggi non è lasciata solo alle loro azioni o alle loro parole, ma ad ognuno corrisponde un tema musicale: la collaborazione con Ennio Morricone raggiunge (momentaneamente) il livello più alto. Il motivo che accompagna ogni personaggio è studiato per spiegare, con la musica, le sue caratteristiche, ed è sintomatico che i titoli di coda siano accompagnati dal tema di Cheyenne, la coscienza del tramonto. Con un’eccezione, ancor più significativa: Armonica e Frank hanno due arrangiamenti dello stesso motivo, a rafforzare il parallelo tra i due avversari ‘alla vecchia maniera’, e per questo rappresentanti della stessa tipologia d’uomo. Il loro duello finale è il più lungo della carriera del regista romano, nell’alternanza tra campo lungo e inquadratura dei loro occhi s’inseriscono, a un certo punto, i ricordi di Armonica, che spiegano al pubblico, prima ancora che a Frank, le radici di quel duello.
Una preparazione ancor più lunga ha lo scontro alla stazione, degnamente celebrato: l’attesa del treno non è accompagnata dalla musica, ma da rumori naturali che, nella loro periodicità, danno luogo ad una sinfonia interrotta dal suono dell’armonica, da un breve, ma esemplare dialogo (come del resto tutti quelli del film), quindi dagli spari, al termine dei quali riprende il suo corso.
Tra le molte scene madre ve n’è una alla quale, probabilmente, Leone pensava da due anni, e non per questo film: Jill, dopo aver rovistato in ogni angolo della casa, si stende sul letto, supina; la macchina, dalla sua figura, sale, scavalca il baldacchino e, col telo semi-trasparente di mezzo, torna sul suo volto, sul suo sguardo fisso, proiettato al di là della cinepresa, al di fuori del film. Le manca solo un sorriso…
Commenti del pubblico
Nickname:
Password:
 
REGISTRATI «
PSWD DIMENTICATA «







Ultimi commenti e voti
Utente di Base (9 Commenti, 75% gradimento) Maverick Sabato 25 Febbraio 2017 ore 15:21
voto al film:   9

Medaglia d'Argento (196 Commenti, 27% gradimento) Standby Medaglia d'Argento Lunedì 21 Dicembre 2015 ore 15:46
voto al film:   8

Medaglia d'Argento (154 Commenti, 73% gradimento) Zurlistuta Medaglia d'Argento Mercoledì 13 Maggio 2015 ore 02:58
voto al film:   10

Utente di Base (39 Commenti, 72% gradimento) Asdrubbale Martedì 28 Aprile 2015 ore 20:23
voto al film:   9

Medaglia d'Argento (175 Commenti, 64% gradimento) Noodles Medaglia d'Argento Mercoledì 18 Febbraio 2015 ore 19:39
voto al film:   9,5

Utente di Base (4 Commenti, 0% gradimento) MondoZappa Sabato 31 Gennaio 2015 ore 04:20
voto al film:   9

Utente di Base (0 Commenti, 0% gradimento) Stronzo91 Mercoledì 3 Dicembre 2014 ore 12:50
voto al film:   9

Utente di Base (7 Commenti, 100% gradimento) garyson Domenica 23 Novembre 2014 ore 18:52
1
voto al film:   10

Il duello finale, da solo merita la visione del film. C. Bronson Armonica come non si è mai visto.
Ti è piaciuto il commento?  
Utente di Base (0 Commenti, 0% gradimento) lallo Domenica 16 Novembre 2014 ore 20:17
voto al film:   10

Utente di Base (4 Commenti, 66% gradimento) genjiskhan Martedì 4 Novembre 2014 ore 00:07
voto al film:   9

News sul film “C'era una volta il West”
C'era una volta il West Spettacolo-omaggio a Sergio Leone di Fabio Santini Spettacolo-omaggio a Sergio Leone di Fabio Santini  ( 3 Luglio 2014)
C'era una volta il West L'extended version di C'era una volta in America allo Spazio Oberdan L'extended version di "C'era una volta in America" allo Spazio Oberdan  (13 Marzo 2013)
C'era una volta il West Cannes ricorda i primi 20anni senza Leone Cannes ricorda i primi 20anni senza Leone  (27 Aprile 2009)
C'era una volta il West Festa di Roma: Ang Lee sostituisce Scorsese Festa di Roma: Ang Lee sostituisce Scorsese  (23 Ottobre 2007)
C'era una volta il West Martin Scorsese presenta C'era una volta il west Martin Scorsese presenta "C'era una volta il west"  (27 Settembre 2007)
C'era una volta il West Ovazioni a New York per Morricone Ovazioni a New York per Morricone  ( 5 Febbraio 2007)
Ultime Schede
Recensione C'era una volta il West Scheda: King Arthur - Il potere della spada  di G. Ritchie
C'era una volta in America
Giù la testa
C'era una volta il West
Il buono, il brutto, il cattivo
Per qualche dollaro in più
Per un pugno di dollari
Il colosso di Rodi
C'era una volta in America
L'opera indimenticabile di Sergio Leone
Sergio Leone
Leggi l'intervista a Sergio Leone per “I suoi capolavori
C'era una volta in America (eBook)  di D. Gabutti
Il cinema western da Griffith a Peckinpah  di T. D’Angela
Sergio Leone  di F. Mininni
Sergio Leone. Quando il cinema era grande  di I. Moscati
Il western. Il vero volto del cinema americano  di C. Cohen
Sergio Leone. America e nostalgia  di R. Donati
Western  di G. Lucci
Tutto il cinema di Sergio Leone  di M. Garofalo
Sergio Leone. Danzando con la morte  di C. Frayling
Flash non disponibile
Copyright 2017 ©