Homepage Recensioni dei film News sul Cinema Speciali sul Cinema Interviste Film in TV Programmazione dei Cinema (Roma) Trailer dei film Coming soon Libri di Cinema Storia del Cinema Est Film Festival

Utente: Henri

Invia questa pagina via e-mail a chi vuoi tu Stampa questa pagina
Nickname
Henri
Età
25
Sesso
Città
Crema
Nome
Enrico O.




Scopri tutti i voti di Henri
Tutti i Commenti e i Voti di Henri
Film: Paterson 1 Febbraio ore 20:37
voto al film:   7,5

(Parte 2) Una sceneggiatura mai prevedibile, piccole punte di surrealismo, due o tre microespressioni di Driver al momento giusto, alcuni siparietti con un cane e comprimari eccezionali, Jarmusch ha scritto e diretto un'opera apparentemente piccola ma che contiene un mondo, il nostro.
Ti è piaciuto il commento?  
Film: Paterson 1 Febbraio ore 20:36
voto al film:   7,5

(Parte 1) Paterson è l'osservazione da vicino della vita di un uomo nell'arco di una settimana. Non una settimana particolare ma una qualunque, sette giorni trascorsi nella routine, non vissuta come un triste e inesorabile cammino verso la morte alla Cavallo di Torino ma una divertente, a tratti molto divertente, caccia al lato poetico della vita. Quindi un fantastico Adam Driver si alza al mattino, si veste, fa colazione, va a lavorare, ascolta i discorsi spesso sconclusionati dei passeggeri del suo autobus e trae ispirazione da questi piccoli barlumi di bellezza per scrivere le sue poesie. Poesie che non ambiscono ad essere dei pipponi titanici alla D'Annunzio ma l'esaltazione delle piccole cose che ci circondano, diventando più immediate e quindi più toccanti.
Ti è piaciuto il commento?  
Film: Captain America: Civil War 2 Gennaio ore 19:00
voto al film:   5

I film Marvel mancano di personalità, ogni episodio è identico all'altro, indipendentemente dal regista, non contengono idee ardite nemmeno dopo il 13° film, quando fanno "qualcosa di diverso" producono Guardiani della Galassia che si, è divertente, ma è solo l'ennesima opera derivativa di Guerre Stellari (un film di 40 anni fa!). Cerchiamo di differenziare ciò che piace da ciò che è bello, il gusto dal senso critico. Amare un film non significa farne un capolavoro, perchè come insegnano le mosche i gusti son gusti ma preferire la Mazzamauro a Charlize Theron non fa di lei una modella.
Chiedo scusa per la prolissità ma era un sassolino che volevo togliermi da tempo, e visto che il 2016 si è rivelato forse l'anno qualitativamente peggiore nel panorama blockbuster non ho saputo resistere!
Ti è piaciuto il commento?  
Film: Captain America: Civil War 2 Gennaio ore 18:56
1
voto al film:   5

Parte 2, in cui usando Civil War come capro espiatorio si attaccano la serialità al cinema, i film Marvel e una parte della critica:
Civil War non è nemmeno il peggiore intendiamoci, ne sono usciti di molto peggio (vedere Suicide Squad), il lungo sproloquio serviva solo a sottolineare come ormai vengano ben accolti da critica e pubblico film così mediocri perchè "tanto son supereroi, si sa com'è!". Un critico di professione su un sito che non citerò mai più ha fatto un parallelo tra la serialità Marvel e le serie tv; ero d'accordissimo finchè non mi sono reso conto che per lui questa era una cosa positiva. Paragonare una forma d'arte alla televisione è diventata una cosa positiva. Com'è possibile che non si riconoscano i limiti di un film che ha bisogno di altri 12, ripeto, 12, per essere compreso? E come si può assegnare a un'opera così sciatta ma soprattutto così incompleta 4 stelle su 5 di giudizio? (continua...)
Ti è piaciuto il commento?  
Film: Captain America: Civil War 2 Gennaio ore 18:55
1
voto al film:   5

Non dimentichiamoci che il Cinema dovrebbe essere una forma d'arte e che "azione" non significa necessariamente mal scritto (vedere I sette samurai); "kolossal" non significa necessariamente cerchiobottista (vedere Lawrence d'Arabia); e che persino in un genere enormemente limitato come quello dei cinecomics "supereroe" non significa necessariamente mediocre (vedere Lo chiamavano Jeeg Robot).
Ti è piaciuto il commento?  
Film: Captain America: Civil War 2 Gennaio ore 18:54
1
voto al film:   5

un parcheggio. E qui anche gli amanti delle botte dovrebbero indignarsi. La regia dell'azione, le coreografie, gli stunt... non esistono, tutto sostituito da un uso del computer invadente e a tratti (si veda il costume di Spiderman) fastidioso. Finalmente si giunge al finale in cui il vero eroe del film, Daniel Bruhl ovviamente, ci regala un buon colpo di scena, Iron Man le prende (?) ma poi Cap gli scrive una lettera per far pace perchè in fondo l'amore non è bello se non è litigarello. Pure cerchiobottista, incapace di prendere una decisione radicale, il film diventa (per la gioia dei fans) identico al fumetto: un gran casino che si risolve gratuitamente. Come spettatori dovremmo rigettare prodotti del genere, vere prese per il culo, e non difenderle dicendo che "tanto chi lo va a vedere lo fa per le botte e gli effetti speciali".
Ti è piaciuto il commento?  
Film: Captain America: Civil War 2 Gennaio ore 18:51
1
voto al film:   5

A questi vengono aggiunti, altrimenti questa "guerra civile" l'avrebbero fatta in quattro, personaggi completamente estranei alla faccenda. Quindi con una presentazione di circa tre minuti ecco arrivare Pantera Nera, Spiderman e Ant-Man. Tanto li conosciamo tutti. E dulcis in fundo il tringolo amoroso Iron Man/Capitan America/Soldato d'Inverno. Si sono resi conto in fase di scrittura che una cosa come la registrazione e il controllo degli "eroi" avrebbe dovuto avere uno spazio piò o meno fondamentale in un film così? Il 13° di una serie, in cui non si parla più di due o tre eroi sparsi, ma di un MONDO di individui così. Ma tutto questo viene mangiato da "Bucky è mio amico fa niente se uccide la gente" "Ma il tuo vicino di casa del 1942 ha ucciso la mia mamma!" "Ma che culo, su 7 miliardi di persone le sfighe capitano sempre ai soliti!" ecc ecc. Quindi zoppicanti e un po' confusi sui reali sentimenti di Cap per Bucky arriviamo alla soluzione della guerra: una rissa in
Ti è piaciuto il commento?  
Film: Captain America: Civil War 2 Gennaio ore 18:50
1
voto al film:   5

Parte 1, in cui si recensisce il film:
Mediocre. Un'infilata di personaggi assolutamente non carismatici che dovremmo amare più per patto narrativo che per merito. Con l'eccezione dello Zemo di Daniel Bruhl, unico personaggio che si possa definire "scritto" (in quanto provvisto di ragioni per fare quello che fa diverse da "sono cattivo di brutto") tutti gli altri sono perfettamente rimpiazzabili da dei cartonati. Il dimenticato generale Ross de L'incredibile Hulk che improvvisamente è un pezzo grosso del governo (?); Occhio di Falcon, per condensare in meno righe due personaggi che servono solo a far numero; Vedova Nera, con le idee piuttosto confuse sulla fazione che serve e tradisce in base al tempo; Scarlet e Visione che ahahahah. Un elenco di macchiette, con una psicologia appena abbozzata, che dovrebbero rappresentare i salvatori (o vendicatori, perchè arrivano sempre in ritardo) del mondo. (continua...)
Ti è piaciuto il commento?  
Film: Attack the Block - Invasion... 4 Dicembre ore 09:37
voto al film:   7

I guerrieri della notte incontrano E.T. Divertente e molto ritmato, tra una spranga, una katana, un liquidator e un machete trova spazio anche per una (seppur leggera) indagine sociale dei suoi personaggi e del "blocco" in cui vivono. Il tono scanzonato forse cozza con l'esplosione violenta di certi punti ma rende questi momenti ancora più sorprenderti e inaspettati. Belli gli alieni e cameo di Nick Frost non indispensabile ma comunque prezioso.
Ti è piaciuto il commento?  
Film: Sully 3 Dicembre ore 19:59
2
voto al film:   7

Quest'anno Eastwood sceglie di raccontare una storia di speranza che riesce, in un'epoca satura di supereroi, ad emozionare apparentemente con poco: un aereo, un fiume e tanti dialoghi. Grandi pregi l'omissione dell'odiosa scritta "tratto da una storia vera" come pretesa di serietà e un non eccessivo patriottismo tipicamente americano. Ottima anche la ricostruzone dell'incidente collocata in un punto abbastanza sorprendente del film (temevo in un più banale flashback nel finale). Tom Hanks folgorante e commovente nella sua reazione al "155", punte di humor azzeccatissimo e scena del salvataggio da occhi lucidi.
Ti è piaciuto il commento?  
Flash non disponibile
Copyright 2017 ©