Homepage Recensioni dei film News sul Cinema Speciali sul Cinema Interviste Film in TV Programmazione dei Cinema (Roma) Trailer dei film Coming soon Dvd Libri di Cinema Storia del Cinema Est Film Festival

Recensione: Centochiodi

Scrivi un Commento COMMENTA Vota il film 5 VOTI Invia questa pagina via e-mail a chi vuoi tu Stampa questa pagina
Centochiodi
titolo originale Centochiodi
nazione Italia
anno 2005
regia Ermanno Olmi
genere Drammatico
durata 92 min.
distribuzione Mikado Film
cast R. Degan (professorino) • L. Bendandi (panettiera) • A. Lanfredi (postino) • A. Syed (studentessa)
sceneggiatura E. Olmi
musiche F. Vacchi
fotografia F. Olmi
montaggio P. Cottignola
uscita nelle sale 30 Marzo 2007
media voti redazione
Centochiodi Trama del film
Dopo aver insegnato per qualche tempo “Filosofia delle religioni” presso l’Università di Bologna, un giovane e già noto professore decide di abbandonare tutto e iniziare una nuova vita, convinto del fatto che «chi non comincia dal principio non potrà conoscere la verità». Approdando quasi per caso sulle sponde pacate e luminose del fiume Po, avrà qui inizio per lui un’esistenza circondata da gente semplice e dall’amore di una ragazza silenziosa e gentile, e riscoprirà gli antichi valori del dialogo e dell’amicizia.

Recensione “Centochiodi”

a cura di Vera Usai  (voto: 5)
«Ho già dichiarato da tempo… che questo sarebbe stato il mio ultimo film narrativo». Con “Centochiodi” si chiude il capitolo della filmografia di un grande regista: un Ermanno Olmi lontano anni luce da quello de “Il mestiere delle armi”, di “Cantando dietro i paraventi” o del più recente “Tickets”, ma più paragonabile forse al settanttottino “L’albero degli zoccoli” per la genuinità della gente rurale che ritrae.
Il film segue le pagine di una sceneggiatura semplice, che nasconde nella sua schiettezza temi e intenti profondi, che però, malgrado lo sforzo, non riescono a trovare un approfondimento. Il filo del racconto salta dal presente al passato, a far luce sulla motivazione che spinge uno stimato professore dell’Università di Bologna ad inchiodare a terra i libri di un’antica biblioteca religiosa, tratteggiando con bellezza l’atto della brutale crocifissione di Gesù Cristo. È un Cristo uomo però quello di cui Olmi si fa portavoce scegliendo come interprete Raz Degan. Il regista è fiducioso e lo scruta di continuo da angolazioni sempre nuove, di fronte alle quali a volte non mostra espressione, altre si conquista maggiore credibilità di tutto il cast. Sentiamo poco la sua voce e, quando c’è, il doppiaggio da un po’ fastidio, in una prima parte di percorso-riscoperta di siddhartiana memoria lungo il fiume Po, e a renderlo quasi un santone quando pronuncia parabole come un Cristo moderno, con computer e carta di credito. Più intensa del copione può dirsi la seducente fotografia del figlio del regista e fratello del produttore esecutivo della pellicola, un Fabio Olmi abilissimo nel restituire i riflessi iridescenti, generati dalla luce sulla superficie azzurrina del corso d’acqua. Ed è immersa in questa natura che un’umanità spontanea e ingenua, e non volutamente perfetta, si diverte al suono di fisarmoniche, danzando antichi balli e vivendo in comunità, quasi a voler seguire gli insegnamenti di Gesù, in risposta dei quali la religione sembra erroneamente aver amato “più i suoi libri che gli uomini”. Dispiace quasi che dopo aver letto la dichiarazione del regista di non aver mai conosciuto religioni che abbiano salvato il mondo, riportata come manifesto coraggioso sulla locandina, il film non riesca ad emozionarci: anzi dove lo ambisce scade in una rappresentazione troppo teatrale delle vicende e delle immagini estrapolate della Bibbia. Diventa ironico, stucchevole e addirittura imbarazzante in alcune battute e nel momento in cui vuole elevarsi a originale creazione poetica, risultando poi innaturale quando propone uno sguardo in macchina che, per fortuna, passa in un lampo. Le pretese ci sono ma la semplicità del regista nel raccontarle fa un po’ perdonare il vuoto che lascia.
Commenti del pubblico
Nickname:
Password:
 
REGISTRATI «
PSWD DIMENTICATA «







Ultimi commenti e voti
Utente di Base (37 Commenti, 52% gradimento) ioecharlot Sabato 22 Dicembre 2012 ore 00:38
voto al film:   8

Utente di Base (40 Commenti, 60% gradimento) priMario Domenica 8 Luglio 2012 ore 14:34
voto al film:   8

Medaglia di Bronzo (74 Commenti, 25% gradimento) Pierrot Medaglia di Bronzo Lunedì 26 Marzo 2012 ore 13:55
voto al film:   6

Utente di Base (2 Commenti, 0% gradimento) JohannesBorgen Martedì 13 Marzo 2012 ore 15:00
voto al film:   6,5

Utente di Base (8 Commenti, 100% gradimento) TOMMYGROSS Domenica 31 Luglio 2011 ore 22:37
voto al film:   6,5

News sul film “Centochiodi”
Centochiodi Il TAR annulla i premi di qualità 2006, 250 mila euro da restituire? Il TAR annulla i premi di qualità 2006, 250 mila euro da restituire?  ( 7 Luglio 2011)
Centochiodi 'CliCiak': il cinema italiano in mostra 'CliCiak': il cinema italiano in mostra  (13 Maggio 2008)
Centochiodi IOMA 2008: le nomination IOMA 2008: le nomination  (31 Marzo 2008)
Centochiodi Terni, 'FilmFestival Popoli e Religioni 2007' Terni, 'FilmFestival Popoli e Religioni 2007'  (31 Ottobre 2007)
Centochiodi Torna il Festival di Toronto Torna il Festival di Toronto  ( 4 Settembre 2007)
Centochiodi Olmi e Costanzo al Toronto FilmFestival Olmi e Costanzo al Toronto FilmFestival  (28 Giugno 2007)
Centochiodi Cannes, successo per il cinema italiano Cannes, successo per il cinema italiano  (21 Maggio 2007)
Centochiodi David di Donatello, Tornatore in pole position David di Donatello, Tornatore in pole position  ( 8 Maggio 2007)
Centochiodi Cannes: nessun italiano in concorso Cannes: nessun italiano in concorso  (19 Aprile 2007)
Centochiodi Candidature dei Nastri d'Argento Candidature dei Nastri d'Argento  (19 Aprile 2007)
Centochiodi Box Office: Mr Bean vola al primo posto Box Office: Mr Bean vola al primo posto  (10 Aprile 2007)
Centochiodi 300 ancora in testa al Box Office "300" ancora in testa al Box Office  ( 2 Aprile 2007)
Centochiodi Nelle sale Centochiodi di Olmi Nelle sale "Centochiodi" di Olmi  (23 Marzo 2007)
Centochiodi Olmi pronto per Cannes Olmi pronto per Cannes  (12 Marzo 2007)
Ultime Schede
Recensione Centochiodi Scheda: Trash  di S. Daldry
Recensione Centochiodi Scheda: Lo Sciacallo  di D. Gilroy
Recensione Centochiodi Scheda: Frank  di L. Abrahamson
Recensione Centochiodi Scheda: Sils Maria  di O. Assayas
Recensione Centochiodi Scheda: Andiamo a quel paese  di S. Ficarra, V. Picone
Recensione Centochiodi Scheda: La spia - A most wanted man  di , A. Corbijn
Recensione Centochiodi Scheda: Dracula Untold  di G. Shore
Recensione Centochiodi Scheda: Una folle passione  di S. Bier
Recensione Centochiodi Scheda: Annie Parker  di S. Bernstein
Recensione Centochiodi Scheda: Ritorno a L'Avana  di L. Cantet
Recensione Centochiodi Scheda: Boyhood  di R. Linklater
Recensione Centochiodi Scheda: Soap Opera  di A. Genovesi
Recensione Centochiodi Scheda: The Judge  di D. Dobkin
Recensione Centochiodi Scheda: Il sale della terra  di J. Salgado, W. Wenders
Recensione Centochiodi Scheda: Buoni a nulla  di G. Di Gregorio
Torneranno i prati
Il villaggio di cartone
Terra madre
Centochiodi
Tickets
David di Donatello 2007
Vince Tornatore
Festival di Cannes 2007
60ª Edizione
Ermanno Olmi
Leggi l'intervista a Ermanno Olmi per “Centochiodi
L'apocalisse è un lieto fine  di E. Olmi
Il villaggio di cartone  di E. Olmi
Ermanno Olmi  di M. Morandini
Il cinema italiano contemporaneo. Da «La dolce vita» a «Centochiodi»  di G. Brunetta
Flash non disponibile
Copyright 2014 ©