Homepage Recensioni dei film News sul Cinema Speciali sul Cinema Interviste Film in TV Programmazione dei Cinema (Roma) Trailer dei film Coming soon Libri di Cinema Storia del Cinema Est Film Festival

Recensione: Katyn

Leggi i commenti 4 COMMENTI Vota il film 4 VOTI Invia questa pagina via e-mail a chi vuoi tu Stampa questa pagina
Katyn
titolo originale Katyń
nazione Polonia
anno 2007
regia Andrzej Wajda
genere Drammatico
durata 118 min.
cast M. Ostaszewska (Anna) • A. Zmijewski (Andrzej) • A. Chyra (Jerzy) • P. Malaszynski (Piotr) • D. Stenka (Moglie del Generale) • M. Cielecka (Agnieszka) • S. Celinska (Stasia) • J. Assböck (Brunon Müller)
sceneggiatura A. WajdaA. Mularczyk
musiche K. Penderecki
fotografia P. Edelman
montaggio M. FiedlerR. Listopad
uscita nelle sale 13 Febbraio 2009
media voti redazione
Katyn Trama del film
Nel 1940, su ordine di Stalin (ancora legato al patto di non belligeranza con Hitler), l’esercito sovietico massacrò oltre 20.000 cittadini polacchi, militari e civili, gettandoli in fosse comuni. Fino al 1990, l’URSS ha attribuito il massacro ai nazisti. Wajda ha raccontato una tragica storia d’amore e d’eroismo sullo sfondo di questa tragedia.

Recensione “Katyn”

a cura di Glauco Almonte  (voto: 7)
Come criticare la monotematicità di un autore considerato – a ragione – tra i più importanti cineasti dell’europa orientale della seconda metà del secolo scorso? Se quest’uomo ha vissuto le storie che racconta, e se le sue opere meritano per tre volte la nominations agli Oscar come miglior film straniero, non c’è alcun modo. Aggiungiamo che quando non ha parlato di guerra, come ne “L’uomo di ferro”, ha vinto la Palma d’oro a Cannes.
Andrzej Wajda non fa cinema tanto per fare: negli ultimi sei anni se ne erano perse le tracce e questo, insieme all’Oscar alla carriera ricevuto nel 2000, lasciava intendere che la sua carriera fosse terminata; invece no, superati gli ottant’anni Wajda irrompe nuovamente sulla scena con due film: “Katyn”, che ha fallito all'ultima selezione la candidatura all’Academy, e “Tatarak”, entrambe in concorso al Festival di Berlino rispettivamente nel 2008 e nel 2009.
Per realizzare “Katyn” Wajda ha due punti di partenza: il romanzo “Post mortem” di Andrzej Mularczyk e i propri ricordi; in questo modo racconta due storie, quella dello sterminio deigli ufficiali polacchi e quella di famiglie che attendono invano il ritorno dei padri prigionieri, confrontandosi per anni con le menzogne di un regime che addossa le responsabilità ai tedeschi (come se ne avessero poche). La storia non è delle più conosciute, ma è tra le più agghiaccianti: dopo l’invasione tedesca, con l’alleanza tra Germania e Unione Sovietica gli ufficiali dell’esercito polacco si ritrovano prigionieri di nemici contro i quali non avevano mai combattuto; deportati in massa, se ne perderanno le tracce. Tre anni dopo, nella foresta di Katyn, verranno scoperte delle fosse comuni con i corpi di migliaia di prigionieri, uccisi tutti con un colpo alla nuca. Sono più di ventimila.
La seconda parte racconta un’aspetto della storia atipico, in relazione agli altri orrori che hanno caratterizzato la Seconda Guerra Mondiale: la verità, finito il conflitto, non viene rivelata. E chi sa non può parlare. Gli anni in cui Anna e Agnieszka si scontreranno con un governo negazionista sono solo una piccola parte dei cinquanta che passeranno tra la strage e l’ammissione di colpevolezza russa: nel film tedeschi e sovietici si rimbalzano l’accusa finché, finita la guerra, non resta soltanto uno dei due invasori, che può così riscrivere indisturbato la storia. La storia individuale lascia però il passo a quella collettiva nelle sequenze più strazianti del film, quando ciò che si intuiva viene mostrato. La calma con la quale i sovietici compiono l’eccidio, con centinaia di esecuzioni ogni notte (per un mese e mezzo) non può lasciare indifferenti; c’è poco da ammirare i colori tipici dei film di Wajda, i suoi tempi lunghi che espongono lucidamente, senza fretta: alla fine del film il disagio che si prova è superiore ad ogni altra sensazione.
Commenti del pubblico
Nickname:
Password:
 
REGISTRATI «
PSWD DIMENTICATA «







Ultimi commenti e voti
Medaglia d'Oro (282 Commenti, 80% gradimento) giampaolosy Medaglia d'Oro Lunedì 2 Maggio 2016 ore 00:43
1
voto al film:   8

21.857 colpi di pistola risuonano in una delle tante notti dell'umanità, svelando l'ennesimo eccidio della 2ª guerra mondiale, perpetrato in nome di una real politik destinata in breve tempo a sgretolarsi di fronte all'acuirsi dei deliri imperialisti del Reich. Sullo sfondo il patto Molotov-Ribbentrop che sancisce di fatto la fine della Polonia come Stato sovrano e l'inizio di una prigionia che non finisce nel '45. Ma se la Storia è stata giustamente riscritta, non certo da questo film, dopo il '90; la verità necessaria, la dignità ai morti e ai vivi che hanno inutilmente atteso il ritorno dei propri cari per anni, di menzogne e falsità, vengono restituite grazie al cinema e a questo necessario documento. Caratterizzato da una fotografia raggelante e più cupa di un b/n il film di Wajda cresce per tragicità e drammaticità esponenzialmente con il passare dei minuti. Dall'orrore della guerra all'orrore del "popolo" prigioniero si arriva alla scena finale già sufficientemente provati...
Ti è piaciuto il commento?  
Medaglia d'Oro (265 Commenti, 70% gradimento) mimma Medaglia d'Oro Martedì 19 Maggio 2015 ore 14:02
1
voto al film:   8

Il film fa luce su un evento cupo dell’ultima guerra mondiale, su un eccidio la cui paternità a lungo è stata attribuita alle forze naziste dalla propaganda sovietica.
Nel 1940 l’esercito della Polonia fu catturato e rimase prigioniero dell’Armata Rossa che lo avviò ad uno sistematico sterminio in fosse comuni .Per accollare la colpa ai nazisti le uccisioni furono eseguite una ad una con un colpo alla nuca, come era in uso fra i tedeschi, attorno alla foresta di Katyń .ll film fa rivivere con lucidità e rigore l’atroce esecuzione, la carneficina che cancellò nel giro di pochissimo tempo gran parte della popolazione polacca.Ma evidenzia anche la dignità delle vittime e soprattutto la tenacia e la speranza incrollabile delle donne che le attendevano. La verità fu rivelata solo nel 1989, quando vennero resi di pubblico dominio i documenti segreti dell’epoca.
Ti è piaciuto il commento?  
Medaglia di Bronzo (61 Commenti, 63% gradimento) edanbra Medaglia di Bronzo Domenica 8 Giugno 2014 ore 19:17
1
voto al film:   7

Grazie a questo bellissimo film, ho conosciuto la storia del Massacro di Katyń ad opera dell'armata russa...da vedere.
Ti è piaciuto il commento?  
Utente di Base (40 Commenti, 27% gradimento) andrea_cavax Venerdì 30 Dicembre 2011 ore 12:54
1 1
voto al film:   7,5

Questo film non ha nè commenti nè voti.. Vi consiglio di guardarlo il prima possibile, merita veramente.
Ti è piaciuto il commento?  
News sul film “Katyn”
Katyn Otto grandi lezioni di cinema al Bif&st dal 21 marzo Otto grandi lezioni di cinema al Bif&st dal 21 marzo  ( 6 Marzo 2015)
Katyn Finalmente esce a Milano Katyn di Wajda Finalmente esce a Milano "Katyn" di Wajda  ( 2 Aprile 2009)
Ultime Schede
Afterimage
Walesa. L'uomo della speranza
Tatarak
Katyn
Torino Film Festival 2008
26a edizione, seconda "morettiana"
Festival di Berlino 2008
58ma Berlinale dal 7 al 17 febbraio
COMPRA
IL DVD
Compra il Dvd Katyn
Andrzei Wajda. Il cinema, il teatro, l'arte. Il nostro Giappone  di M. Causo, S. Parlagreco
Flash non disponibile
Copyright 2017 ©