Homepage Recensioni dei film News sul Cinema Speciali sul Cinema Interviste Film in TV Programmazione dei Cinema (Roma) Trailer dei film Coming soon Libri di Cinema Storia del Cinema Est Film Festival

Recensione: L'odio

Leggi i commenti 7 COMMENTI Vota il film 33 VOTI Invia questa pagina via e-mail a chi vuoi tu Stampa questa pagina
L'odio
titolo originale La Haine
nazione Francia
anno 1995
regia Mathieu Kassovitz
genere Drammatico
durata 95 min.
cast V. Cassel (Vinz) • H. Koundé (Hubert) • S. Taghmaoui (Said) • A. Ghili (Abdel)
sceneggiatura M. Kassovitz
fotografia P. Aim
montaggio M. KassovitzS. Stevenson
media voti redazione
L'odio Trama del film
In un quartiere periferico di una città francese come tante, fatto di miseria, etnie più o meno assortite e criminalità di vario genere, soffia il vento della rivolta. L'occasione che la fa esplodere è il brutale interrogatorio a cui la polizia sottopone un ragazzo di sedici anni. Nella lotta emergono le difficoltà e le differenti personalità di tutti i giovani che sono stati coinvolti.

Recensione “L'odio”

a cura di Andrea Olivieri  (voto: 8)
Non a caso uno dei protagonisti ripete in continuazione: "Conosci la storia di quel tale che si butta da un palazzo di cinquanta piani? Ad ogni piano, mentre cade, continua a dirsi: fin qui è andata, fin qui è andata bene, fin qui è andata bene. Questo, per dire che il problema non è la caduta, ma l'atterraggio..."
"L'odio" è la descrizione di quella caduta: alla quale tutti assistiamo, non si sa se più impotenti che indifferenti.
Ambientato in una delle tante periferie parigine, e nemmeno peggiore di tante altre, descrive gli scontri fra i giovani che la abitano (quasi inutile dire che sono multirazziali, disoccupati, rassegnati) e la polizia.
Responsabile di una "bravata": il solito colpo in canna scappato al solito poliziotto più o meno esperto, la solita fine squallidamente ritenuta casuale del ragazzo più o meno giovane.
"L'odio" non è dunque un film nuovo nel tema, nell'universo, nei personaggi trattati; ma piuttosto incredibilmente inedito e comunque assolutamente riuscito nel tono usato.
Perchè non si limita ad assistere e descrivere, ma tende costantemente, determinatamente a partecipare: non un film "per", ma un film "contro".
L'aspetto che balza evidente agli occhi è l'estrema naturalezza degli interpreti, avvicinati con un'intimità, una complicità tale da farne non degli esempi di comportamento, ma delle autentiche testimonianze di personalità.
Personalità diverse, di tre giovani che seguiremo per 24 ore, e che magnificamente riassumono i tre toni che reggono il film: la calma, la disperata lucidità di Hubert, il boxeur africano che cerca di pacificare, perfettamente conscio che la sola soluzione sarebbe quella di andarsene.
La rabbia compressa, che attende solo di mutare in violenza dell'ebreo Vinz; alla quale si contrappone l'umorismo del magrebino, di Said che ha deciso una volta per tutte che l'unica soluzione sia quella di tirare a campare.
Ma Kassovitz non si limita a seguire questi comportamenti, a fare del realismo di osservazione: lievita, organizza, costruisce il proprio materiale veridico grazie ad uno sguardo cinematografico di sorprendente efficacia.
Basato innanzitutto sulla filastrocca inestinguibile dei dialoghi, sull'architettura dei suoni urbani, sulla splendida fotografia di un bianco e nero che sa trovare il giusto, difficilissimo equilibrio tra la resa naturalistica e la possibilità di evadere dallo schematismo che sempre minaccia questo genere di ricerca.
Attraverso l'astrazione, il fantastico, l'humour.
La capacità, il coraggio (che è quello dell'autentico artista) di voltare le spalle per un istante all'urgenza del dire, per osservare ciò che accade accanto.
E che è poi un modo di evitare l'aneddoto, di guardare le cose con un minimo di distanza, di relativizzare, di fare storia invece che reportage.
"L'odio" si costruisce allora sulla traccia di quello sguardo duro ed intransigente, maturo e saggio, rabbioso ma anche disincantato: appartiene ad uno dei personaggi, Hubert, ma è soprattutto quello, senza fronzoli, della gioventù urbana transalpina.
Premio per la miglior regia al Festival di Cannes 1995.
Commenti del pubblico
Nickname:
Password:
 
REGISTRATI «
PSWD DIMENTICATA «







Ultimi commenti e voti
Utente di Base (15 Commenti, 44% gradimento) siralex Martedì 6 Dicembre 2016 ore 15:52
voto al film:   8

Utente di Base (0 Commenti, 0% gradimento) Narcos Domenica 24 Luglio 2016 ore 14:04
voto al film:   8

Utente di Base (19 Commenti, 0% gradimento) Trinity Sabato 4 Giugno 2016 ore 01:16
voto al film:   6,5

Medaglia d'Argento (196 Commenti, 27% gradimento) Standby Medaglia d'Argento Domenica 27 Marzo 2016 ore 12:41
voto al film:   7,5

Utente di Base (11 Commenti, 50% gradimento) ptrluxx19 Martedì 22 Marzo 2016 ore 16:07
voto al film:   7,5

Utente di Base (1 Commento, 0% gradimento) marcus14 Domenica 5 Gennaio 2014 ore 22:04
voto al film:   8

Utente di Base (0 Commenti, 0% gradimento) Marcolino93 Martedì 17 Dicembre 2013 ore 22:01
voto al film:   8

Utente di Base (6 Commenti, 100% gradimento) andre92 Martedì 17 Dicembre 2013 ore 01:00
voto al film:   8

Utente di Base (0 Commenti, 0% gradimento) graminga Venerdì 13 Dicembre 2013 ore 18:04
voto al film:   7,5

Utente di Base (12 Commenti, 10% gradimento) marcopecs Giovedì 5 Dicembre 2013 ore 21:23
voto al film:   8,5

News sul film “L'odio”
L'odio Figli di Accattone: cinema e periferie in rassegna all'Alphaville Figli di "Accattone": cinema e periferie in rassegna all'Alphaville  (30 Giugno 2011)
L'odio Il pane nudo: Choukri oltre la censura "Il pane nudo": Choukri oltre la censura  ( 3 Maggio 2006)
Ultime Schede
Recensione L'odio Scheda: King Arthur - Il potere della spada  di G. Ritchie
Babylon A.D.
L'odio
Flash non disponibile
Copyright 2017 ©