Homepage Recensioni dei film News sul Cinema Speciali sul Cinema Interviste Film in TV Programmazione dei Cinema (Roma) Trailer dei film Coming soon Libri di Cinema Storia del Cinema Est Film Festival

Recensione: I vitelloni

Leggi i commenti 1 COMMENTO Vota il film 11 VOTI Invia questa pagina via e-mail a chi vuoi tu Stampa questa pagina
I vitelloni
titolo originale I vitelloni
nazione Italia / Francia
anno 1953
regia Federico Fellini
genere Commedia
durata 115 min.
cast A. Sordi (Alberto) • F. Interlenghi (Moraldo) • F. Fabrizi (Fausto) • L. Trieste (Leopoldo) • R. Fellini (Riccardo) • L. Ruffo (Sandra)
sceneggiatura F. FelliniE. Flaiano
musiche N. Rota
fotografia C. CarliniO. MartelliL. Trasatti
montaggio R. Benedetti
media voti redazione
I vitelloni Trama del film
"Vitelloni" vengono chiamati, nelle città di provincia, quei giovani di buona famiglia che passano la loro giornata nell'ozio, tra il caffé, il biliardo, la passeggiata, gli inutili amori, i progetti vani. Tali sono, nella loro piccola città, cinque amici: Fausto, Moraldo, Alberto, Leopoldo, Riccardo.

Recensione “I vitelloni”

a cura di Francesco Alfani  (voto: 8,5)
Se escludiamo le partecipazioni ad alcuni film collettivi negli anni immediatamente a ridosso del 1953, “I Vitelloni” si può definire l’opera seconda di Federico Fellini, ed anche il suo primo successo di pubblico e di critica (Leone d’argento a Venezia in quell’anno). Con qualche elemento di continuità rispetto al precedente “Lo sceicco bianco” ma decisamente meglio riuscito, il film è riconosciuto da larga parte della critica come uno dei più sinceri e dei meglio riusciti del regista di Rimini, oltre che quello che forse più degli altri ne sintetizza la poetica o, diciamo così, la canonizza per la prima volta, cosicché in tale prospettiva le opere successive possono definirsi, per restare nella metafora, come virtuose variazioni sul tema. Questo è sostanzialmente vero, ma è anche evidente che nei “Vitelloni” Fellini è influenzato dalla poetica neorealista, particolarmente laddove accenna ad alcune note patetiche e di analisi sociale che contrastano con la vena intimista e fantastica che del suo cinema rappresenta l’anima più vera e migliore; due esempi su tutti, la descrizione della misera condizione sociale della famiglia di Fausto (Franco Fabrizi, non indimenticabile, in una parte che solo pochi anni dopo sarebbe stata di Marcello Mastroianni) e le sciagure sentimentali della sorella di Alberto. Chiaro che per un regista agli esordi sia difficile evitare il confronto con il main stream del cinema italiano di quegli anni; nondimeno sembra di poter dire che da questo punto di vista il film palesi qualche debolezza narrativa ed estetica. Dove invece “I Vitelloni” ritrova intatta tutta la sua forza, anche a decenni di distanza, è sotto il profilo narrativo: scritto da Fellini stesso, Ennio Flaiano e Tullio Pinelli, il film è straordinario per la capacità di tratteggiare con acume le vite dei cinque ragazzotti mai cresciuti, impenitenti sciupafemmine, allergici al lavoro, annoiati ma anche spaventati da una vita allo stesso tempo vuota e impervia, che essi preferiscono canzonare piuttosto che affrontare. Ne è il simbolo il personaggio di Alberto, interpretato da un Sordi forse ai suoi vertici di ispirazione: gigione ma disperato, moralista e vigliacco, protervamente intento a prendere in giro il mondo per ingannare se stesso, rivela il pianto celato del suo animo nella sequenza memorabile della fine dei festeggiamenti del carnevale, lungo le strade e nelle piazze vuote della città che ricordano qualche quadro di De Chirico. Eminentemente felliniana in questa descrizione di una umanità clownesca e fallimentare, la pellicola lo è anche per altri aspetti macroscopici, a partire da una scenografia piena di trovate brillanti, con una Rimini spazzata dal vento invernale e con le spiagge deserte che rende perfettamente il clima crepuscolare in cui i protagonisti sono immersi (e che è stata ricreata senza girare in loco nemmeno un fotogramma), e da una regia in più occasioni geniale: facile citare la scena finale, con la macchina da presa che si allontana dalla città e dalle camere da letto dei vitelloni, fermi, addormentati nelle loro immobili vite, seguendo il treno con cui Moraldo, alter ego del giovane Fellini, parte per il suo destino ignoto. Proprio nel personaggio di Interlenghi il regista romagnolo racchiude l’altro tema centrale del suo cinema, quello autobiografico; ed è con sicura commozione che Fellini descrive il mondo della sua giovinezza, con una partecipazione che contagia lo spettatore ad ogni visione.
Commenti del pubblico
Nickname:
Password:
 
REGISTRATI «
PSWD DIMENTICATA «







Ultimi commenti e voti
Medaglia di Bronzo (76 Commenti, 75% gradimento) yanquiuxo Medaglia di Bronzo Martedì 4 Aprile 2017 ore 23:21
1
voto al film:   8

cinque personaggi spassosi, ingenui, infantili, e un Fellini al suo secondo film la cui sceneggiatura tratteggia le personalità di questa piccola compagnia in maniera memorabile. La base stilistica del Fellini che verrà
Ti è piaciuto il commento?  
Utente di Base (42 Commenti, 74% gradimento) Asdrubbale Martedì 23 Agosto 2016 ore 03:37
voto al film:   7,5

Medaglia di Bronzo (51 Commenti, 80% gradimento) barney Medaglia di Bronzo Domenica 14 Febbraio 2016 ore 13:19
voto al film:   7

Medaglia d'Oro (265 Commenti, 70% gradimento) mimma Medaglia d'Oro Mercoledì 25 Settembre 2013 ore 11:38
voto al film:   8

Medaglia di Bronzo (66 Commenti, 65% gradimento) priMario Medaglia di Bronzo Martedì 19 Febbraio 2013 ore 11:31
voto al film:   8,5

Utente di Base (9 Commenti, 44% gradimento) Nenne Sabato 29 Dicembre 2012 ore 10:00
voto al film:   8

Utente di Base (5 Commenti, 66% gradimento) suser76 Giovedì 12 Aprile 2012 ore 17:20
voto al film:   7

Utente di Base (3 Commenti, 0% gradimento) JohannesBorgen Lunedì 12 Marzo 2012 ore 00:23
voto al film:   8

Medaglia di Bronzo (76 Commenti, 30% gradimento) Pierrot Medaglia di Bronzo Lunedì 5 Dicembre 2011 ore 20:41
voto al film:   8

Medaglia di Bronzo (73 Commenti, 58% gradimento) X-man Medaglia di Bronzo Lunedì 5 Dicembre 2011 ore 13:39
voto al film:   8,5

News sul film “I vitelloni”
I vitelloni In home video con Mustang Entertainment quattro titoli di Fellini In home video con Mustang Entertainment quattro titoli di Fellini  ( 7 Ottobre 2013)
I vitelloni Inaugurata a Rimini la Casa-Museo di Fellini Inaugurata a Rimini la Casa-Museo di Fellini  (13 Novembre 2009)
Ultime Schede
Amarcord
Roma
8 1/2
La dolce vita
Le notti di Cabiria
La strada
I vitelloni
Alberto Sordi e la sua Roma
: una mostra per il decennale della scomparsa dell'attore romano
Fellini & Fellini  di I. Moscati
Invito al cinema di Fellini  di R. Provenzano
Sogna Federico sogna  di M. Rossi
Ho sognato Anita Ekberg  di J. de Vilallonga
Federico Fellini  di J. Manganaro
Napoli-New York (eBook)  di F. Fellini, T. Pinelli
Fellini-Satyricon  di G. Grassigli, J. Reinhardt
Federico Fellini e la Spagna  di S. Miccolis
Segreti e bugie di Federico Fellini (eBook)  di G. Angelucci
La strada di Fellini  di G. Frezza, I. Pintor
C'era una volta il futuro. L'Italia della Dolce Vita  di O. Iarussi
Federico Fellini. La dolce vita  di A. Costa
Divi e Paparazzi. La Dolce Vita di Fellini  di G. Bertelli
L'Italia di Fellini  di G. Scolari
Federico Fellini. Ciò che abbiamo inventato è tutto autentico  di F. Fellini
Federico Fellini. Il libro dei sogni  di F. Fellini
Federico. Fellini, la vita e i film  di T. Kezich
Federico Fellini. Fare un film  di F. Fellini
Federico Fellini. Intervista sul cinema  di F. Fellini
I disegni di Fellini  di M. De Santi P.
Fellini Satyricon Politikon. Le vignette tra «guerra» e «partiti»  di A. Olivieri
Scritti e immaginati. I film mai realizzati di Federico Fellini  di A. Casanova
Tutti i film di Federico Fellini  di E. Giacovelli
Flash non disponibile
Copyright 2017 ©