Homepage Recensioni dei film News sul Cinema Speciali sul Cinema Interviste Film in TV Programmazione dei Cinema (Roma) Trailer dei film Coming soon Libri di Cinema Storia del Cinema Est Film Festival

Recensione: Meduse

Leggi i commenti 1 COMMENTO Vota il film 5 VOTI Invia questa pagina via e-mail a chi vuoi tu Stampa questa pagina
Meduse
titolo originale Meduzot
nazione Israele / Francia
anno 2007
regia Shira GeffenEtgar Keret
genere Drammatico
durata 80 min.
cast G. Sandler (Michael) • N. Leidman (La bambina) • N. Knoller (Keren) • S. Adler (Batya)
sceneggiatura S. Geffen
musiche C. Bowen
fotografia A. Heberlè
montaggio S. FranklinF. Gedigier
uscita nelle sale 16 Novembre 2007
media voti redazione
Meduse Trama del film
Tel-Aviv, oggi. Al suo matrimonio Keren si rompe una gamba, e la luna di miele ai Caraibi salta. Una strana ragazzina venuta fuori dal mare segue Batya come un'ombra, fino a cambiarle la vita. Joy è una cameriera venuta dalla Filippine; lavora per una vecchia signora severa e inaspettatamente riesce a riconciliarla con la figlia. Un film composito, con tanti squarci di umanità come tanti messaggi in bottiglia, uniti dalla cifra dell'assurdo. Un ritratto del mondo di oggi, dove ognuno tenta di cavarsela come può.

Recensione “Meduse”

a cura di Riccardo Rizzo  (voto: 7,5)
Una badante filippina lontana da suo figlio, una cameriera triste cacciata dal lavoro, una coppia di sposi che non può andare in viaggio di nozze, un’attrice che non sopporta la madre, una bambina misteriosa che esce dal mare e non parla…
Piccole storie di solitudini in una Tel Aviv senza bombe e senza tempo, indefinita, semplice tela sulla quale si disegnano in maniera surreale esistenze sofferte: personaggi che si muovono in luoghi iconici, come una spiaggia, un hotel o un teatro senza identità.
L’incomunicabilità tra gli uomini viene raccontata al di fuori di qualsiasi canone narrativo, e alle parole si sostituiscono sguardi, abbracci o silenzi, quasi ad ammettere la totale rassegnazione a una vita senza significato, dove la comunicazione non riesce mai a raggiungere il cuore degli altri; simbolicamente, è il mare, l’acqua, ad unire tutti i personaggi, come a rappresentarne l’inconscio, le paure, o il luogo nel quale rifugiarsi.
Eppure, in questo contesto deprimente, le storie racchiudono una dolcezza surreale e divertente, che danno al racconto un tono quasi fiabesco, piacevole da seguire, dove realismo e surrealismo si alternano continuamente, la vita e la morte si sfumano l’una nell’altra e i sorrisi giocano con le lacrime…
Caméra d’Or al Festival di Cannes 2007.
Commenti del pubblico
Nickname:
Password:
 
REGISTRATI «
PSWD DIMENTICATA «







Ultimi commenti e voti
Medaglia di Bronzo (76 Commenti, 30% gradimento) Pierrot Medaglia di Bronzo Sabato 29 Settembre 2012 ore 18:44
voto al film:   8

Medaglia d'Oro (313 Commenti, 59% gradimento) Pangur Medaglia d'Oro Lunedì 16 Luglio 2012 ore 12:34
voto al film:   8

Medaglia d'Oro (273 Commenti, 64% gradimento) anzianzi Medaglia d'Oro Domenica 15 Luglio 2012 ore 22:34
voto al film:   8

Utente di Base (0 Commenti, 0% gradimento) biazorrona Mercoledì 13 Aprile 2011 ore 23:25
voto al film:   9

Medaglia d'Oro (273 Commenti, 57% gradimento) cinemabendato Medaglia d'Oro Venerdì 8 Aprile 2011 ore 14:49
3
voto al film:   8,5

Semplicemente un capolavoro.
In questo film troviamo una dolcezza che si fonde col dolore e la sofferenza, regalandoci attimi di meravigliosa e sconvolgente poesia. Film per pochi, per chi sa superare la paura dei silenzi. Un finale da massima commozione.
Ti è piaciuto il commento?  
News sul film “Meduse”
Meduse Nanni Moretti distribuisce Meduse Nanni Moretti distribuisce "Meduse"  (31 Ottobre 2007)
Ultime Schede
Recensione Meduse Scheda: King Arthur - Il potere della spada  di G. Ritchie
Meduse
Sevilla Festival de Cine Europeo 2007
150 film provenienti da oltre 30 paesi diversi
Festival di Cannes 2007
60ª Edizione
Shira Geffen
Leggi l'intervista a Shira Geffen per “Meduse
COMPRA
IL DVD
Compra il Dvd Meduse
Flash non disponibile
Copyright 2017 ©