Homepage Recensioni dei film News sul Cinema Speciali sul Cinema Interviste Film in TV Programmazione dei Cinema (Roma) Trailer dei film Coming soon Libri di Cinema Storia del Cinema Est Film Festival

Recensione: 8

Scrivi un Commento COMMENTA Vota il film 1 VOTO Invia questa pagina via e-mail a chi vuoi tu Stampa questa pagina
8
titolo originale Huit
nazione Francia
anno 2008
regia Jane CampionGael García BernalJan KounenMira NairGaspar NoéAbderrahmane SissakoGus Van SantWim Wenders
genere Drammatico
durata 103 min.
cast R. Shorey (Arif) • K. Sen Sharma (Zeinab) • I. Sigurosson (padre (the letter)) • J. Clarke (madre (the water diary)) • R. Dykstra (Rog) • C. Haywood (ospite (the water diary)) • M. McGonagle (mutuaria (the water diary)) • C. Jacobson (ospite (the water diary)) • T. Spencer (Seymour) • H. Ingvarsson (figlio (the letter)) • G. Lemon (Pam Garner) • S. Ratti (mutuaria (person to person)) • V. Paul (venditrice (person to person)) • F. Kabede (insegnante) • T. Gizaw (padre di Tiya) • N. Anteneh (Tiya)
sceneggiatura R. AbadiaJ. CampionE. DignamG. García BernalJ. KounenS. MehtaG. NoéW. Wenders
musiche M. BradshawM. DannaJ. HertzN. JorelleN. KaiserF. RoyM. TschanzW. Werzowa
fotografia G. FraserD. GentilK. LiG. NoéD. QuinnD. Ungaro
montaggio N. Ben RachidM. BoucrotA. DancheA. JohnsonH. KenesseyG. NoéA. RodriguezG. Van Sant
uscita prevista

 non ancora disponibile 
media voti redazione
8 Trama del film
Nel settembre del 2000, i governi delle Nazioni Unite si sono impegnati in otto obiettivi comuni al fine di ridurre della metà la povertà nel mondo, entro il 2015. Tali obiettivi hanno preso il nome di Obiettivi del Millennio per lo Sviluppo. Otto registi sono stati coinvolti per trattare in modo personale ciascuno di questi otto differenti temi-obiettivi. Gli otto cortometraggi realizzati sono: "Tiya's Dream" di Abderrahmane Sissako, "The Letter" di Gael Garcia Bernal, "SIDA" di Gaspar Noé, "How can it be?" di Mira Nair, "The Water Diary" di Jane Campion, "Mansion on the Hill" di Gus Van Sant, "The Story of Panshin Beka" di Jan Kounen, "Person to Person" di Wim Wenders.

Recensione “8”

a cura di Riccardo Rizzo  (voto: 5)
"Perché scompaia la povertà dal mondo servirebbe condividere le ricchezze.
Ma alle persone la parola condivisione non piace"


A ben vedere, la moda degli ultimi anni dei film collettivi non ha (ancora?) aggiunto qualcosa di interessante nel Grande Libro della Storia del Cinema.
Esperimenti come Eros, 11’09”01, Tickets e tanti altri ancora - fatta eccezione, forse, per All the invisible children - non sono riusciti a superare i limiti (e gli errori) congeniti di questo nuova orizzonte cinematografico. Nel Dizionario del Cinema capita spesso di incontrare la parola Opera: opera prima, opera d’arte, opera famosa…opera collettiva, per l’appunto, ma ciò che spesso risulta fastidioso di questi ensemble di stili e di voci, è che essi siano quasi sempre più delle opera-zioni senza una vera anima, un vero cuore.
Film come "8" patiscono l’inevitabile disomogeneità stilistica senza riuscirne a sfruttarne le possibilità, scivolando così verso derive pericolose che evocano la convinzione di assistere a semplici esercizi di stile, divertissement impegnati, ed è legittimo chiedersi che senso abbia costruire un film corale che parli della Dichiarazione degli Obiettivi del Millennio quando giorno dopo giorno il mondo solca distanze sempre più grandi tra ricchi e poveri, con i grassi governi Occidentali che stanno a guardare.
Che senso ha una pellicola come questa, se persino la ragazzina africana del primo episodio dice candidamente che la Dichiarazione del 2000 non cambierà nulla, perché il concetto di condivisione è completamente scomparso?
Se neanche le leggi riescono a smuovere le coscienze, figuriamoci 103 minuti di proiezione.
In questo concetto, offuscato dalla maschera del buonismo e della denuncia, si nasconde l’inganno di un progetto come questo.
Per la cronaca: i due episodi più belli sono senz’altro quello grottesco di Jane Campion e quello kitch di Wim Wenders; i due più brutti quello furbo di Gus Van Sant (orribili didascalie sopra immagini che sembrano scarti di Paranoid Park) e quello glassato di Mira Nair.
Commenti del pubblico
Nickname:
Password:
 
REGISTRATI «
PSWD DIMENTICATA «







Ultimi commenti e voti
Utente di Base (40 Commenti, 27% gradimento) andrea_cavax Mercoledì 8 Febbraio 2012 ore 19:20
voto al film:   4

News sul film “8”
8 Jane Campion Presidente di Giuria a Cannes 2014 Jane Campion Presidente di Giuria a Cannes 2014  ( 8 Gennaio 2014)
8 Jane Campion Presidente della Giuria dei cortometraggi a Cannes Jane Campion Presidente della Giuria dei cortometraggi a Cannes  ( 6 Febbraio 2013)
8 Maratona The Story of Film Maratona "The Story of Film"  (30 Novembre 2012)
8 Box Office: The Hole scalza le newyorkesi Box Office: The Hole scalza le newyorkesi  (14 Giugno 2010)
8 Venezia 64: Campion, Ozpetek e Iñarritu in giuria Venezia 64: Campion, Ozpetek e Iñarritu in giuria  (13 Luglio 2007)
8 Jane Campion racconta John Keats Jane Campion racconta John Keats  (10 Aprile 2007)
Ultime Schede
Recensione 8 Scheda: King Arthur - Il potere della spada  di G. Ritchie
I bei giorni di Aranjuez
La foresta dei sogni
Ritorno alla vita
Timbuktu
Il sale della terra
Words With Gods
Promised Land
Il fondamentalista riluttante
7 days in Havana
Pina
L'amore che resta
Enter the Void
Bright Star
Amelia
Coco Chanel & Igor Stravinsky
Milk
Palermo Shooting
8
Paranoid Park
Il Destino nel Nome
Non bussare alla mia porta
Last Days
Blueberry
La terra dell'abbondanza
Elephant
Gerry
Aspettando la felicità
Scoprendo Forrester
The million dollar hotel
Psycho
Buena Vista Social Club
Will Hunting - Genio ribelle
Da morire
Lisbon story
Lezioni di piano
Così lontano così vicino
Belli e dannati
Un angelo alla mia tavola
Drugstore Cowboy
Il cielo sopra Berlino
Paris, Texas
Lo stato delle cose
L'amico americano
Alice nelle città
Gus Van Sant
"Milk": un omosessuale, un politico, un'icona
Festival di Roma 2008
Festival Internazionale del Film, dal 22 al 31 ottobre
Flash non disponibile
Copyright 2017 ©