Homepage Recensioni dei film News sul Cinema Speciali sul Cinema Interviste Film in TV Programmazione dei Cinema (Roma) Trailer dei film Coming soon Libri di Cinema Storia del Cinema Est Film Festival

Recensione: Changeling

Leggi i commenti 2 COMMENTI Vota il film 24 VOTI Invia questa pagina via e-mail a chi vuoi tu Stampa questa pagina
Changeling
titolo originale Changeling (The Exchange)
nazione U.S.A.
anno 2008
regia Clint Eastwood
genere Thriller
durata 140 min.
cast A. Jolie (Christine Collins) • J. Malkovich (Reverendo Briegleb) • A. Ryan (Amica di Christine) • J. Butler Harner (Gordon Northcott) • J. Donovan (Capitano J.J. Jones) • M. Kelly (Detective Lester Ybarra)
sceneggiatura J. Straczynski
fotografia T. Stern
montaggio J. Cox
uscita nelle sale 14 Novembre 2008
media voti redazione
Changeling Trama del film
Il film è tratto da una storia vera ambientata negli Anni Venti. Una madre sospetta che la persona, restituitale dopo un rapimento, non sia veramente suo figlio. Quando la donna esprime alla polizia i suoi sospetti viene spedita in un centro di recupero. Solo alla fine scopre che il figlio è stato assassinato e rende pubblico lo scandalo.

Recensione “Changeling”

a cura di Glauco Almonte  (voto: 7)
Dopo il doppio confronto con la Storia (“Flags of our Fathers” e “Lettere da Iwo Jima”), seguito del suo film di maggior successo, “Million Dollar Baby”, il quasi ottantenne Clint Eastwood sceglie una via di mezzo, prendendo spunto da una storia vera e portandola sullo schermo con poche variazioni. “Changeling” nasce da un fatto di cronaca americana, che visto oggi può sembrare paradossale: Walter, nove anni, viene rapito; siamo nel 1928, a Los Angeles. Dopo qualche mese la polizia riconsegna alla madre un ragazzino che non è suo figlio: le proteste della donna, Christine Collins, portano ad un duro scontro con il capitano della polizia e all’internamento in manicomio.
La storia si divide in due parti disomogenee, d’altronde la vita non segue schemi cinematografici… nella prima parte assistiamo ad un crescendo di pathos, identificandoci con la donna, nell’attesa che le sue ragioni prevalgano su quelle – sbagliate o in cattiva fede? – della polizia. La situazione varia solo in parte con il suo ricovero coatto, l’evento atteso rimane lo stesso. Quando finalmente, dopo quasi un’ora e mezza di film, Christine viene riabilitata, la chiusura perfetta sarebbero i titoli di coda; invece inizia qui il vero film. Christine porta in tribunale le sue ragioni, e la storia si divide improvvisamente in più filoni secondari: il processo contro la polizia, a posteriori l’unico evento davvero memorabile, il processo contro l’assassino e le continue ricerche della donna, che non dispera di ritrovare un giorno suo figlio. Quest’ultima ora di film è una vera sofferenza, con lo stato d’animo dello spettatore che sale e scende secondo le pieghe che prendono le diverse, parallele vicende.
Se la struttura è criticabile, non lo è l’impatto sullo spettatore: è giusto che una vicenda del genere colpisca in tutti i suoi aspetti, anche se la concentrazione di reazioni forti nel breve volgere di un film amplifica a dismisura la percezione della vicenda. Angelina Jolie si dimostra a suo agio in un ruolo simile a quelli in cui ha avuto successo in passato, da “Ragazze interrotte” a “A Mighty Heart”, che nulla hanno a che vedere con i film di cassetta per i quali è maggiormente ricordata. Ma chi si dimostra ancor più a proprio agio è Clint Eastwood, che non finisce di sorprendere e di suscitare ammirazione: con maestria porta sullo schermo una storia vera, ne mette in luce tutti gli aspetti senza confusione, alternando scene forti a scene di raccordo mai prive di significato, concentrandosi infine su quello che è l’elemento più scandaloso, il comportamento della polizia. Trattando con delicatezza la vicenda umana – resiste alla tentazione di riscrivere il finale – e con fermezza quella sociale – il figlio “falso” prima di partire lascia intendere la verità. E’ una storia che ha in sé una morale, e Clint non ha bisogno di aggiungere altro.
Commenti del pubblico
Nickname:
Password:
 
REGISTRATI «
PSWD DIMENTICATA «







Ultimi commenti e voti
Utente di Base (12 Commenti, 50% gradimento) Tesla Giovedì 6 Ottobre 2016 ore 11:44
voto al film:   6,5

Utente di Base (0 Commenti, 0% gradimento) Stronzo91 Domenica 23 Novembre 2014 ore 21:51
voto al film:   7

Medaglia d'Oro (477 Commenti, 69% gradimento) diego93 Medaglia d'Oro Lunedì 10 Febbraio 2014 ore 20:31
1
voto al film:   7

Eastwood, nello stesso anno di Gran Torino, gira un film decisamente ambizioso sia nella ricostruzione di un'epoca ormai lontana (la Los Angeles del 1928, ricostruita perfettamente) sia per i temi scottanti che tratta: dalla corruzione della polizia all'insabbiamento di ogni verità. Pur non all'altezza di altre sue opere, Changeling e' un film che va assolutamente guardato: la regia cattura la tensione e la disperazione della madre protagonista in un calvario per la ricerca della verità e della giustizia che ha molte similitudini anche con il mondo di oggi. Ma soprattutto, questo film riesce a dare allo spettatore una forte sensazione di rabbia come non accadeva più al cinema.
Ti è piaciuto il commento?  
Utente di Base (12 Commenti, 60% gradimento) showslow Domenica 2 Febbraio 2014 ore 23:43
voto al film:   6,5

Utente di Base (1 Commento, 0% gradimento) corien Martedì 29 Ottobre 2013 ore 00:32
voto al film:   8

Utente di Base (34 Commenti, 12% gradimento) tosco Giovedì 13 Dicembre 2012 ore 18:52
3
voto al film:   7,5

Cl int non lo godo... ma questo e' un capolavoro!
Ti è piaciuto il commento?  
Utente di Base (9 Commenti, 44% gradimento) Nenne Venerdì 7 Dicembre 2012 ore 22:04
voto al film:   6,5

Utente di Base (0 Commenti, 0% gradimento) Yasminrahimi Domenica 14 Ottobre 2012 ore 16:52
voto al film:   7

Utente di Base (10 Commenti, 33% gradimento) Heisenberg Sabato 14 Luglio 2012 ore 20:29
voto al film:   7

Medaglia d'Oro (273 Commenti, 64% gradimento) anzianzi Medaglia d'Oro Mercoledì 27 Giugno 2012 ore 10:17
voto al film:   7,5

News sul film “Changeling”
Changeling Gran Torino: il ritorno di Clint Eastwood "Gran Torino": il ritorno di Clint Eastwood  (20 Marzo 2008)
Changeling Malkovich prete per Clint Eastwood Malkovich prete per Clint Eastwood  (31 Dicembre 2007)
Changeling Essere John Malkovich per Clint Eastwood Essere John Malkovich per Clint Eastwood  (16 Ottobre 2007)
Changeling I progetti di Angelina Jolie I progetti di Angelina Jolie  (11 Settembre 2007)
Ultime Schede
Recensione Changeling Scheda: King Arthur - Il potere della spada  di G. Ritchie
Sully
American Sniper
Jersey Boys
J. Edgar
Hereafter
Invictus
Gran Torino
Changeling
Lettere da Iwo Jima
Flags of our Fathers
Million Dollar Baby
Mystic River
Debito di sangue
Space cowboys
Fino a prova contraria
Mezzanotte nel giardino del bene e del male
Potere assoluto
I ponti di Madison County
Gli spietati
Clint Eastwood
Migliora come il vino, ma a volte sa di tappo
Oscar 2009
81esima edizione degli Academy Awards
Festival di Cannes 2008
61ª Edizione
COMPRA
IL DVD
Compra il Dvd Changeling
Clint Eastwood  di A. Piccardi
Clint Eastwood  di G. Carluccio
Clint Eastwood  di A. Pezzotta
Flash non disponibile
Copyright 2017 ©