Homepage Recensioni dei film News sul Cinema Speciali sul Cinema Interviste Film in TV Programmazione dei Cinema (Roma) Trailer dei film Coming soon Libri di Cinema Storia del Cinema Est Film Festival

Recensione: Four Rooms

Leggi i commenti 5 COMMENTI Vota il film 24 VOTI Invia questa pagina via e-mail a chi vuoi tu Stampa questa pagina
Four Rooms
titolo originale Four Rooms
nazione U.S.A.
anno 1996
regia Quentin TarantinoRobert RodriguezAllison AndersAlexandre Rockwell
genere Commedia
durata 102 min.
cast T. Roth (Ted) • B. Willis (Leo) • A. Banderas (Papa' Dei Due Bambini) • J. Beals (Angela) • D. Proval (Sigfrido) • Madonna (Elspeth) • V. Golino (Athena) • M. Tomei (Margaret) • Q. Tarantino (Chester Rush)
sceneggiatura Q. TarantinoR. RodriguezA. AndersA. Rockwell
musiche C. Edison
fotografia P. ParmetG. NovarroA. SekulaR. García
montaggio M. GoodspeedE. MaganiniS. MenkeR. Rodriguez
media voti redazione
Four Rooms Trama del film
Quattro camere, quattro episodi comico-grotteschi tenuti insieme da un luogo (il Mon Signor, vecchio albergo di Los Angeles), un tempo (la notte di San Silvestro) e un fattorino (T. Roth).

Recensione “Four Rooms”

a cura di Francesco Alfani  (voto: 6)
Quattro registi, con la supervisione del produttore esecutivo Quentin Tarantino (che firma anche l’ultimo episodio), più un sacco di interpreti famosi non bastano fare un film indimenticabile; ma “Four Rooms” non è nemmeno un bel film, purtroppo. Uscito nelle sale nel 1996, quando Tarantino era l’acclamata e osannata nuova stella di Hollywood, deve molto del suo successo alla presenza del regista americano; che sa attrarre da par suo una serie di collaboratori di rilievo in tutti i reparti. Tra esse spiccano chiaramente gli attori: da Bruce Willis, a Jennifer Beals, ad Antonio Banderas, quasi sfrontatamente sprecati in ruoli marginali, come un lusso inutile, una ostentazione di un credito cui il regista di “Pulp Fiction” vuole evidentemente dare fondo senza troppe riserve (non a caso succederà lo stesso un anno dopo, quando Robert De Niro, per fare solo un nome, si scomoderà per partecipare al bel “Jackie Brown”). Una cosa è sicura: rispetto ai tre primi, innocui episodi, nell’ultimo si vede la paternità di un autore di talento. La macchina da presa non stacca quasi mai, usa tutte le prospettive, anche le più eterodosse (come la breve sequenza a livello pavimento, volutamente antiestetica) per fare di una stanza, per quanto grande, di un albergo un set adeguato quantomeno per un cortometraggio. Ed è vero anche che l’ironia, un tutt’uno con Sigfrido-David Proval, lo stralunato ragazzo d’albergo alla sua prima, indimenticabile notte di lavoro, è una traccia costante e unificante dei quattro capitoli; il nonsense, il disordine totale del racconto che travolge Sigfrido e lo sballotta da una stanza, a un corridoio, ad un’altra stanza, senza che si possano nemmeno immaginare né un capo né una coda, testimoniano che i registi-sceneggiatori si sono voluti essenzialmente divertire, o comunque non prendersi tanto sul serio. Ma questo significa anche che sarebbe provocatorio attribuire al film caratteri di genialità. Non c’è surrealismo, non c’è Buñuel; ci sono quattro giovani uomini i cinema che giocano un tempo di venti minuti ciascuno, mettendo in campo i loro mezzi diseguali. Sono al limite divertenti i cameo e le citazioni, ma esse soddisfano la curiosità spicciola, non le esigenze cinefile. Madonna, vestita, non sembra una grande attrice; me sue compagne streghe, vestite un po’ meno, le rubano sicuramente la scena.
Commenti del pubblico
Nickname:
Password:
 
REGISTRATI «
PSWD DIMENTICATA «







Ultimi commenti e voti
Utente di Base (3 Commenti, 0% gradimento) Amarantolo Lunedì 14 Marzo 2016 ore 03:10
voto al film:   5,5

Medaglia di Bronzo (73 Commenti, 75% gradimento) yanquiuxo Medaglia di Bronzo Mercoledì 4 Marzo 2015 ore 22:33
voto al film:   7

Utente di Base (11 Commenti, 54% gradimento) alex104 Sabato 1 Febbraio 2014 ore 01:40
voto al film:   6

Utente di Base (0 Commenti, 0% gradimento) Marcolino93 Mercoledì 25 Dicembre 2013 ore 01:24
voto al film:   6

Utente di Base (29 Commenti, 60% gradimento) Ombra Venerdì 29 Novembre 2013 ore 11:56
voto al film:   4

Utente di Base (4 Commenti, 66% gradimento) genjiskhan Martedì 16 Aprile 2013 ore 15:27
voto al film:   7

Utente di Base (3 Commenti, 100% gradimento) marlon Martedì 12 Marzo 2013 ore 17:25
voto al film:   3

Utente di Base (0 Commenti, 0% gradimento) cinema Domenica 14 Ottobre 2012 ore 16:57
voto al film:   7

Utente di Base (0 Commenti, 0% gradimento) davoz_216 Venerdì 10 Agosto 2012 ore 04:39
voto al film:   7,5

Medaglia d'Oro (274 Commenti, 64% gradimento) anzianzi Medaglia d'Oro Venerdì 15 Giugno 2012 ore 22:53
1
voto al film:   7

e invece a me questo film, pur con i suoi ovvi difetti (primo fra tutti, ovviamente, la disomogeneità tra i 4 episodi), è piaciuto abbastanza. se il primo episodio è effettivamente da buttare, gli altri hanno secondo me la loro particolarità e il loro perché, se non sempre nella realizzazione almeno nell'originalità delle idee proposte. naturalmente il migliore è l'omaggio tarantiniano a Hitchcock, e con l'occasione consiglio a tutti di andarsi a recuperare la sua, di scommessa...
Ti è piaciuto il commento?  
Ultime Schede
The Hateful Eight
Sin City - Una donna per cui uccidere
Machete Kills
Django Unchained
Machete
Il mistero della pietra magica
Bastardi senza gloria
Grindhouse - Planet Terror
Grindhouse - A prova di morte
Sin City
Kill Bill - vol. 2
Kill Bill - vol. 1
Jackie Brown
Dal tramonto all'alba
Four Rooms
Pulp Fiction
Le iene
Quentin Tarantino
Mi chiamo Wolf, risolvo problemi
COMPRA
IL BLU-RAY
Compra il bluray Four Rooms
I film di Quentin Tarantino  di A. Morsiani
Quentin Tarantino  di S. Brancati
Tarantino vs Kitano. Registi senza gloria  di A. Cinicolo
Quentin Tarantino. Asfalto nero e acciaio rosso sangue  di S. Brancati
Quentin Tarantino  di A. Morsiani
Quentin Tarantino. La iena di Hollywood  di M. Tassinari
Flash non disponibile
Copyright 2017 ©