Homepage Recensioni dei film News sul Cinema Speciali sul Cinema Interviste Film in TV Programmazione dei Cinema (Roma) Trailer dei film Coming soon Dvd Libri di Cinema Storia del Cinema Est Film Festival

Intervista: Sergio Leone

Invia questa pagina via e-mail a chi vuoi tu Stampa questa pagina
Sergio Leone
I vent’anni trascorsi tra il successo di Per un pugno di dollari e l’ultimo capolavoro, C’era una volta in America, ricostruiti da Sergio Leone stesso, attraverso estratti di un’intervista rilasciata a Francesco Mininni a Roma nel 1988.
Intervista Sergio Leone: Domanda 1Vede nel cinema principalmente espressione artistica o un veicolo per trasmettere idee?
Propendo per la prima ipotesi: innanzi tutto dev’essere spettacolo; poi, volendo, v’è tutto lo spazio per la riflessione. L’importante è non prevaricare mai, mai pretendere che il pubblico subisca ‘la verità’.
Intervista Sergio Leone: Domanda 2Qual è il significato delle citazioni colte nei suoi film?
Non si può pensare ad un film western senza far riferimento ai classici: basilare è la tragedia greca, ma anche Shakespeare. D’altronde, ho sempre sostenuto che il più grande scrittore di western sia stato Omero: i suoi personaggi sono gli archetipi degli eroi del West. Ma forse è meglio dire il contrario: i personaggi del West ricalcano gli eroi omerici. Il personaggio di Clint Eastwood, particolarmente in Per un pugno di dollari, proviene direttamente da Plauto e Terenzio.
Intervista Sergio Leone: Domanda 3Come scelse Eastwood per quella parte?
La verità? Più che di un attore, avevo bisogno di una maschera, e Eastwood, a quel tempo, aveva due sole espressioni: con il cappello e senza cappello.
Intervista Sergio Leone: Domanda 4Qual è il segreto del successo dei suoi western?
Probabilmente l’impatto che hanno avuto, sul pubblico, molti elementi innovativi, ad iniziare dalla violenza; intendiamoci, non una violenza fine a se stessa, ma finalizzata a rappresentare l’evidenza della morte, il suo realismo: vedere il sangue, sentire distintamente lo sparo, le urla, fa capire cosa vuol dire sparare ad un altro uomo. Tutto questo, però, è giusto che scompaia di fronte ad una guerra: per questo la storia de Il buono, il brutto, il cattivo ha sullo sfondo la guerra di Secessione. Sul piano strutturale credo che una grossa novità, per il genere western, sia stata l’utilizzo del flashback, che innalza il tempo al ruolo di protagonista.
Intervista Sergio Leone: Domanda 5Con il successo cos’è cambiato, nel suo lavoro?
Ho avuto molto più facilmente carta bianca su tutto, o quasi; i problemi sono nati quando, dopo la fine della trilogia del dollaro, avrei voluto fare subito C’era una volta in America: i produttori hanno preferito fare un altro western, spaventati dal costo elevato. Così, mi sono ritrovato ad aspettare 17 anni prima di riuscire a girarlo.
Intervista Sergio Leone: Domanda 6Altre vicissitudini produttive?
All’inizio, molte con Per un pugno di dollari. Addirittura, mi hanno chiesto di aspettare che si liberassero Tognazzi e Vianello per girarlo con loro: forse pensavano che volessi fare una parodia… I film successivi li ho prodotti io stesso, quindi senza alcun problema.
Intervista Sergio Leone: Domanda 7Qual è il suo western preferito?
L’uomo che uccise Liberty Valance, senz’alcun dubbio. Per la prima volta, Ford ha mostrato la vera faccia del West; ha abbandonato la sua tradizionale visione ottimistica in nome di un più realistico pessimismo.
Intervista Sergio Leone: Domanda 8Qual è il suo rapporto con John Ford?
Lo ammiro sconfinatamente, altrimenti non mi sarei mai cimentato nel suo genere. Abbiamo una visione diversa del West, la sua è più romantica, ma pur sempre realistica. Qualche errore, però, lo ha commesso anche lui: Un uomo tranquillo, ad esempio, è un film sbagliato nel momento sbagliato.
Intervista Sergio Leone: Domanda 9E quello con Ennio Morricone?
Ennio non è solo un musicista: è il miglior sceneggiatore dei miei film. Sul set giro con la sua musica, e questo aiuta gli attori ad entrare nell’atmosfera del film, a capire meglio i propri personaggi: ogni tema rappresenta perfettamente le caratteristiche d’un personaggio, il suo spirito. Che sia un sistema vantaggioso, per girare, lo conferma il fatto che anche Kubrick, dopo aver parlato con me, lo abbia adottato; ma non è la musica in generale, a permetterlo: è la musica di Ennio.
Intervista Sergio Leone: Domanda 10Ford a parte, chi è il suo punto di riferimento?
Ritengo Chaplin il massimo genio dell’arte cinematografica: senza di lui in molti, non solo io, farebbero oggi un altro mestiere.
Intervista Sergio Leone: Domanda 11Veniamo a C’era una volta in America: è il suo film che più ama:
Non posso non amarlo: è la summa di tutta la mia carriera, e dal punto di vista dei contenuti e, soprattutto, da quello dello stile. Quanto al primo ho ricostruito l’America che ho sognato per anni, l’America mito e, al tempo stesso, contraddizione. Stilisticamente, è una riflessione sullo spettacolo, sull’arte visiva.
Intervista Sergio Leone: Domanda 12America mito e contraddizione?
L’America è il paese delle contraddizioni per eccellenza, ingenuo e grandioso: è Disneyland.
Ultime Interviste
Intervista: Felix Herngren Felix Herngren Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve: "dovremmo tutti preoccuparci di meno del futuro"
Intervista: Gabriele Pignotta Gabriele Pignotta Ti sposo ma non troppo: "l'amore al tempo dei social network"
Intervista: Rolando Ravello Rolando Ravello Ti ricordi di me?: "mi sono messo alla prova con una favola moderna"
Intervista: Francesco Prisco Francesco Prisco Nottetempo: "ho dato a Pasotti il suo primo ruolo politicamente scorretto"
Intervista: Davide Ferrario Davide Ferrario La luna su Torino: "un tono leggero per trattare temi importanti"
Intervista: Jalil Lespert Jalil Lespert Yves Saint Laurent: "volevo raccontare una storia d'amore epica"
Intervista: Dany Boon Dany Boon Supercondriaco - Ridere fa bene alla salute: "cerco di far ridere gli altri esorcizzando le mie paure"
Intervista: Ferzan Ozpetek Ferzan Ozpetek Allacciate le cinture: "racconto l'amore e la passione messi alla prova dal tempo che passa"
Intervista: Vincent Cassel Vincent Cassel La Bella e la Bestia: "se bisogna recitare con un casco peloso addosso c'è solo da accettarlo"
Intervista: Sydney Sibilia Sydney Sibilia Smetto quando voglio: e se le menti migliori una generazione si ribellassero?
Archivio Interviste
 2014    Gen  Feb  Mar  Apr  
 2013    Gen  Feb  Mar  Apr  Mag  Giu  Lug  Ago  Set  Ott  Nov  Dic  
 2012    Gen  Feb  Mar  Apr  Mag  Giu  Lug  Ago  Set  Ott  Nov  Dic  
 2011    Gen  Feb  Mar  Apr  Mag  Giu  Lug  Ago  Set  Ott  Nov  Dic  
 2010    Gen  Feb  Mar  Apr  Mag  Giu  Lug  Ago  Set  Ott  Nov  Dic  
 2009    Gen  Feb  Mar  Apr  Mag  Giu  Lug  Ago  Set  Ott  Nov  Dic  
 2008    Gen  Feb  Mar  Apr  Mag  Giu  Lug  Ago  Set  Ott  Nov  Dic  
 2007    Gen  Feb  Mar  Apr  Mag  Giu  Lug  Ago  Set  Ott  Nov  Dic  
 2006    Gen  Feb  Mar  Apr  Mag  Giu  Lug  Ago  Set  Ott  Nov  Dic  
 2005    Feb  Mar  Apr  Mag  Giu  Lug  Ago  Set  Ott  Nov  Dic  
Film diretti:
1984  C'era una volta in America
1972  Giù la testa
1968  C'era una volta il West
1966  Il buono, il brutto, il cattivo
1965  Per qualche dollaro in più
1964  Per un pugno di dollari
1961  Il colosso di Rodi
Atri film:
1986  Troppo forte
C'era una volta in America
L'opera indimenticabile di Sergio Leone
Flash non disponibile
Copyright 2014 ©