Homepage Recensioni dei film News sul Cinema Speciali sul Cinema Interviste Trailer dei film Coming soon Libri di Cinema Storia del Cinema Est Film Festival Civita Cinema

Speciale:

Invia questa pagina via e-mail a chi vuoi tu Stampa questa pagina
"Factory Girl": al cinema la musa di Andy Warhol
"Quando Andy incontra Edie la vita imita l'arte". Questa è la frase di lancio di "Factory Girl", il film di George Hickenlooper con Sienna Miller nel ruolo della protagonista accanto a Guy Pearce, che racconta la tragica storia di Edie Sedgwick, una delle modelle preferite della celebre 'Factory' artistica di Andy Warhol, dall'arrivo a New York nel 1965, fino alla prematura morte a soli 28 anni per overdose.
"Factory Girl" sarà probabilmente ricordato come uno dei film più contestati degli ultimi anni, persino ancora prima che pubblico e critica siano riusciti a vederlo. Questo perché la pellicola biografica su Edie Sedgwick, non ancora approdata nelle sale, è stata ampiamente discussa da avvocati e personaggi celebri, un tempo parte di quel mondo di artisti e musicisti che frequentava abitualmente la Factory di Warhol. Soprattutto Bob Dylan, infuriato per essersi riconosciuto nel cantante interpretato da Hayden Christensen, nel film ritenuto in parte responsabile del declino psicologico e della morte di Edie. Il cantautore americano di fatti ebbe un’intensa relazione con la pupilla di Warhol, e pare che le abbia spezzato il cuore. Mentre Lou Reed, dopo aver letto il copione, si è detto disgustato e ha sostenuto che l’intera operazione non è altro che spazzatura, per usare un eufemismo.
Vedi il trailer.
Flash non disponibile
Copyright 2018 ©