Homepage Recensioni dei film News sul Cinema Speciali sul Cinema Interviste Film in TV Programmazione dei Cinema (Roma) Trailer dei film Coming soon Libri di Cinema Storia del Cinema Est Film Festival

Recensione: Lascia perdere, Johnny!

Leggi i commenti 1 COMMENTO Vota il film 1 VOTO Invia questa pagina via e-mail a chi vuoi tu Stampa questa pagina
Lascia perdere, Johnny!
titolo originale Lascia perdere, Johnny!
nazione
anno 2007
regia Fabrizio Bentivoglio
genere Commedia
durata 105 min.
cast T. Servillo (Falasco) • P. Servillo (Gerry Como) • V. Golino (Annamaria) • E. Mahieux (Raffaele Nigro) • F. Bentivoglio (Riverberi) • L. Sastri (Vincenza) • A. Merolillo (Fausto)
sceneggiatura F. BentivoglioU. ContarelloF. Gravino
musiche F. Mesolella
fotografia L. Bigazzi
montaggio E. Calabria
uscita nelle sale 30 Novembre 2007
media voti redazione
Lascia perdere, Johnny! Trama del film
Caserta 1976. Faustino Ciaramella ha diciotto anni e se non trova un lavoro a fine anno dovrà partire per il servizio militare. Per adesso suona la chitarra nell’orchestra del maestro Domenico Falasco, trombettista e bidello. L’esperienza con la colorata “orchestra Falasco” finisce una sera di primavera a Roccamonfina. Ma per fortuna l’impresario, Raffaele Niro, ha in serbo per Faustino una grande possibilità per l’estate: lavorare per il maestro Augusto Riverberi, musicista ed ex amante della Vanoni.

Recensione “Lascia perdere, Johnny!”

a cura di Riccardo Rizzo  (voto: 6,5)
A quasi dieci anni dal debutto alla regia con il cortometraggio Tipota, Bentivoglio realizza il suo primo lungometraggio Lascia perdere, Johnny!, ispirato alla vera storia della Piccola Orchestra Avion Travel. Un racconto musicale che ripercorre le origini della band che lo ha “adottato”, come lui stesso dice, e con la quale ha condiviso l’esperienza di più di cento concerti in giro per l’Italia. Bentivoglio, classe 1957, rivive gli anni della sua giovinezza, mostrandoci un’epoca che sembra lontanissima, un’epoca in cui “i desideri contavano più delle possibilità, il talento non era un’ossessione e il rapporto con gli altri non era solo di concorrenza”.
La storia è quella di Faustino Ciaramella, interpretato molto bene dall’esordiente Antimo Merolillo, una storia di musica che alla musica rende omaggio, persa nelle malinconiche melodie che accompagnano ogni sguardo e si fanno colonna sonora della vita dei personaggi. La sceneggiatura, scritta a otto mani, soffre di un’inevitabile disordine strutturale, a volte si fa frammentaria ed esce fuori tema, eppure è sempre piacevole, nella sua ingenua semplicità. Una pellicola corale dalle atmosfere velate e sapori sempre in bilico tra il dolce e l’amaro, che ripercorre le tappe umane di un giovane che a piccoli passi entra nel mondo degli adulti, imparando a conoscerne desideri e disincanti. La voce fuori campo di Faustino colma quello che le immagini e le parole non dette non riescono ad esprimere, ovvero tutti quei pensieri rinchiusi nel mondo interiore che la sua timidezza non lascia rivelare; lo seguiamo nel suo viaggio (esistenziale) che parte da Caserta per arrivare a Rhò, in provincia di Milano, lasciandolo lontano dal sole e dal calore della madre, solo, nella nebbia triste che lo avvolge.
Bentivoglio dimostra di essere umile e avere senso dell’equilibrio, non vuole strafare e fa bene: come attore è perfetto nella parte che si ritaglia, come regista riesce ad esprimere una sensibilità inaspettata e coinvolgente, perché spontanea e non mediata. Aiutato da un cast di ottimo livello, come Valeria Golino, Ernesto Mahieux e Lina Sastri, oltre ad artisti (nonché amici) quali Peppe e Toni Servillo, riesce a raccontare con voce gentile una storia piacevole e garbata, in un collage di emozioni e ricordi che per la loro delicatezza finiscono per offuscare alcuni inevitabili difetti di sceneggiatura tipici di un’opera prima.
Commenti del pubblico
Nickname:
Password:
 
REGISTRATI «
PSWD DIMENTICATA «







Ultimi commenti e voti
Medaglia d'Oro (279 Commenti, 80% gradimento) giampaolosy Medaglia d'Oro Mercoledì 25 Maggio 2016 ore 07:12
voto al film:   7

Un bel film a volte può esserlo anche grazie ai suoi difetti. Questo esordio al lungometraggio di Bentivoglio pur con i limiti di una sceneggiatura confusa riesce a emozionare per il suo tocco delicato, poetico, come detto garbato mettendo in scena soprattutto dei personaggi che cercano sempre di arrangiarsi, raffazzonati e combina guai ma con un'onestà di fondo nel vivere le proprie esperienze di vita. Il tutto viene raccontato attraverso lo sguardo di un ragazzo docile, tranquillo, che osserva senza mai giudicare il mondo che lo circonda. Ottimo il cast e la colonna sonora.
Ti è piaciuto il commento?  
News sul film “Lascia perdere, Johnny!”
Lascia perdere, Johnny! Esordi d'attori alla regia, ogni lunedì alla Casa del Cinema Esordi d'attori alla regia, ogni lunedì alla Casa del Cinema  (14 Febbraio 2011)
Lascia perdere, Johnny! Festival del cinema di Gallio: opere prime Festival del cinema di Gallio: opere prime  (26 Giugno 2008)
Lascia perdere, Johnny! Premio Sergio Amidei, vince Giorgio Diritti Premio Sergio Amidei, vince Giorgio Diritti  (19 Giugno 2008)
Lascia perdere, Johnny! Cosenza: 'La primavera del cinema italiano' Cosenza: 'La primavera del cinema italiano'  (19 Aprile 2008)
Lascia perdere, Johnny! Fabrizio Bentivoglio a Palombara Sabina Fabrizio Bentivoglio a Palombara Sabina  (18 Gennaio 2008)
Lascia perdere, Johnny! Bologna, Fabrizio Bentivoglio al 'Lumiere' Bologna, Fabrizio Bentivoglio al 'Lumiere'  (10 Gennaio 2008)
Lascia perdere, Johnny! 'Italia Filmfest': i premi 'Italia Filmfest': i premi  (17 Dicembre 2007)
Lascia perdere, Johnny! Malinconia e sogni: Lascia perdere, Johnny! Malinconia e sogni: "Lascia perdere, Johnny!"  (28 Novembre 2007)
Lascia perdere, Johnny! Torino|25: duetto Wenders - Moretti Torino|25: duetto Wenders - Moretti  (26 Novembre 2007)
Lascia perdere, Johnny! Torino FilmFestival |25 Torino FilmFestival |25  ( 7 Novembre 2007)
Ultime Schede
Lascia perdere, Johnny!
COMPRA
IL DVD
Compra il Dvd Lascia perdere, Johnny!
Flash non disponibile
Copyright 2017 ©