Homepage Recensioni dei film News sul Cinema Speciali sul Cinema Interviste Film in TV Programmazione dei Cinema (Roma) Trailer dei film Coming soon Libri di Cinema Storia del Cinema Est Film Festival

Recensione: L'estate di Kikujiro

Leggi i commenti 3 COMMENTI Vota il film 11 VOTI Invia questa pagina via e-mail a chi vuoi tu Stampa questa pagina
L'estate di Kikujiro
titolo originale Kikujiro no natsu
nazione Giappone
anno 1999
regia Takeshi Kitano
genere Commedia
durata 121 min.
cast Y. Sekiguchi (Masao) • T. Kitano (Kikujiro)
sceneggiatura T. Kitano
musiche J. Hisaishi
fotografia K. Yanagishima
montaggio Y. Ota
media voti redazione
L'estate di Kikujiro Trama del film
Un rozzo delinquente adulto decide di accompagnare un introverso bambino di nove anni nel luogo dove vivrebbe la mamma, che il piccolo non ha mai conosciuto. I due viaggiano per il Giappone, tra imprevisti e incontri bizzarri. Una lezione di vita durante l'estate, per entrambi.

Recensione “L'estate di Kikujiro”

a cura di Andrea Olivieri  (voto: 8)
"L'estate di Kikujiro" è un aneddoto semplicissimo, ai limiti del minimalismo e dell'ingenuità. Quello di un mezzo gangster imbranato, piuttosto aggressivo oltre che inguaribilmente dedito al gioco, che s'incarica di accompagnare un ragazzino dall'altra parte del Giappone, alla ricerca della madre mai conosciuta.
Road-movie, itinerario rischioso come pochi altri: perché situato ai limiti del melodramma e dell'effetto facile.
Ma Kitano si affida saggiamente a sé stesso, nelle vesti, già note, di straordinario attore: impassibile come il più duro dei samurai, ma egualmente vulnerabile, paradossale e assurdo.
Secondo la linea tipica della road-movie, il film si avvia cosi delicatamente e umoristicamente per il suo cammino. Poi, progressivamente, ecco una serie d'incontri con personaggi lunari che trasformano il delicato rapporto a due. Ecco, soprattutto, farsi largo una inattesa dimensione surrealista: fatta di gag tracciate con leggerezza incantata, una malinconia tanto delicata da divenire invenzione poetica.
E' un paziente gioco di intersezioni che lascia sempre qualcosa sottinteso, e affida al silenzio quella parte di voce che non può "sprecarsi". Alla musica, nel migliore dei casi, o semplicemente al mare.
Un film, fatto di niente e di tutto. Di un'umiltà di mezzi toccati dalla grazia. Del dono impareggiabile di uno sguardo incantato, che finisce per conquistarsi un suo peso indelebile nella nostra memoria.
Commenti del pubblico
Nickname:
Password:
 
REGISTRATI «
PSWD DIMENTICATA «







Ultimi commenti e voti
Utente di Base (6 Commenti, 100% gradimento) andre92 Mercoledì 24 Giugno 2015 ore 14:05
voto al film:   8

Utente di Base (12 Commenti, 50% gradimento) Tesla Venerdì 20 Febbraio 2015 ore 20:09
voto al film:   7,5

Utente di Base (7 Commenti, 25% gradimento) Zadig Mercoledì 4 Febbraio 2015 ore 01:11
1
voto al film:   7,5

Non sono grande amante dei film di Kitano, solitamente splatter e cinici. Questo film è davvero divertente, semplice e leggero, fa ridere e commuovere. Da vedere e rivedere.
Ti è piaciuto il commento?  
Utente di Base (0 Commenti, 0% gradimento) Marcolino93 Mercoledì 7 Gennaio 2015 ore 11:58
voto al film:   7,5

Utente di Base (1 Commento, 0% gradimento) marcus14 Sabato 4 Gennaio 2014 ore 15:14
voto al film:   7,5

Utente di Base (29 Commenti, 60% gradimento) Ombra Martedì 3 Dicembre 2013 ore 17:12
voto al film:   8,5

Utente di Base (4 Commenti, 75% gradimento) lmasnata Domenica 10 Novembre 2013 ore 17:50
1 1
voto al film:   8

Di solito il conema Giapponese risulta difficile da concepire, e lo si snobba con aggettivi quali "lento" o "noioso".
Credo che questo sia uno di quei film che oltrepassi le barriere culturali e che proprio grazie alla sua semplicità riesca a comunicare con chiunque.
Colonna sonora perfettamente in tono, tra l'altro.
Anzi, se volete avere un'idea del film ascoltate la traccia principale della colonna sonora e potete avere un quadretto piuttosto fedele di quello che è lo spirito del film.
Ti è piaciuto il commento?  
Utente di Base (18 Commenti, 11% gradimento) zioJim Mercoledì 11 Aprile 2012 ore 12:25
voto al film:   6,5

Medaglia d'Argento (113 Commenti, 59% gradimento) kikujiro Medaglia d'Argento Venerdì 30 Settembre 2011 ore 12:07
1
voto al film:   10

forse sono di parte ma è difficile rendere una storia così semplice un film di una leggerezza (nel senso migliore del termine) strabiliante.
niente è sopra le righe, si ride ci si commuove ci si affeziona ai personaggi.
peccato che pochi conoscano il film perchè è alla portata di tutti se solo non ci si prende sempre troppo sul serio.
un film da vedere molte volte
Ti è piaciuto il commento?  
Medaglia di Bronzo (76 Commenti, 30% gradimento) Pierrot Medaglia di Bronzo Domenica 28 Agosto 2011 ore 12:16
voto al film:   7

Ultime Schede
Outrage beyond
Outrage
Achille e la tartaruga
Zatoichi
Dolls
Brother
L'estate di Kikujiro
Hana-Bi - Fiori di fuoco
Sonatine
Il silenzio sul mare
Takeshi Kitano
Leggi l'intervista a Takeshi Kitano per “Takeshi(s')
Tarantino vs Kitano. Registi senza gloria  di A. Cinicolo
Asakusa Kid  di T. Kitano
Takeshi Kitano  di V. Buccheri
Takeshi Kitano. Della morte, nell’amore  di F. Ruggeri
Flash non disponibile
Copyright 2017 ©