Homepage Recensioni dei film News sul Cinema Speciali sul Cinema Interviste Film in TV Programmazione dei Cinema (Roma) Trailer dei film Coming soon Dvd Libri di Cinema Storia del Cinema Est Film Festival

Recensione: Flags of our Fathers

Leggi i commenti 1 COMMENTO Vota il film 8 VOTI Invia questa pagina via e-mail a chi vuoi tu Stampa questa pagina
Flags of our Fathers
titolo originale Flags of our Fathers
nazione U.S.A.
anno 2006
regia Clint Eastwood
genere Guerra
durata 132 min.
distribuzione Warner Bros
cast R. Phillippe (John Bradley) • B. Pepper (Sergente Mike Strank) • J. Bell (Ralph Ignatowski) • J. Bradford (Rene Gagnon) • A. Beach (Ira Hayes) • J. Cross (Franklin Sousley)
sceneggiatura P. Haggis
musiche C. Eastwood
fotografia T. Stern
montaggio J. Cox
uscita nelle sale 10 Novembre 2006
media voti redazione
Flags of our Fathers Trama del film
E' l'immagine più significativa della Guerra del Pacifico – l’attimo immortalato da una macchina fotografica in cui cinque Marines e un Ufficiale Sanitario della Marina americana piantano la bandiera Americana sul Monte Suribachi, nei giorni della sanguinosa battaglia per il presidio giapponese di Iwo Jima, isola sperduta con spiagge scure e cave di zolfo. Solo tre dei sei soldati sono tornati vivi – John "Doc" Bradley, l'Ufficiale Sanitario della Marina; Ira Hayes, un timido americano di origini pellerossa e Rene Gagnon, un portaordini militare che non ama fare fuoco con il suo fucile.

Recensione “Flags of our Fathers”

a cura di Vaniel Maestosi  (voto: 5,5)
La battaglia sul Pacifico è per il cinema americano una sorta di chiodo fisso, punto di paura da affrontare continuamente. Come non poteva Clint Eastwood, americano con stelle e strisce tatuate nell’anima, rendere omaggio a una delle immagini più importanti dell’intera storia bellica Usa. Quella bandiera issata sopra la vetta del Monte Suribachi, territorio sacro giapponese, ha significato più di quello che realmente significava. Una sorta di errore comodo capace di far vincere una guerra.
È un giorno che puzza di zolfo come l’isola bombardata per giorni e ci troviamo nel mezzo di un assalto tremendo, la regia sceglie toni violentissimi e camera a spalla ma non riesce mai ad essere originale e resta continuamente un passo indietro allo sbarco in Normandia del “Soldato Ryan” o al lento progredire filosofico della “Sottile Linea Rossa”.
In un momento di pausa la bandiera viene fatta piantare in alto sul monte come fiducia per il resto delle truppe che ancora sono in mare. La bandiera domina l’intera baia ed evoca conforto, postazione assicurata, certezze.
Poi improvvisamente una foto, un’immagine semplice scattata quasi per caso cambia il destino, il corso di una guerra, la vita di tre uomini, apre un altro film, si esce dal campo di battaglia e si entra nell’intrigo politico, nella logica del “buono di guerra” da comprare ad ogni costo per vincere la stessa.
La foto finisce sui giornali, crea l’icona che la vittoria è in pugno, infonde calma ad un paese sfiduciato, tanto felice di entrare in una guerra quanto pronto a stufarsi delle proprie incapacità.
Joe Rosenthal dell’Associated Press, autore della foto, è diventato famoso come Warhol… I tre soldati della bandiera costretti ad assumere un ruolo che non esiste, loro in fondo neanche l’hanno issata quella bandiera, una pagliacciata milionaria che gonfia le orecchie e gli occhi di un paese incantato-bile con un semplice trucco-piffero.
Fu anche coniata una moneta con questa immagine ci ricorda Eastwood durante la presentazione del film e per quella battaglia morirono quasi 7.000 americani. Ce lo ricorda perchè noi non lo ricordiamo e ce lo mostra, ennesimo videogioco da battaglia, poi cerca d’incastrarci una storia e la gonfia di americanismo, di buoni sentimenti, di facce giuste, di sporcizia politica, di senatori viscidi, di bandiere… la gonfia e basta fino a un finale inutilmente lento, quasi ridicolo nella parafrasi biografica dei protagonisti, mai in fondo interessanti veramente da meritare un epilogo, figuriamoci poi così lungo.
Un merito di Clint: “Gli uomini fanno la guerra per difendere i compagni, quelli che cadono accanto, magari mai visti prima …
Un demerito di Clint: perché non far trasparire che proprio questa “divina” bandiera ha finanziato le bombe atomiche?
Troppa America tutta insieme.
Commenti del pubblico
Nickname:
Password:
 
REGISTRATI «
PSWD DIMENTICATA «







Ultimi commenti e voti
Utente di Base (0 Commenti, 0% gradimento) CitizenKane Lunedì 10 Novembre 2014 ore 01:08
voto al film:   5,5

Medaglia d'Oro (450 Commenti, 65% gradimento) diego93 Medaglia d'Oro Venerdì 15 Marzo 2013 ore 13:04
voto al film:   6,5

Eastwood fa quello che nessuno ha mai fatto prima: girare un intero film basato su una fotografia. Prendendo spunto dallo stupendo romanzo di James Bradley (figlio del personaggio protagonista, John, che compare nel celebre scatto), il film si concentra piu' sulla fama e sul potere mediatico che e' scaturito dall'istantanea fatta sul monte Suribachi, arrivando a rovinare le famiglie dei soldati che fecero parte della fotografia. Soffre troppo nelle scene iniziali, un po' lente, mentre la sequenza della battaglia, seppur girata con mestiere, non appaga come quella de Salvate il soldato Ryan (e infatti produce Spielberg).Un film comunque personale e ambizioso, tutto sommato riuscito,da confrontare con Letters from Iwo Jima, che tratta della stessa battaglia vista con gli occhi dei giapponesi.
Ti è piaciuto il commento?  
Utente di Base (3 Commenti, 0% gradimento) JohannesBorgen Sabato 5 Maggio 2012 ore 21:47
voto al film:   6,5

Utente di Base (0 Commenti, 0% gradimento) vincent Martedì 28 Febbraio 2012 ore 16:44
voto al film:   8,5

Utente di Base (0 Commenti, 0% gradimento) DogeDandolo Lunedì 16 Gennaio 2012 ore 00:32
voto al film:   6,5

Utente di Base (43 Commenti, 60% gradimento) Monta17 Domenica 8 Gennaio 2012 ore 02:10
voto al film:   5

Utente di Base (0 Commenti, 0% gradimento) droogalex Giovedì 1 Dicembre 2011 ore 15:44
voto al film:   8

Utente di Base (44 Commenti, 52% gradimento) Enrico88 Mercoledì 15 Giugno 2011 ore 20:54
voto al film:   6,5

News sul film “Flags of our Fathers”
Flags of our Fathers Fuori concorso al Festival di Roma Tintin di Spielberg e Jackson Fuori concorso al Festival di Roma "Tintin" di Spielberg e Jackson  ( 3 Ottobre 2011)
Flags of our Fathers Haggis: Bisogna vivere e morire per il cinema Haggis: "Bisogna vivere e morire per il cinema"  ( 8 Marzo 2008)
Flags of our Fathers Letters from Iwo Jima in anteprima a Bologna "Letters from Iwo Jima" in anteprima a Bologna  (13 Febbraio 2007)
Flags of our Fathers Letters From Iwo Jima: il trailer "Letters From Iwo Jima": il trailer  (18 Dicembre 2006)
Flags of our Fathers Oscar: comincia la corsa Oscar: comincia la corsa  ( 8 Dicembre 2006)
Flags of our Fathers Box Office: La mia super Ex-ragazza al 1° posto Box Office: "La mia super Ex-ragazza" al 1° posto  (20 Novembre 2006)
Flags of our Fathers Anticipata l'uscita di Letters from Iwo Jima Anticipata l'uscita di "Letters from Iwo Jima"  (17 Novembre 2006)
Flags of our Fathers Box Office: The Departed ancora primo Box Office: "The Departed" ancora primo  (13 Novembre 2006)
Flags of our Fathers Al cinema con Sorrentino, Ken Loach e Clint Eastwood Al cinema con Sorrentino, Ken Loach e Clint Eastwood  ( 9 Novembre 2006)
Flags of our Fathers In uscita Flags of our Fathers In uscita "Flags of our Fathers"  ( 7 Novembre 2006)
Flags of our Fathers Box Office Usa: Borat batte Santa Clause Box Office Usa: "Borat" batte Santa Clause  ( 6 Novembre 2006)
Flags of our Fathers Flags of Our Fathers aprirà il Torino Film Festival "Flags of Our Fathers" aprirà il Torino Film Festival  (30 Ottobre 2006)
Flags of our Fathers Box Office Usa: Saw III conquista la vetta Box Office Usa: "Saw III" conquista la vetta  (30 Ottobre 2006)
Flags of our Fathers Flags of our Fathers: la guerra secondo Eastwood "Flags of our Fathers": la guerra secondo Eastwood  (26 Settembre 2006)
Flags of our Fathers Flags of our Fathers: il ritorno di Clint Eastwood "Flags of our Fathers": il ritorno di Clint Eastwood  ( 2 Agosto 2006)
Ultime Schede
Recensione Flags of our Fathers Scheda: L'amore bugiardo - Gone Girl  di D. Fincher
Recensione Flags of our Fathers Scheda: Ogni maledetto Natale  di G. Ciarrapico, M. Torre, L. Vendruscolo
Recensione Flags of our Fathers Scheda: I pinguini di Madagascar  di E. Darnell, S. J. Smith
Recensione Flags of our Fathers Scheda: Trash  di S. Daldry
Recensione Flags of our Fathers Scheda: Mio papà  di G. Base
Recensione Flags of our Fathers Scheda: Viviane  di R. Elkabetz, S. Elkabetz
Recensione Flags of our Fathers Scheda: Diplomacy - Una notte per salvare Parigi  di V. Schlöndorff
Recensione Flags of our Fathers Scheda: Hunger Games - Il canto della rivolta - Parte I  di F. Lawrence
Recensione Flags of our Fathers Scheda: I toni dell'amore  di I. Sachs
Recensione Flags of our Fathers Scheda: Lo Sciacallo  di D. Gilroy
Recensione Flags of our Fathers Scheda: Frank  di L. Abrahamson
Recensione Flags of our Fathers Scheda: Words and Pictures  di F. Schepisi
Recensione Flags of our Fathers Scheda: La foresta di ghiaccio  di C. Noce
Recensione Flags of our Fathers Scheda: Tre tocchi  di M. Risi
Recensione Flags of our Fathers Scheda: Interstellar  di C. Nolan
Jersey Boys
J. Edgar
Hereafter
Invictus
Gran Torino
Changeling
Lettere da Iwo Jima
Flags of our Fathers
Million Dollar Baby
Mystic River
Debito di sangue
Space cowboys
Fino a prova contraria
Mezzanotte nel giardino del bene e del male
Potere assoluto
I ponti di Madison County
Gli spietati
Paul Haggis
La libertà di cambiare, e di perdere la libertà
Clint Eastwood
Migliora come il vino, ma a volte sa di tappo
COMPRA
IL DVD
Compra il Dvd Flags of our Fathers
Clint Eastwood  di A. Piccardi
Clint Eastwood  di G. Carluccio
Clint Eastwood  di A. Pezzotta
Flash non disponibile
Copyright 2014 ©