Homepage Recensioni dei film News sul Cinema Speciali sul Cinema Interviste Film in TV Programmazione dei Cinema (Roma) Trailer dei film Coming soon Libri di Cinema Storia del Cinema Est Film Festival

Recensione: Little Soldier

Scrivi un Commento COMMENTA Vota il film VOTA Invia questa pagina via e-mail a chi vuoi tu Stampa questa pagina
Little Soldier
titolo originale Lille Soldat
nazione Danimarca
anno 2008
regia Annette K. Olesen
genere Drammatico
durata 100 min.
cast T. Dyrholm (Lotte) • L. Brown (Lily) • F. Nielsen (Far) • R. Botoft (Nabo) • T. Lindhardt (John) • H. Prip (Henning) • J. Spottag (Fischer)
musiche K. Bjerkø
fotografia C. Hjelm
montaggio J. Thuesen
uscita prevista

 non ancora disponibile 
media voti redazione
Little Soldier Trama del film
Lotte è una soldatessa appena rientrata dalla guerra. Beve molto e vive in un appartamento completamente sottosopra. Un giorno viene a trovarla suo padre per offrirle un lavoro. Il padre di Lotte si guadagna da vivere come amministratore di una escort di origine africana. Il compito di Lotte sarà quello di guidare l'attraente Lily per la città dai vari clienti. Imparando a conoscerla, Lotte capisce che Lily ha bisogno di aiuto.

Recensione “Little Soldier”

a cura di Vera Usai  (voto: 6,5)
Tra le prime pellicole a concorrere per l’Orso d’Oro, la Berlinale ha mostrato quest’anno quella della regista danese Annette K. Olesen, “Lille Soldat”, un film che si fa portavoce degli effetti irrecuperabili lasciati dalla guerra nel corpo e nell’anima di chi torna in patria. Lotte, la ex soldatessa protagonista del film, torna in Danimarca dopo aver combattuto in Iraq, portando con sé profonde ed irrecuperabili ferite. C’è la guerra in tutto il film. Non una guerra narrata per immagini, ma una guerra restituita attraverso colori, stati d’animo e dialoghi. Una scelta registica che risulta ancora più efficace nel suo non bisogno di mostrare e nell’abilità di restituire comunque quel senso di insofferenza e disagio, di cui si caricano anche le scenografie. Lotte ha un peso dentro di sé che il film non svelerà mai fino in fondo, se non in maniera implicita, tradotto in momenti di rabbia o nel disordine di un appartamento lasciato a se stesso. Tornata a casa si troverà a sbattere contro altre realtà, altrettanto sofferte, come quella di Lily, una giovane donna legata al mondo della prostituzione, per la quale cercherà di fare qualcosa come per superare quel sentimento di vuoto lasciato dall’esperienza bellica. Il grigiore freddo di quegli ambienti però non riesce a scrollarselo di dosso, e la macchina da presa non riesce, o forse non vuole, penetrare fino in fondo la sua interiorità, lasciando così spazio al coinvolgimento dello spettatore.
Una regia al femminile che, anche senza particolari meriti in ambito di originalità narrativa, gioca nel dettagliato sul lavoro degli attori, sugli stati d’animo e sugli sconvolgimenti psicologici, permettendo di apprezzare vari livelli di interpretazione, validi ed estremamente adeguati. Un film da vedere con consapevolezza, senza paura di rimanere feriti.
Commenti del pubblico
Nickname:
Password:
 
REGISTRATI «
PSWD DIMENTICATA «







Ultimi commenti e voti
Il film non è stato ancora commentato.
Ultime Schede
Little Soldier
Festival di Berlino 2009
59ma Berlinale dal 5 al 15 febbraio
Flash non disponibile
Copyright 2017 ©