Homepage Recensioni dei film News sul Cinema Speciali sul Cinema Interviste Film in TV Programmazione dei Cinema (Roma) Trailer dei film Coming soon Libri di Cinema Storia del Cinema Est Film Festival

Recensione: Pickpocket (diario di un ladro)

Scrivi un Commento COMMENTA Vota il film 2 VOTI Invia questa pagina via e-mail a chi vuoi tu Stampa questa pagina
Pickpocket (diario di un ladro)
titolo originale Pickpocket
nazione Francia
anno 1959
regia Robert Bresson
genere Drammatico
durata 72 min.
cast M. Lassalle (Michel) • M. Green (Jeanne) • P. Leymarie (Jacques) • J. Pelegri (commissario)
sceneggiatura R. Bresson
fotografia L. Burel
montaggio R. Lamy
media voti redazione
Pickpocket (diario di un ladro) Trama del film
Michel, è orgogliosamente convinto di essere al di sopra della giustizia e del resto dell'umanità. Diventa borsaiolo di professione e insieme a due complici frequenta luoghi affollati, come l'ippodromo e la stazione, dove compie i furti. Incurante dei consigli dei suoi amici Jeanne e Jacques viene arrestato. Quando Jeanne va a trovarlo in carcere, Michel si rende conto di amarla.

Recensione “Pickpocket (diario di un ladro)”

a cura di Glauco Almonte  (voto: 7)
La vicenda d’un uomo castrato dalla necessità di affermare la propria individualità, eppur predestinato alla redenzione ed alla salvezza, è raccontata da Bresson col solito distacco, ma una freddezza quasi eccessiva; alle ‘vive’ riflessioni del giovane, lasciate di volta in volta alla voce fuori campo o a pagine di diario, come nei due film precedenti dello stesso regista, corrispondono azioni meccaniche, affrontate tutte con la stessa apatia. L’inespressività del volto di Michel permette alla cinepresa di muoversi altrove, concentrandosi sulle sue mani dapprima tremanti, quindi sempre più sicure e veloci.
Alla messa in scena del tentativo d’autodistruzione di Michel lo spettatore assisterebbe impassibile, non meno del protagonista che lo attua e subisce al contempo, se non fosse per i frequenti salti narrativi: i bruschi cambi di scena e l’elisione di fatti determinanti per il mutamento della storia permettono al tema di fondo del film di rilanciarsi continuamente, fino a risolversi nel finale. Finale che vede Michel aggrapparsi a Jeanne riconoscendo in lei l’unico legame rimastogli con le realtà, e scoprendo in se stesso la capacità di amare; il carcere rappresenta la redenzione minima per un uomo che ha trovato la propria libertà senza cercarla, andando anzi costantemente nella direzione opposta.
Commenti del pubblico
Nickname:
Password:
 
REGISTRATI «
PSWD DIMENTICATA «







Ultimi commenti e voti
Utente di Base (3 Commenti, 0% gradimento) JohannesBorgen Lunedì 12 Marzo 2012 ore 00:23
voto al film:   8,5

Utente di Base (40 Commenti, 27% gradimento) andrea_cavax Martedì 31 Gennaio 2012 ore 19:00
voto al film:   7,5

Ultime Schede
Recensione Pickpocket (diario di un ladro) Scheda: King Arthur - Il potere della spada  di G. Ritchie
Il diavolo probabilmente
Lancillotto e Ginevra
Quattro notti di un sognatore
Pickpocket (diario di un ladro)
Così bella cosi dolce  di F. Bono, L. Cimmino, G. Pangaro
L'inquadratura sonora. Immagine e suono in Robert Bresson  di M. Piva
Robert Bresson. La meccanica della grazia  di A. Scarlato
Robert Bresson  di A. Ferrero, N. Lodato
Flash non disponibile
Copyright 2017 ©