Homepage Recensioni dei film News sul Cinema Speciali sul Cinema Interviste Film in TV Programmazione dei Cinema (Roma) Trailer dei film Coming soon Libri di Cinema Storia del Cinema Est Film Festival

Recensione: Millions

Leggi i commenti 1 COMMENTO Vota il film 4 VOTI Invia questa pagina via e-mail a chi vuoi tu Stampa questa pagina
Millions
titolo originale Millions
nazione Gran Bretagna / U.S.A.
anno 2004
regia Danny Boyle
genere Commedia
durata 97 min.
cast A. Etel (Damian) • L. McGibbon (Anthony) • J. Nesbitt (Ronnie) • D. Donovan (Dorothy)
sceneggiatura F. Cottrell Boyce
musiche J. Murphy (II)
fotografia A. Mantle
montaggio C. Gill
media voti redazione
Millions Trama del film
Damian e Anthony Cunningham sono due fratelli di 8 e 10 anni che hanno appena perso la madre e insieme con il padre si trasferiscono in una nuova zona residenziale fuori Manchester. La presenza ravvicinata di una linea ferroviaria attrae la curiosità del più piccolo, che trascorre gran parte del suo tempo nel suo “nascondiglio” di cartone, costruito proprio per poter spiare da vicino i frenetici passaggi dei treni.
A dodici giorni da un’ipotetica entrata dell’Inghilterra nell’euro, cade sul suo rifugio una borsa stracolma di sterline, e insieme al fratello si troverà combattuto sul come spendere una somma ingestibile per qualsiasi bambino, prima che la valuta diventi inutilizzabile. Da una parte il fratello maggiore e suoi calcoli imprenditoriali, dall’altra il piccolo in preda a una follia contemplativa che lo spinge a fare beneficenza senza alcun tipo di criterio.
Non appena i due scoprono però che quei soldi derivano in realtà da una rapina mal riuscita, cominciano i problemi, sostanziali ed etici, che costringono Damian a rapportarsi con la durezza del mondo reale.

Recensione “Millions”

a cura di Giordano Rampazzi  (voto: 6)
C’è un vero grande limite in “Millions”, ed è imputabile in modo chiaro alla sua natura di commedia per famiglie. Questa nuova creazione del regista Danny Boyle è, in sostanza, il film che non ti aspetti.
La sceneggiatura nasce come narrazione incentrata su un bambino di 8 anni, che ci racconta il mondo con gli occhi di chi ha voglia di crescere, ma non è ancora in grado di assegnare una profondità matura a ciò che accade al di fuori della sua visuale fantastica e ingenua.
Da questo ne segue un racconto leggero, che affronta temi come la concezione del denaro nella civiltà occidentale, la morte, la famiglia, la spiritualità, il distacco dalle cose come opportunità di crescita. Ottima materia di analisi, inserita in una chiave di lettura ironicamente brit-pop che si avvale della grandiosità di inquadrature, colori, musiche, montaggio ed effetti speciali, ma che stenta nel trovare un’intimità e un’identità che non siano solamente visionarie o equivocamente buoniste.
E neanche la mano acida e virtuosa dell’autore di Trainspotting, dopo una primo tempo curioso e a suo modo grazioso, può intensificare una seconda parte a tratti intelligente, a tratti fastidiosamente melensa. Idee come la sarcastica rappresentazione dei santi (Santa Chiara che fuma uno spinello) o come la raffigurazione di una Manchester dai colori capricciosamente ipersaturi, coprono solo parzialmente l’incompletezza del soggetto e la carenza di scorrevolezza di diversi tratti di film.
Millions” è, in conclusione, un film che parte da buone intenzioni, ma che evidentemente non si addice troppo al regista inglese, pieno di idee ingegnose e capace di creare atmosfere decisamente interessanti, ma non in grado di gestire un tipo di pubblico che non è e non potrà mai essere il “suo”.
Una particolare nota di merito va a chi ha scelto il lentigginoso Alex Etel come bambino protagonista. Buone doti di “attore”, ma soprattutto perfetto per il ruolo grazie a un’espressività intrinsecamente limpida e ingenua.
Colonna sonora apprezzabilissima, con brani originali di John Murphy, ma anche canzoni del calibro di “La petit fille de la mer” di Vangelis, “Hysteria” e “Black out” dei Muse, “Push the button” dei Chemical brothers e “Hitsville U.K.” dei Clash.
Commenti del pubblico
Nickname:
Password:
 
REGISTRATI «
PSWD DIMENTICATA «







Ultimi commenti e voti
Medaglia d'Argento (113 Commenti, 59% gradimento) kikujiro Medaglia d'Argento Giovedì 12 Settembre 2013 ore 14:17
voto al film:   6

Medaglia di Bronzo (73 Commenti, 42% gradimento) gladio Medaglia di Bronzo Sabato 19 Maggio 2012 ore 13:36
voto al film:   5,5

da vedere per tanti ma non per tutti, "millions" mi trasmette un certo nervoso, non per il bimbo genietto che fa beneficenza, anzi, bensì per quello "scudo" a carattere religioso che trovo perlomeno incongruente con il forsanche coraggioso messaggio inviato da Boyle; racconto di fantasia difficile ma non totalmente improbabile, ben composto tecnicamente, unicamente non vedo necessaria la presenza dell' "arma totale" costruita con pezzi di inattaccabile materia genericamente ottimo e sicuro "passaporto"; non polemizzo come sembra, chiedo scusa a chi di dovere ribadendo solo che avrei preferito "millions", bel film di per se, in chiave un tantino più aperta!
Ti è piaciuto il commento?  
Medaglia di Bronzo (61 Commenti, 63% gradimento) edanbra Medaglia di Bronzo Giovedì 22 Marzo 2012 ore 23:15
voto al film:   5

Utente di Base (3 Commenti, 66% gradimento) Epo11 Giovedì 20 Ottobre 2011 ore 03:19
voto al film:   7

News sul film “Millions”
Millions Danny Boyle, ecco il mio Sole ad effetto speciale Danny Boyle, ecco il mio Sole ad effetto speciale  (28 Marzo 2007)
Ultime Schede
Recensione Millions Scheda: King Arthur - Il potere della spada  di G. Ritchie
T2 Trainspotting
Steve Jobs
In Trance
127 Ore
The Millionaire
Sunshine
Millions
28 giorni dopo
The Beach
Una vita esagerata
Trainspotting
Piccoli omicidi tra amici
Danny Boyle
Le infinite possibilità di un racconto
Danny Boyle
Leggi l'intervista a Danny Boyle per “Millions
COMPRA
IL DVD
Compra il Dvd Millions
Flash non disponibile
Copyright 2017 ©