Homepage Recensioni dei film News sul Cinema Speciali sul Cinema Interviste Film in TV Programmazione dei Cinema (Roma) Trailer dei film Coming soon Libri di Cinema Storia del Cinema Est Film Festival

Intervista: Virág Zomborácz

Invia questa pagina via e-mail a chi vuoi tu Stampa questa pagina
Virág Zomborácz
Arriva nelle sale italiane il film d'esordio della scrittrice e sceneggiatrice ungherese Virág Zomborácz. La regista, classe 1985, ha iniziato il percorso che l'ha condotta dietro la macchina da presa con “Mózes, il pesce e la colomba” vincendo il premio MEDIA European Talent Prize a Cannes 2011. Zomborácz racconta alla stampa il percorso che l'ha portata all'esordio, a partire da un sogno molto personale.
Intervista Virág Zomborácz: Domanda 1È vero che l’idea per il soggetto di "Mózes, il pesce e la colomba" ti è venuta dopo aver sognato tuo padre in veste di fantasma?
Sì, è vero. Dopo che mio padre è morto l’ho sognato diverse volte e nei miei sogni ero consapevole del fatto che il fantasma era lui, ma non mi riconosceva e mi diceva cose senza senso. Non si ricordava di chi io fossi. Ne parlai a mio fratello e lui mi disse di aver fatto sogni molto simili. Nei suoi sogni nostro padre sembrava ingenuo, come un bambino, faceva domande infantili. E questa è l’origine del film.
Intervista Virág Zomborácz: Domanda 2Il film comprende diversi argomenti difficili e delicati, ad esempio la morte e il disagio psichico, ma non mancano ironia e leggerezza: qual è l’importanza di questi ingredienti?
Ironia e leggerezza sono molto importanti, hanno finito per diventare la mia corazza nelle battaglie di ogni giorno. Questo l’ho imparato dalla mia famiglia: contrariamente al padre di Mózes nel film, mio padre era un uomo che sapeva essere leggero, divertente e sensibile.
Intervista Virág Zomborácz: Domanda 3Nel film si trovano temi intimi e legati alla sfera affettiva e psicologica. Perché hai scelto questa prospettiva? Ed esiste secondo te una prospettiva femminile nel cinema?
Senza dubbio sono convinta che esiste una prospettiva femminile, perché uomini e donne crescono in modi diversi, con regole diverse, anche se a volte non ne siamo consapevoli, e tutto questo forma il nostro modo di vivere e di vedere il mondo. Ma ci sono anche differenze tra le persone che non c’entrano con il genere, che sono legate ai luoghi in cui si cresce e ai vissuti personali. In questo film non mi sono concentrata sulla mia visione “al femminile”, volevo piuttosto mostrare relazioni e ruoli che ognuno può comprendere, a prescindere dal suo genere di appartenenza.
Intervista Virág Zomborácz: Domanda 4Quali sono le condizioni in cui lavorano oggi i giovani registi in Ungheria?
Ad eccezione di pochi apprezzati registi, la maggior parte di noi per vivere fa qualcos’altro oltre ai film. Teatro, lavori commerciali, videoclip musicali e via dicendo. Mentre lavoro al mio prossimo film, ad esempio, io per vivere scrivo sceneggiature per le serie tv di HBO Europe.
Intervista Virág Zomborácz: Domanda 5Il Bergamo Film Meeting, di cui con hai vinto la 33esima edizione, nel 2002 ha ospitato una retrospettiva dedicata a Béla Tarr e quest’anno ne dedica una a Miklós Jancsó: quanto hanno contato gli autori ungheresi nella tua formazione?
Nutro molto affetto verso il cinema e i film della mia infanzia. Ho iniziato a scrivere sceneggiature quando avevo sei anni. Beh, non ero certo una bambina diversa dagli altri, queste composizioni precoci erano esattamente quello che si può immaginare possa scrivere un bambino di sei anni. Credo che mia madre la conservi ancora oggi. Io sono cresciuta in periferia, in un cosiddetto quartiere operaio, gli stimoli mi arrivavano più dalla televisione che dal cinema e dall’arte. Sono stata influenzata più dai film di Bud Spencer e Terence Hill che dal cinema ungherese. Béla Tarr e Miklós Jancsó li ho conosciuti studiando, ho cominciato ad apprezzarli dopo i vent’anni.
Ultime Interviste
Intervista: Tomm Moore Tomm Moore La canzone del mare: "voglio che i bambini conoscano le nostre storie e leggende"
Intervista: Alexandra Leclère Alexandra Leclère Benvenuti... ma non troppo: "una commedia pura che fa riflettere"
Intervista: Martin Zandvliet Martin Zandvliet Land of mine - Sotto la sabbia: "una storia importante e sostanzialmente sconosciuta"
Intervista: Andrew Haigh Andrew Haigh Weekend: "un'onesta, intima, autentica storia d'amore"
Intervista: Brian Helgeland Brian Helgeland Legend: "Come si racconta la vita di una persona realmente esistita?"
Intervista: Carlo Verdone Carlo Verdone L'abbiamo fatta grossa: "la critica di costume deve essere parte della commedia"
Intervista: Virág Zomborácz Virág Zomborácz Mózes, il pesce e la colomba: "ho iniziato a scrivere sceneggiature a sei anni!
Intervista: Francesco Calogero Francesco Calogero Seconda Primavera. "la capacità di interpretare la realtà è spesso contraddittoria"
Intervista: Vincenzo Salemme Vincenzo Salemme Se mi lasci non vale: "l'amicizia e l'amore devono essere credibili"
Intervista: Lorenzo Vigas Lorenzo Vigas Ti guardo: "ogni uomo cerca di riempire una vasta mancanza di emozione"
Archivio Interviste
 2017    Gen  Feb  Mar  Apr  Mag  
 2016    Gen  Feb  Mar  Apr  Mag  Giu  Lug  Ago  Set  Ott  Nov  Dic  
 2015    Gen  Feb  Mar  Apr  Mag  Giu  Lug  Ago  Set  Ott  Nov  Dic  
 2014    Gen  Feb  Mar  Apr  Mag  Giu  Lug  Ago  Set  Ott  Nov  Dic  
 2013    Gen  Feb  Mar  Apr  Mag  Giu  Lug  Ago  Set  Ott  Nov  Dic  
 2012    Gen  Feb  Mar  Apr  Mag  Giu  Lug  Ago  Set  Ott  Nov  Dic  
 2011    Gen  Feb  Mar  Apr  Mag  Giu  Lug  Ago  Set  Ott  Nov  Dic  
 2010    Gen  Feb  Mar  Apr  Mag  Giu  Lug  Ago  Set  Ott  Nov  Dic  
 2009    Gen  Feb  Mar  Apr  Mag  Giu  Lug  Ago  Set  Ott  Nov  Dic  
 2008    Gen  Feb  Mar  Apr  Mag  Giu  Lug  Ago  Set  Ott  Nov  Dic  
 2007    Gen  Feb  Mar  Apr  Mag  Giu  Lug  Ago  Set  Ott  Nov  Dic  
 2006    Gen  Feb  Mar  Apr  Mag  Giu  Lug  Ago  Set  Ott  Nov  Dic  
 2005    Feb  Mar  Apr  Mag  Giu  Lug  Ago  Set  Ott  Nov  Dic  
Mózes, il pesce e la colomba
di Virág Zomborácz
Commedia, 2014
95 min.
Film diretti:
2014  Mózes, il pesce e la colomba
Flash non disponibile
Copyright 2017 ©