Homepage Recensioni dei film News sul Cinema Speciali sul Cinema Interviste Film in TV Programmazione dei Cinema (Roma) Trailer dei film Coming soon Libri di Cinema Storia del Cinema Est Film Festival

Intervista: Jafar Panahi

Invia questa pagina via e-mail a chi vuoi tu Stampa questa pagina
Jafar Panahi
Acclamato vincitore dell'Orso d'Oro allo scorso Festival di Berlino, è da qualche settimana nelle sale italiane “Taxi Teheran” di Jafar Panahi. Il regista iraniano, condannato dal governo del suo paese a non girare più film, realizza un film-documentario originale e spiazzante intervistando in un taxi uomini, donne e ragazzi di Teheran. Il regista racconta alla stampa l'ispirazione e le limitazioni che hanno influenzato il suo lavoro.
Intervista Jafar Panahi: Domanda 1In quali circostanze è nato il progetto di questo film?
Dopo This is not a film e Closed curtain, sentivo di avere bisogno di fare uscire a tutti i costi la mia videocamera dal confinamento delle mura di casa. Aprivo le finestre, guardavo la città di Teheran e cercavo un’alternativa. Se avessi posizionato la mia videocamera in una qualunque strada avrei immediatamente messo in pericolo la troupe e il film sarebbe stato interrotto. Ho continuato a contemplare il cielo. Le nuvole formavano delle belle immagini. Un giorno mi sono detto che mi avevano proibito di fare dei film, ma non delle fotografie. E così ho scattato la mia prima fotografia. Ho passato un anno intero con la testa tra le nuvole a fotografare il cielo.
In seguito, ho girato tutti i laboratori che disponevano dei mezzi tecnici per procedere a un ingrandimento di una selezione delle mie immagini, ma hanno tutti trovato una scusa per rifiutarsi di fare il lavoro. Un giorno, sconfortato, ho preso un taxi per tornare a casa. Due passeggeri discutevano a voce alta mentre io riflettevo su cos'altro avrei potuto fare. Niente più film, niente più foto, forse non mi restava altro che diventare tassista e ascoltare le storie dei passeggeri… Ed ecco scoccare una scintilla: visto che i miei primi film erano tutti ambientati nella città, a quel punto avrei potuto cercare di fare entrare la città nel mio taxi
Intervista Jafar Panahi: Domanda 2Come ha convinto i suoi protagonisti a partecipare a questo progetto?
Giorno dopo giorno facevo delle corse in taxi per ascoltare i racconti dei passeggeri. Alcuni mi riconoscevano, altri no. Parlavano delle loro difficoltà e dei loro problemi quotidiani. E a un certo punto, ho preso il mio cellulare e ho cominciato a filmare. Di primo acchito, l’atmosfera è cambiata e uno dei passeggeri mi ha persino detto: "Per favore, spegni quell'aggeggio così almeno qui possiamo parlare a nostro piacimento". Ho capito che non avrei potuto fare un documentario senza mettere in pericolo i passeggeri. Il mio film avrebbe dovuto prendere la forma di una docu-fiction. Ho scritto una sceneggiatura e in seguito mi sono messo a riflettere su come portarla sullo schermo
Intervista Jafar Panahi: Domanda 3Come si è organizzato per non attirare troppo l'attenzione sulla sua attività?
Inizialmente ho pensato di utilizzare delle piccole videocamere GoPro, ma il fatto che hanno un obiettivo fisso avrebbe limitato le possibilità di messa in scena e di montaggio. Alla fine ho optato per la videocamera Black Magic che si tiene con una mano e si può facilmente nascondere in una scatola di fazzoletti di carta in modo da non attirare l’attenzione. Questo espediente mi dava la possibilità di preservare tutta la dimensione documentaristica dell’azione che si svolgeva al di fuori della vettura, senza tuttavia mai rivelare le riprese in atto e dunque salvaguardando la sicurezza della troupe
Intervista Jafar Panahi: Domanda 4Le limitazioni tecniche sono state un problema?
L’installazione di tre videocamere in un luogo molto ristretto lasciava poco spazio a una troupe: dovevo quindi gestire completamente da solo l’inquadratura, il suono, la recitazione degli attori e al tempo stesso anche la mia interpretazione e la guida del veicolo! Non ho utilizzato nessun dispositivo particolare per l’illuminazione per non attirare troppo l’attenzione e non compromettere le riprese. Abbiamo soltanto costruito un grande tetto apribile per uniformare la luce.
Intervista Jafar Panahi: Domanda 5Quanti giorni sono durate le riprese di "Taxi Teheran"?
Le riprese sono iniziate il 27 settembre 2014 e sono durate quindici giorni. Gli attori sono tutti non professionisti, dei conoscenti o dei conoscenti dei conoscenti. La piccola Hana, l’avvocatessa Nasrin Sotoudeh e Omid, il venditore di dvd, interpretano se stessi nella vita. Lo studente cinefilo è mio nipote. La maestra è la moglie di un mio amico. Il ladro è l’amico di un amico. Il ferito è uno che viene dalla provincia
Ultime Interviste
Intervista: Tomm Moore Tomm Moore La canzone del mare: "voglio che i bambini conoscano le nostre storie e leggende"
Intervista: Alexandra Leclère Alexandra Leclère Benvenuti... ma non troppo: "una commedia pura che fa riflettere"
Intervista: Martin Zandvliet Martin Zandvliet Land of mine - Sotto la sabbia: "una storia importante e sostanzialmente sconosciuta"
Intervista: Andrew Haigh Andrew Haigh Weekend: "un'onesta, intima, autentica storia d'amore"
Intervista: Brian Helgeland Brian Helgeland Legend: "Come si racconta la vita di una persona realmente esistita?"
Intervista: Carlo Verdone Carlo Verdone L'abbiamo fatta grossa: "la critica di costume deve essere parte della commedia"
Intervista: Virág Zomborácz Virág Zomborácz Mózes, il pesce e la colomba: "ho iniziato a scrivere sceneggiature a sei anni!
Intervista: Francesco Calogero Francesco Calogero Seconda Primavera. "la capacità di interpretare la realtà è spesso contraddittoria"
Intervista: Vincenzo Salemme Vincenzo Salemme Se mi lasci non vale: "l'amicizia e l'amore devono essere credibili"
Intervista: Lorenzo Vigas Lorenzo Vigas Ti guardo: "ogni uomo cerca di riempire una vasta mancanza di emozione"
Archivio Interviste
 2017    Gen  Feb  Mar  Apr  Mag  Giu  Lug  Ago  Set  Ott  Nov  
 2016    Gen  Feb  Mar  Apr  Mag  Giu  Lug  Ago  Set  Ott  Nov  Dic  
 2015    Gen  Feb  Mar  Apr  Mag  Giu  Lug  Ago  Set  Ott  Nov  Dic  
 2014    Gen  Feb  Mar  Apr  Mag  Giu  Lug  Ago  Set  Ott  Nov  Dic  
 2013    Gen  Feb  Mar  Apr  Mag  Giu  Lug  Ago  Set  Ott  Nov  Dic  
 2012    Gen  Feb  Mar  Apr  Mag  Giu  Lug  Ago  Set  Ott  Nov  Dic  
 2011    Gen  Feb  Mar  Apr  Mag  Giu  Lug  Ago  Set  Ott  Nov  Dic  
 2010    Gen  Feb  Mar  Apr  Mag  Giu  Lug  Ago  Set  Ott  Nov  Dic  
 2009    Gen  Feb  Mar  Apr  Mag  Giu  Lug  Ago  Set  Ott  Nov  Dic  
 2008    Gen  Feb  Mar  Apr  Mag  Giu  Lug  Ago  Set  Ott  Nov  Dic  
 2007    Gen  Feb  Mar  Apr  Mag  Giu  Lug  Ago  Set  Ott  Nov  Dic  
 2006    Gen  Feb  Mar  Apr  Mag  Giu  Lug  Ago  Set  Ott  Nov  Dic  
 2005    Feb  Mar  Apr  Mag  Giu  Lug  Ago  Set  Ott  Nov  Dic  
Taxi Teheran
di Jafar Panahi
Drammatico, 2015
82 min.
Film diretti:
2015  Taxi Teheran
2013  Closed Curtain
2011  In Film Nist
2006  Offside
2003  Oro rosso
2000  Il cerchio
1997  Lo specchio
1995  Il palloncino bianco
Atri film:
2003  Silenzio tra due pensieri
Festival di Berlino 2015
65a edizione: 5 - 15 febbraio 2015
Flash non disponibile
Copyright 2017 ©