Homepage Recensioni dei film News sul Cinema Speciali sul Cinema Interviste Film in TV Programmazione dei Cinema (Roma) Trailer dei film Coming soon Libri di Cinema Storia del Cinema Est Film Festival

Recensione: La vie en rose

Leggi i commenti 1 COMMENTO Vota il film 12 VOTI Invia questa pagina via e-mail a chi vuoi tu Stampa questa pagina
La vie en rose
titolo originale La vie en rose
nazione Francia
anno 2006
regia Olivier Dahan
genere Biografico
durata 140 min.
cast M. Cotillard (Edith Piaf) • S. Testud (Mômone) • C. Courau (Annetta Gassion) • J. Rouve (Louis Gassion) • P. Greggory (Louis Barrier) • M. Barbé (Raymond Asso) • C. Sihol (Marlene Dietrich) • E. Seigner (Titine) • G. Depardieu (Louis Leplée)
sceneggiatura O. Dahan
musiche C. Gunning
fotografia T. Nagata
montaggio Y. BeloniakS. DelecourtR. Marizy
uscita nelle sale 4 Maggio 2007
media voti redazione
La vie en rose Trama del film
Dal 1918 al 1963, tra la Francia di Belleville e Parigi e l’America newyorkese, è narrata la storia della cantante francese Edith Piaf. Dall’infanzia trascorsa in un bordello, dopo l’allontanamento della madre e poi in giro a seguire il padre saltimbanco e a cantare per le vie di Parigi, fino alla fama e alla disperazione, passando attraverso gioie, tormenti, amore e infelicità ma sempre illuminata dalla sua arte, per la quale era disposta a sacrificare la stessa vita.

Recensione “La vie en rose”

a cura di Vera Usai  (voto: 8,5)
La Vie en Rose” non è semplicemente un film. È un viaggio alla scoperta di un’artista e prima ancora di una donna, che ha fatto del canto l’unico mezzo per poter credere in se stessa. È per questo che l’ultimo lavoro di Olivier Dahan lascia delle tracce, per tutti.
L’intera pellicola è costruita sul filo dei ricordi della protagonista, una strepitosa Marion Cotillard alle prove con un’interpretazione non priva di ostacoli. Prima nella Parigi povera e grigia degli inizi del ‘900, a scoprire una Piaf bambina, poi sui palcoscenici di New York tra ovazioni e pettegolezzi e ancora a Parigi, a correre e cantare per le vie del quartiere di Montmartre, con una bottiglia di alcol e nient’altro, se non il dono di una voce che richiama il cinguettio di un passero. Che sono ricordi in flashback ce ne accorgiamo solo più tardi, quando sullo schermo appare una Edith adulta, sfiorita e nostalgica. Tutto prende vita attraverso i suoi occhi e la carica espressiva di cui sanno illuminarsi. Uno sguardo scrutato a breve distanza, fino a svelarne le gioie e le amarezze, nascoste in quelle rughe arrivate a solcarlo così presto. La peculiarità del film è nel suo realismo sincero: l’uso ricorrente di soggettive, a volte appena percepibili, fanno vivere in prima persona quegli scenari e gli odori e i rumori in cui sono immerse tutte le personalità, delineate con intensa efficacia intorno alla figura della cantante. Alle volte il regista sceglie di raccontare successi e glorie attraverso la cronaca dei giornali e le fotografie, fino a raggiungere il cinematografo: brevi inserzioni che non fanno però affievolire la pellicola nel taglio tipico del docudrama, che avrebbe segnato la perdita di quell’impronta così volutamente personale e penetrante. I dialoghi e la recitazione senza sbavature – di attori che riescono a suggerire trepidazioni e turbamenti anche rimanendo in silenzio – creano una tensione continua, mostrandoci il cinismo pungente di una donna fragile e determinata allo stesso tempo, che “teme la morte meno della solitudine, perché crede nell’amore”.
Una regia, quella di Dahan, senza spettacolari artifici linguistici ma carica, in ogni sequenza, di una lucida umanità… a dimostrazione di quello di cui poi al cinema si ha più bisogno. E così, nel ritorno della Piaf davanti alle luci della ribalta, assistiamo ad un’ultima esibizione, mostrata solo per immagini e bagliori, che diventano così vigorosi da dare l’impressione di sentire ugualmente, ancora per una volta, quell’incantevole voce.
Commenti del pubblico
Nickname:
Password:
 
REGISTRATI «
PSWD DIMENTICATA «







Ultimi commenti e voti
Utente di Base (9 Commenti, 75% gradimento) Maverick Lunedì 27 Marzo 2017 ore 13:56
voto al film:   7,5

Utente di Base (0 Commenti, 0% gradimento) Yasminrahimi Domenica 14 Ottobre 2012 ore 16:51
voto al film:   7

Utente di Base (0 Commenti, 0% gradimento) Naima Lunedì 3 Settembre 2012 ore 11:16
voto al film:   8,5

Medaglia d'Oro (320 Commenti, 65% gradimento) AlessioRocco Medaglia d'Oro Sabato 1 Settembre 2012 ore 04:42
voto al film:   6,5

Utente di Base (0 Commenti, 0% gradimento) stagnola Sabato 11 Agosto 2012 ore 12:09
voto al film:   8

Medaglia d'Oro (271 Commenti, 63% gradimento) anzianzi Medaglia d'Oro Martedì 12 Giugno 2012 ore 21:11
voto al film:   7,5

Utente di Base (7 Commenti, 85% gradimento) angelonero Sabato 2 Giugno 2012 ore 03:33
voto al film:   7,5

Utente di Base (0 Commenti, 0% gradimento) droogalex Venerdì 2 Dicembre 2011 ore 18:08
voto al film:   8

Utente di Base (17 Commenti, 31% gradimento) Cisky Martedì 22 Novembre 2011 ore 21:30
voto al film:   8,5

Utente di Base (40 Commenti, 27% gradimento) andrea_cavax Domenica 6 Novembre 2011 ore 21:08
2 2
voto al film:   9,5

Quanto mi piace e appassiona Edith Piaf! Ci farò la mia tesi di laurea!!
Film autobiografico di alto livello. Tutti dovrebbero avere una copia (non pirata) acquistata di questo bellissimo film!
Ti è piaciuto il commento?  
News sul film “La vie en rose”
La vie en rose Sharon Stone reciterà per Olivier Dahan Sharon Stone reciterà per Olivier Dahan  (26 Febbraio 2008)
La vie en rose Oscar: i bookmakers scommettono sui Coen Oscar: i bookmakers scommettono sui Coen  (20 Febbraio 2008)
La vie en rose Cesar alla carriera per Benigni e Jeanne Moreau Cesar alla carriera per Benigni e Jeanne Moreau  (15 Febbraio 2008)
La vie en rose BAFTA 2008: Trionfo per 'Espiazione' BAFTA 2008: Trionfo per 'Espiazione'  (11 Febbraio 2008)
La vie en rose Michael Mann dirige Public Enemies. Il cast Michael Mann dirige "Public Enemies". Il cast  (28 Gennaio 2008)
La vie en rose Oscar 2008: le candidature Oscar 2008: le candidature  (22 Gennaio 2008)
La vie en rose Golden Globes: i vincitori Golden Globes: i vincitori  (14 Gennaio 2008)
La vie en rose Satellite Awards: Juno senza rivali Satellite Awards: "Juno" senza rivali  (18 Dicembre 2007)
La vie en rose 'Premio Di Venanzo' a Teramo fino al 28 ottobre 'Premio Di Venanzo' a Teramo fino al 28 ottobre  (22 Ottobre 2007)
La vie en rose A Sydney apre Edith Piaf A Sydney apre Edith Piaf  ( 8 Giugno 2007)
La vie en rose Box Office: Spiderman 3 polverizza tutti i record Box Office: "Spiderman 3" polverizza tutti i record  ( 7 Maggio 2007)
La vie en rose Marion Cotillard è Edith Piaf Marion Cotillard è Edith Piaf  (27 Aprile 2007)
La vie en rose Mikado punta su La vie en rose Mikado punta su "La vie en rose"  (12 Febbraio 2007)
Ultime Schede
Grace di Monaco
Dream Team
La vie en rose
Festival di Berlino 2007
Vince il cinese "Tuya's Marriage"
Il musical dopo il Duemila
Gli ultimi dieci anni di un genere in declino
COMPRA
IL DVD
Compra il Dvd La vie en rose
Flash non disponibile
Copyright 2017 ©