Homepage Recensioni dei film News sul Cinema Speciali sul Cinema Interviste Film in TV Programmazione dei Cinema (Roma) Trailer dei film Coming soon Libri di Cinema Storia del Cinema Est Film Festival

Fratelli Dardenne - La possibilità in fondo alla strada

Invia questa pagina via e-mail a chi vuoi tu Stampa questa pagina
a cura di Glauco Almonte
Se c’è qualcosa che collega tutti i film dei fratelli Jean-Pierre e Luc Dardenne, è il successo a Cannes. E’ paradossale dirlo a proposito di due autori tanto riconoscibili, ma il quinto premio alla quinta partecipazione sulla Croisette (già due Palme d’oro nel loro Palmares) non è l’ennesimo indizio, ma una certezza: ai francesi e agli americani, i fratelli belgi piacciono assai. Gli organizzatori del festival più importante del mondo dopo aver visto “La promesse” hanno deciso di invitare i due cineasti vita natural durante: scelta assecondata dalle giurie susseguitesi in questi tredici anni, guidate in quattro occasioni su cinque da americani (di nascita o di passaporto cinematografico): David Cronenberg, David Lynch, Sean Penn e Robert De Niro.
E’ poco più che una coincidenza, ma è comunque sintomatica la tendenza americana – seppur con personaggi molto particolari, e non è da meno il quinto presidente Emir Kusturica – per un cinema profondamente europeo, con uno stile estremamente personale. Un cinema che da “La promesse” in poi può sembrare sempre uguale a se stesso, ma complice la distanza pluriennale tra un film e l’altro ha in realtà rappresentato una seppur lenta evoluzione dai documentari degli albori verso una struttura in cui quasi affiora la finzione cinematografica. Punto di partenza sono la realtà e una macchina da presa (e un punto di vista, ovviamente): la messa in scena è solo un necessario alter ego della realtà, e così non ci sono attori che recitano, ma persone che agiscono e attorno alle quali Jean-Pierre e Luc si muovono per decifrarne le azioni e, a monte, le intenzioni. Quella che raccontano è una realtà marginale, intesa come racconti di persone ai margini della società, ma anche di microcosmi marginali rispetto alle grandi città: bastano i loro protagonisti per raccontare le storie, il Mondo può restare fuori. Piccoli criminali, sfruttati, giovani incapaci di accettare responsabilità più grandi di loro: nelle poche strade dei paesini belgi e nei boschi fuori città si consumano piccoli drammi invisibili, qualcosa si rompe dentro qualcuno, il tempo scorre ad ogni scena e in ogni vita inesorabilmente.
E’ solo dopo la seconda Palma d’oro che i due fratelli aprono uno spiraglio a un’idea più tradizionale di cinema: un intreccio, una sceneggiatura meno descrittiva e con più attenzione al dialogo, una città più grande che rappresenta maggiori possibilità, meno determinismo e quindi, per coerenza, uno spiraglio di ottimismo in più. E addirittura attori famosi (Cécile De France co-protagonista nel “Ragazzo con la bicicletta”) e un accenno – è proprio il caso di usare la formula “udite, udite” – di colonna sonora: sono pochi secondi che ritornano tre volte nel film, quasi fosse una voce fuori campo, un modo comune – in qualsiasi altro cinema – per raccontare un cambiamento interiore. E forse il cambiamento interiore c’è stato davvero, dentro Jean-Pierre e Luc: non è più il momento di far male allo spettatore, di chiedergli di uscire dalla sala con una nuova angoscia addosso. Quella di Cyril non è una morte mancata ma una vera e propria resurrezione, uno sguardo gettato più in alto delle poche vie di paese e delle basse case dove vivere, in uno spazio senza margini chiamato possibilità.
Jean-Pierre e Luc Dardenne
 » JEAN-PIERRE e LUC DARDENNE
 » FOCUS
 » FILM E RECENSIONI
 » HOME VIDEO
Due giorni, una notte | Jean-Pierre e Luc Dardenne
Il matrimonio di Lorna | Jean-Pierre e Luc Dardenne
L'enfant | Jean-Pierre e Luc Dardenne
Rosetta / La promesse (1 Dvd) | Jean-Pierre e Luc Dardenne
 » INTERVISTE
I fratelli Dardenne | Jean-Pierre e Luc Dardenne
I fratelli Dardenne | Jean-Pierre e Luc Dardenne
I fratelli Dardenne | Jean-Pierre e Luc Dardenne
 » LIBRI
Il cinema di Jean-Pierre e Luc Dardenne | Jean-Pierre e Luc Dardenne
Flash non disponibile
Copyright 2017 ©