Homepage Recensioni dei film News sul Cinema Speciali sul Cinema Interviste Film in TV Programmazione dei Cinema (Roma) Trailer dei film Coming soon Libri di Cinema Storia del Cinema Est Film Festival

Recensione: Hair

Scrivi un Commento COMMENTA Vota il film 6 VOTI Invia questa pagina via e-mail a chi vuoi tu Stampa questa pagina
Hair
titolo originale Hair
nazione U.S.A.
anno 1979
regia Milos Forman
genere Drammatico
durata 120 min.
cast J. Savage (Claude Hooper Bukowski) • T. Williams (George Berger) • B. D'Angelo (Sheila Franklin) • A. Golden (Jeannie Ryan) • D. Wright (Lafayette Hud Johnson) • C. Barnes (Dionne, Fidanzata Di Hud) • D. Dacus (Woof)
sceneggiatura M. Weller
musiche G. MacDermotJ. Rado
fotografia M. OndrícekG. Ragni
montaggio S. WarnowA. Heim
media voti redazione
Hair Trama del film
Il giovane Claude Bukowski lascia l'Oklaoma e va a New York per arruolarsi tra i marines destinati al Vietnam. A Central Park conosce un simpatico hippie, George Burger, e i suoi amici Jeannie, Woof e Lafayette, che, non essendo riusciti a fargli cambiare idea, lo convincono almeno a passare in loro compagnia i due giorni che gli restano prima di indossare la divisa. Poiché Claude vorrebbe rivedere Sheila, una ragazza incontrata nel parco, George organizza un'allegra incursione a una festa di ricchi in cui, per l'appunto, c'è anche la giovane. La trovata di George causa una zuffa: interviene la polizia ed egli finisce in prigione con i suoi amici. Ne esce per primo, grazie ai pochi risparmi di Claude, e si procura i soldi per liberare anche gli altri. Dopo una notte trascorsa a bagnarsi in un laghetto, a litigare e riappacificarsi, Claude parte per il campo. Sapendo quanto egli ci tenga a rivedere Sheila, George raggiunge la base d'addestramento, insieme alla ragazza e agli amici proprio il giorno in cui arriva per i marines, l'ordine di partire per il Vietnam. Vittima del suo stesso ingegnoso piano, escogitato per consentire a Claude e a Sheila di incontrarsi malgrado i divieti, George parte al posto dell'amico e muore in guerra.

Recensione “Hair”

a cura di Glauco Almonte  (voto: 8)
Seconda metà degli anni ’60, contestazione giovanile, figli dei fiori, new-age, ma soprattutto l’opinione pubblica americana che monta contro la guerra in Vietnam. A Broadway debutta, nella primavera del ’68, “Hair”. Nel corso degli anni si presenta diverse volte l’occasione di portare sul grande schermo questa commedia musicale: il primo a rifiutarla è George Lucas; chi l’accetta, invece, è Milos Forman, che ne è rimasto affascinato assistendo per caso a una rappresentazione teatrale (la stessa primavera del ’68 ha segnato la vita – e la carriera – del giovane regista ceco che fugge negli Stati Uniti).
Sono passati però più di dieci anni: l’operazione di Forman non ha niente a che vedere con la contestazione al governo americano, di fondo è una semplice trasposizione cinematografica che porta un messaggio forte contro la guerra, il militarismo e la retorica della patria.
La fotografia dell’America è la stessa che conosciamo oggi: il paese è spaccato in due, da una parte le città della costa, una mentalità più aperta, uno sguardo sul mondo più elastico; dall’altra, l’entroterra conservatore, tradizionalista, culturalmente arretrato. Affiancando questo contrasto a quelli tra ricchi e poveri, tra bianchi e neri, si ha uno specchio fedele di chi erano le centinaia di migliaia di ragazzi americani che combattevano in Vietnam.
Tanto Claude quanto Berger sono frutti della terra nella quale crescono: è inevitabile che il primo abbia meno spessore del secondo (in realtà Claude sembra averne, ma lo perde man mano che il film entra nel vivo), che si dimostra un gran bel personaggio oltre ogni premessa.
Forman si avvicina a loro dando l’impressione di non voler interferire: dà molto nei primi minuti, con l’eccezionale esecuzione di “Aquarius” a Central Park e l’inseguimento a cavallo. Poi li lascia andare per la loro strada, come se si limitasse ad esser testimone di un percorso comune di persone che, per la loro natura, tenderebbero a prendere strade diverse.
Regista e personaggi sembrano spartirsi il film, con i ragazzi intenti a portarne avanti la trama e Milos che prende il sopravvento nelle molte scene di stacco – si potrebbe dire di contorno, se non stessimo parlando di un musical: l’immagine dall’interno della chiesa che si apre su Claude e Sheila, inserita nella sequenza allucinata di Claude in mezzo alla folla, è spettacolare.
L’ultima parte è prevedibile, ma “Hair” non poteva chiudersi altrimenti: nella distesa di croci in cui i suoi amici piangono Berger, Forman piange le vittime della stupidità umana che risponde ai nomi di ‘patria’ e di ‘dovere’.
Commenti del pubblico
Nickname:
Password:
 
REGISTRATI «
PSWD DIMENTICATA «







Ultimi commenti e voti
Utente di Base (16 Commenti, 66% gradimento) Maverick Domenica 19 Marzo 2017 ore 19:54
voto al film:   7

Utente di Base (30 Commenti, 60% gradimento) simonani Martedì 7 Ottobre 2014 ore 20:52
voto al film:   6,5

Utente di Base (0 Commenti, 0% gradimento) mediNat Venerdì 24 Maggio 2013 ore 01:01
voto al film:   8

Utente di Base (3 Commenti, 0% gradimento) JohannesBorgen Lunedì 12 Marzo 2012 ore 00:28
voto al film:   7

Medaglia d'Oro (321 Commenti, 66% gradimento) AlessioRocco Medaglia d'Oro Lunedì 6 Febbraio 2012 ore 14:23
voto al film:   7,5

Medaglia d'Oro (313 Commenti, 59% gradimento) Pangur Medaglia d'Oro Domenica 11 Settembre 2011 ore 20:06
voto al film:   6

News sul film “Hair”
Hair Studio Universal: omaggio a Milos Forman Studio Universal: omaggio a Milos Forman  ( 3 Gennaio 2008)
Hair Studio Universal rivive il Vietnam Studio Universal rivive il Vietnam  ( 8 Novembre 2007)
Ultime Schede
L'ultimo inquisitore - Goya's Ghosts
Man on the moon
Larry Flynt - Oltre lo scandalo
Amadeus
Hair
Qualcuno volò sul nido del cuculo
Milos Forman
Manicheismo intelligente: attenuazione e interazione
COMPRA
IL DVD
Compra il Dvd Hair
Flash non disponibile
Copyright 2017 ©