Homepage Recensioni dei film News sul Cinema Speciali sul Cinema Interviste Film in TV Programmazione dei Cinema (Roma) Trailer dei film Coming soon Libri di Cinema Storia del Cinema Est Film Festival

Recensione: Seven

Leggi i commenti 11 COMMENTI Vota il film 68 VOTI Invia questa pagina via e-mail a chi vuoi tu Stampa questa pagina
Seven
titolo originale Seven
nazione U.S.A.
anno 1995
regia David Fincher
genere Thriller
durata 127 min.
cast B. Pitt (Detective David Mills) • M. Freeman (Detective Lt. William Somerset) • K. Spacey (John Doe) • G. Paltrow (Tracy Mills) • R. Roundtree (Martin Talbot)
sceneggiatura A. Walker
musiche H. Shore
fotografia D. Khondji
montaggio R. Francis-Bruce
media voti redazione
Seven Trama del film
Dal romanzo di Andrew Kevin Walker. Ci sono sette delitti ispirati ai sette peccati capitali. Un obeso (la gola) viene ucciso col cibo. Un avvocato famoso per l'avarizia, prima di essere ucciso è stato costretto a mangiare un pezzo di se stesso. E così via per le altre vittime, che vengono uccise secondo la pena del contrappasso rispetto agli altri peccati capitali: accidia, superbia, ira, lussuria, invidia. Incaricati delle indagini sono il giovane Pitt e il vecchio Freeman. Il primo è arrabbiato e insofferente, l'altro fatalista e metodico. Pitt ha anche una moglie che aspetta un bambino, ma lui non lo sa. Indagano in un'atmosfera di violenza inverosimile, quasi inedita...

Recensione “Seven”

a cura di Glauco Almonte  (voto: 7,5)
Gola, avidità, accidia, lussuria, superbia, invidia, ira: quale tra questi può definirsi oggettivamente un peccato? Nessuno. Per questo John Doe è grottesco agli occhi dello spettatore: la sua dimensione di criminale, di pazzo, cancella quella di servo di un Dio paradossalmente intento a punire l’uomo per quelle che sono le sue caratteristiche, quindi immagine e somiglianza divina.
Ad auto-assegnarsi il ruolo di giustiziere è, emblema del nome, un americano qualsiasi: gettata la maschera, l’americano qualsiasi rimane un semplice criminale, un mitomane col mito più pericoloso di tutti, quello che non accetta contraddittorio.
Sulle sue tracce una ‘fresca’ coppia di ispettori, complementare al punto tale da riassumere tutti i cliché del genere poliziesco-investigativo: uno anziano e prossimo alla pensione, l’altro giovane, appena trasferito, uno nero uno bianco, uno acculturato e con atteggiamento filosofico-pessimista, l’altro ignorante e impaziente fino all’ira (che poi altro non è se non rabbia e desiderio di vendetta). Dai duetti tra i detective nascono chicche notevoli, “Dante e il suo amico” o “Delitto e castigo: è sugli omicidi?”, abusato invece il “Non l’ho visto”, questa volta in riferimento al Mercante di Venezia.
Il discorso si allarga con l’intrusione nel rapporto tra i due poliziotti della moglie di Mills, un’aggiunta nella trama che sembrerebbe immotivata ma prende consistenza – e come – nel finale.
Oltre all’ottima interpretazione dei due protagonisti (quella di Morgan Freeman è forse la migliore della sua carriera, Brad Pitt ha continuato, da allora, nella sua evoluzione) è da sottolineare la fotografia cupa, in linea con un thriller diviso tra interni, spesso senza luce artificiale, ed esterni sotto la pioggia, che trova respiro proprio nella sequenza finale. La mano di Fincher, già regista di “Alien 3”, si vede soprattutto nelle scene in interni, che un buon ritmo e la musica rendono funzionali allo scopo principale, tenere sempre in allerta lo spettatore. E’ molto azzeccata la scelta della musica che da sottofondo della biblioteca (non è casuale l’accoppiata Dante-Vivaldi) diventa colonna sonora delle sequenze successive.
Infine, un appunto sulla battuta finale di Somerset, che dichiara di condividere la seconda parte di una frase di Hemingway; quella del detective è una frase ad effetto, ma priva di significato: se il mondo non fosse un bel posto, non varrebbe la pena di lottare per esso.
Commenti del pubblico
Nickname:
Password:
 
REGISTRATI «
PSWD DIMENTICATA «







Ultimi commenti e voti
Utente di Base (1 Commento, 0% gradimento) Ale3265 Domenica 9 Luglio 2017 ore 18:58
Nella recensione c'è un errore, la musica della scena della biblioteca è L'aria sulla quarta corda di Bach, non Vivaldi.
Ti è piaciuto il commento?  
Utente di Base (0 Commenti, 0% gradimento) Narcos Domenica 24 Luglio 2016 ore 14:02
voto al film:   8

Medaglia d'Argento (128 Commenti, 70% gradimento) AlbRag Medaglia d'Argento Venerdì 6 Novembre 2015 ore 16:39
voto al film:   7,5

Un cult del genere, supportato da un cast di prim'ordine e da una storia sempre avvincente.
Ti è piaciuto il commento?  
Utente di Base (4 Commenti, 100% gradimento) celticpride Lunedì 31 Agosto 2015 ore 20:41
voto al film:   9

Utente di Base (43 Commenti, 75% gradimento) Asdrubbale Giovedì 30 Aprile 2015 ore 03:28
voto al film:   7

Utente di Base (0 Commenti, 0% gradimento) Miking_27 Domenica 12 Aprile 2015 ore 14:50
voto al film:   8

Medaglia di Bronzo (77 Commenti, 64% gradimento) Hal9K Medaglia di Bronzo Domenica 8 Marzo 2015 ore 18:24
1 1
voto al film:   7,5

Un buon noir con una trama incentrata sulla realizzazione da parte di un serial killer di sette omicidi: una macabra opera, di cui si considera l'artista, sul tema dei sette peccati capitali. I due protagonisti, uno appena arrivato e uno in attesa della pensione interpretati da Brad Pritt e Morgan Freeman, sono incaricati delle indagini per fermarlo, in base agli indizi che lui lascia nella stanza di ogni vittima per condurre a quella successiva e svelare particolari sul proprio conto.
Indubbiamente coinvolgente, ha un finale a sorpresa del tutto spiazzante, che ne ha segnato senz'altro il successo e ne giustifica pienamente la visione. Aldilà dell'effetto del momento però, non tutto si incastra come dovrebbe.
Ti è piaciuto il commento?  
Medaglia di Bronzo (77 Commenti, 76% gradimento) yanquiuxo Medaglia di Bronzo Mercoledì 4 Marzo 2015 ore 15:11
voto al film:   8

Utente di Base (19 Commenti, 0% gradimento) Trinity Mercoledì 4 Marzo 2015 ore 02:17
voto al film:   8

Medaglia di Bronzo (77 Commenti, 42% gradimento) kimm86 Medaglia di Bronzo Mercoledì 18 Febbraio 2015 ore 22:17
4
voto al film:   9,5

film praticamente perfetto, attori in stato di grazia, regia magnifica e storia esemplare. E cosa rara uno dei finali piu belli della storia del cinema.
Ti è piaciuto il commento?  

News sul film “Seven”
Seven Zodiac: il trailer in italiano "Zodiac": il trailer in italiano  ( 4 Maggio 2007)
Seven Zodiac il nuovo film di David Fincher "Zodiac" il nuovo film di David Fincher  ( 1 Marzo 2007)
Seven Zodiac secondo David Fincher. Il trailer "Zodiac" secondo David Fincher. Il trailer  (20 Novembre 2006)
Seven Nessuna 'mission impossible' per Brad Pitt Nessuna 'mission impossible' per Brad Pitt  (26 Settembre 2006)
Seven David Fincher: Benjamin Button, l'eterna giovinezza David Fincher: "Benjamin Button", l'eterna giovinezza  (25 Settembre 2006)
Seven Il ritorno di David Fincher Il ritorno di David Fincher  (28 Luglio 2006)
Ultime Schede
L'amore bugiardo - Gone Girl
Millennium - Uomini che odiano le donne
The Social Network
Il curioso caso di Benjamin Button
Zodiac
Panic Room
Fight club
The Game - Nessuna regola
Seven
Alien 3
David Fincher
la curiosità non è un peccato
COMPRA
IL DVD
Compra il Dvd Seven (Collector's Edition - 2 Dvd)
The Fincher Network  di R. Donati, M. Gagliani Caputo
Flash non disponibile
Copyright 2017 ©