Homepage Recensioni dei film News sul Cinema Speciali sul Cinema Interviste Film in TV Programmazione dei Cinema (Roma) Trailer dei film Coming soon Libri di Cinema Storia del Cinema Est Film Festival

Recensione: Tutta colpa di Fidel

Scrivi un Commento COMMENTA Vota il film VOTA Invia questa pagina via e-mail a chi vuoi tu Stampa questa pagina
Tutta colpa di Fidel
titolo originale La Faute à Fidel
nazione Francia / Italia
anno 2005
regia Julie Gavras
genere Drammatico
durata 99 min.
cast N. Kervel (Anna) • S. Accorsi (Fernando) • J. Depardieu (Marie) • M. Chevallier (Nonna) • G. Vallières (Cécile)
sceneggiatura J. GavrasA. Cathrine
musiche A. Amar
fotografia N. Durand
montaggio P. Dairou
uscita prevista

 non ancora disponibile 
media voti redazione
Tutta colpa di Fidel Trama del film
Anna è una bambina di 9 anni. La sua esistenza serena si snoda tra la sua casa di Parigi e la campagna di Bordeaux. Niente sembra destinato a cambiare fino a quando la sua vita di fanciulla viene scossa dall'attivismo politico dei suoi genitori. Niente sarà più come prima.

Recensione “Tutta colpa di Fidel”

a cura di Francesco Olivo  (voto: 7)
I comunisti non mangiano i bambini, ma un po’ li spaventano. Tutta colpa di Fidel è il primo film di Julie Gavras, figlia del grande Costas, tratto dall’omonimo romanzo di Domitilla Calamai.
Siamo agli inizi degli anni Settanta, Anna, nove anni, vive a Parigi con i genitori e un fratellino. La sua esistenza è sconvolta dall’improvviso impegno politico del padre (Stefano Accorsi), uno spagnolo esule in Francia. Erano una famiglia perfetta, nell’ottica della bambina: a scuola con le suore e a casa con la cameriera cubana (che le racconta gli espropri dei “Barbudos” di Castro). Ma l’idillio borghese è rotto dalla scelta del padre di diventare un militante. Una scelta repentina apparentemente priva di una minima riflessione. In realtà non è così: Accorsi, che nel maggio ’68 “lavorava”, si dedica con tanto ardore all’avventura di Allende in Cile perché dietro di sé ha delle radici che lo tormentano e che emergono solo alla fine.
Il film racconta tutti i cambiamenti visti da Anna, “una bambina reazionaria”, che vede la nuova e squallida casa invasa da gruppettari intenti a cambiare il mondo dal salotto accanto alla sua cameretta. Lei si impunta e per un po’ sembra preferire i nonni di destra con mega villone (“i comunisti ci odiano e ti vogliono rubare le bambole”) ai genitori.
Il film è carino, ironico e prende garbatamente in giro la generazione del Sessantotto. Il tutto visto con gli occhi di una bambina di nove anni, che più volte mette a nudo ingenuità ed eccessi di quello straordinario momento di cambiamenti sociali e del costume. Si ride molto e se inizialmente compaiono troppi stereotipi sugli anni Settanta, con il trascorrere della storia tutto prende corpo con grande dignità. Insomma un ottimo esordio di una regista che non segue, anzi sfotte un po’, le orme di papà.
Commenti del pubblico
Nickname:
Password:
 
REGISTRATI «
PSWD DIMENTICATA «







Ultimi commenti e voti
Il film non è stato ancora commentato.
News sul film “Tutta colpa di Fidel”
Tutta colpa di Fidel Accorsi e Clooney: Roma senza frontiere Accorsi e Clooney: Roma senza frontiere  (11 Luglio 2008)
Tutta colpa di Fidel Premio al Quirinale per Stefano Accorsi Premio al Quirinale per Stefano Accorsi  (30 Novembre 2006)
Ultime Schede
Late bloomers
Tutta colpa di Fidel
Festival di Roma 2006
Dal 13 al 21 Ottobre 2006 la prima edizione
Flash non disponibile
Copyright 2017 ©