Homepage Recensioni dei film News sul Cinema Speciali sul Cinema Interviste Film in TV Programmazione dei Cinema (Roma) Trailer dei film Coming soon Libri di Cinema Storia del Cinema Est Film Festival

Storia del Cinema - Registi Immigrati

Alfred Hitchcock Rebecca la prima moglie - Alfred Hitchcock,1940[Manifesto] Giorni perduti - Billy Wilder,1945[Manifesto]
1937 - 1945
I cineasti stranieri continuarono ad affluire a Hollywood. Se alcuni erano attratti dai salari più alti o dalla possibilità di lavorare negli studios meglio attrezzati del mondo, il diffondersi del fascismo in Europa e l’inizio della seconda guerra mondiale, aumentarono il numero di coloro che cercavano rifugio negli Stati Uniti.
Insoddisfatto della sua scarsa autorità in Inghilterra e affascinato dalle possibilità tecniche offerte da Hollywood, Alfred Hitchcock firmò un contratto con David O.Selznick: il suo primo film americano “Rebecca la prima moglie”, era un prestigioso adattamento letterario e vinse l’Oscar come miglior film, ma non rientrava pienamente nel genere suspense per cui il regista era famoso.
Tra i numerosi film da lui realizzati durante la guerra c’è “L’ombra del dubbio” (Shadow of a Doubt, 1943).
L’esordio tedesco a Hollywood iniziato nell’era del muto crebbe quando i nazisti presero il potere nel 1933.
Fritz Lang arrivò nel 1934, ma di rado ebbe il pieno controllo sui suoi progetti e non raggiunse mai il prestigio che aveva avuto in Germania. Lavorò in molti generi, realizzando western, film di spionaggio, melodrammi e film di suspense tra cui “Sono innocente” (You Only Live Once, 1937).
Altri due nuovi arrivati furono Billy Wilder e Otto Preminger.
Wilder era stato sceneggiatore in Germania e proseguì la carriera a Hollywood, lavorando in coppia con Charles Brackett su molte sceneggiature.
La sua prima regia fu “Frutto proibito” (1942); tre anni più tardi il suo cupo studio sull’alcolismo, “Giorni perduti” (1945) ottenne l’Oscar come miglior film.
Preminger, pur essendo ebreo, si trovò ad interpretare negli Stati Uniti il ruolo di perfidi nazisti. Riuscì comunque conquistare la sedia da regista nei primi anni Quaranta.
Flash non disponibile
Copyright 2017 ©