Homepage Recensioni dei film News sul Cinema Speciali sul Cinema Interviste Film in TV Programmazione dei Cinema (Roma) Trailer dei film Coming soon Libri di Cinema Storia del Cinema Est Film Festival

Storia del Cinema - La Screwball Comedy

Susanna - Howard Hawks,1938 Accadde una notte - Frank Capra,1934[Manifesto] Scandalo a Filadelfia - Gorge Cukor,1940[Manifesto]
1934 - 1952
Nella screwball comedy, al centro della trama sono sempre romantiche coppie di eccentrici, ritratti spesso con toni da slapstick: anche per questo, i protagonisti sono di solito gente agiata, che può permettersi di comportarsi in modo bizzarro nonostante le avversità della Depressione. La coppia può all'inizio essere antagonistica, come in "Scandalo a Filadelfia" (The Philadelphia Story, 1940) di George Cukor, ma non sono rari gli amori che valicano le divisioni di classe: e i genitori ricchi vanno convertiti, come in "L'eterna illusione" (You Can't Take It Away with You, 1938) di Capra, o contrastati come in "Incantesimo" di Cukor.
La screwball comedy fu inaugurata nel 1934 da due film molto diversi. "Ventesimo secolo" (Twentieth Century) di Hawks tratta i suoi due protagonisti, Carole Lombard e John Barrymore, con assoluto cinismo: un impresario teatrale un po' gigione trasforma una bellissima commessa in una star e poi la seduce; ma presto lei adotta nella vita di tutti i giorni gli stessi atteggiamenti teatrali di lui, e la seconda metà del film, tutta ambientata su un treno, è una rassegna di liti e capricci. L'altra screwball comedy del 1934, "Accadde una notte", di Capra, è più sentimentale. La protagonista viziata che cerca di sfuggire a suo padre per sposare un superficiale playboy rese popolare il personaggio della "ereditiera testa matta": un reporter molto più concreto l'aiuta sperando in uno scoop, e i due si innamorano. L'immagine della donna ricca e viziata sarebbe stata portata agli estremi in "Susanna!" (Bringing Up Baby, 1938) di Hawks.
Il genere si sviluppò rapidamente, e Capra restò uno dei suoi esponenti migliori: nel suo "E' arrivata la felicità" (Mr. Deeds Goes to Town, 1936) un uomo di provincia diventa un idolo nazionale quando usa la sua inattesa eredità per aiutare contadini espropriati delle loro fattorie; avidi avvocati cercano di farlo dichiarare pazzo anche se, come Capra dimostra fin dall'inizio, egli è solo un eccentrico.
I primi film del genere parlavano della Depressione: in "Accadde una notte", il reporter vuole scrivere un articolo sull'ereditiera fuggitiva per riguadagnarsi il lavoro; il protagonista di "L'impareggiabile Godfrey" (My Man Godfrey, di Gregory La Cava,1936) si fa assumere come maggiordomo da una famiglia ricca ed eccentrica perché non ha una casa, e i personaggi del film citano spesso "i dimenticati", termine invalso durante la Depressione per indicare i disoccupati, molti dei quali erano reduci della prima guerra mondiale. Più in là nel decennio, comunque, le trame di molte screwball comedies abbandonarono i problemi sociali dell'epoca, specialmente quello della disoccupazione: in "Incantesimo" il protagonista sogna di lasciare il suo lavoro redditizio per trovare il vero scopo della sua vita; tutti i personaggi positivi del film apprezzano l'individualismo, disprezzando snobismo e ricchezza. "L'eterna illusione", un inno all'eccentricità, descrive una grande famiglia che accoglie in casa persone che abbandonano lavori squallidi per seguire i propri interessi personali.
Anche la commedia sulla guerra dei sessi continuò senza dare segni di stanchezza: in "Lady Èva" (The Lady Ève, 1941) di Preston Sturges, una truffatrice decide di ripulire giocando a carte il ricco erede di una famiglia che produce birra; invece i due si innamorano, ma quando lui scopre i trascorsi di lei e la rifiuta, lei giura vendetta. Analogamente, in "Colpo di fulmine" una cantante di night-club in fuga dalla legge inganna una congrega di professori ingenui e si innamora di uno di loro.
La screwball comedy fiorì tra il 1934 e il 1945. Sturges vi contribuì anche con il tardo e più amaro "Infedelmente tua" (Unfaithfully Yours, 1948), in cui un direttore d'orchestra si convince che sua moglie ha un amante e durante un concerto fantastica di ucciderla in tre modi diversi, ognuno legato a un brano musicale appropriato. Anche Hawks realizzò due screwball postbelliche: in "Ero uno sposo di guerra" (I Was a Male War Bride, 1948) un ufficiale francese patisce una serie di umiliazioni quando deve vestirsi da donna per accompagnare la sua fidanzata negli Stati Uniti dopo la seconda guerra mondiale; "Il magnifico scherzo" (Monkey Business, 1952) mostra invece i deliranti effetti di un siero della giovinezza su persone apparentemente rispettabili.
Flash non disponibile
Copyright 2017 ©