Homepage Recensioni dei film News sul Cinema Speciali sul Cinema Interviste Film in TV Programmazione dei Cinema (Roma) Trailer dei film Coming soon Libri di Cinema Storia del Cinema Est Film Festival

Recensione: Detour - deviazione per l'inferno

Scrivi un Commento COMMENTA Vota il film VOTA Invia questa pagina via e-mail a chi vuoi tu Stampa questa pagina
Detour - deviazione per l'inferno
titolo originale Detour
nazione U.S.A.
anno 1945
regia Edgar G. Ulmer
genere Noir
durata 65 min.
cast T. Neal (Al Roberts) • A. Savage (Vera) • C. Drake (Sue Harvey) • E. MacDonald (Charles Haskell)
sceneggiatura M. Goldsmith
musiche L. Erdody
fotografia B. Kline
media voti redazione
Detour - deviazione per l'inferno Trama del film
Al Roberts, dal bancone di un bar, rievoca gli avvenimenti che gli hanno sconvolto la vita: dalla morte dell’uomo che gli stava dando un passaggio all’incontro con Vera, che lo ricatta minacciando di avvertire la polizia, alla sua accidentale uccisione. Travolto da questa incredibile catena di eventi, ad Al non resta che aspettare l’arresto, ultima beffa del destino.

Recensione “Detour - deviazione per l'inferno”

a cura di Glauco Almonte  (voto: 7,5)
“Presto ci sposeremo e saremo una squadra. Sì, ma di serie B.”

Le parole di Sue, la fidanzata di Al, diventano col tempo un manifesto (e una condanna) del film, considerato oggi il migliore tra i prodotti ‘di serie B’. Lo scetticismo sulla qualità della coppia lascia il campo all’assurdo gioco del destino che ne impedisce la formazione; Al si allontana da Sue quanto più le corre incontro.
Il regista si diverte a rovesciare i simboli classici del cinema a stelle e strisce, ad iniziare dal viaggio (verso Ovest, e come poteva essere altrimenti?) che da ricerca si trasforma in fuga: la deviazione non è da un percorso ad un altro, ma dal concetto di viaggio stesso, un movimento che diventa caduta. L’autostop, lungi da essere elemento risolutore, complica entrambe le volte la situazione, vanificando nel secondo caso gli sforzi di Al per ovviare al primo incidente.
Da questo momento non ci sarà più modo di opporsi al destino, che raggiunge il culmine del cinismo nella morte di Vera, una morte che risolve istantaneamente il più grande problema di Al scaraventandogliene addosso uno nuovo, ancora più grande.
Impotente di fronte alla donna (“l’animale più pericoloso del mondo”), alle prese con l’accanimento del destino Al non prova né a contrastarlo né, sfinito, ad invocare pietà: i concetti di bene e male, giusto e sbagliato soccombono al cospetto dell’incombente, dell’inevitabile.
Commenti del pubblico
Nickname:
Password:
 
REGISTRATI «
PSWD DIMENTICATA «







Ultimi commenti e voti
Il film non è stato ancora commentato.
Ultime Schede
Recensione Detour - deviazione per l'inferno Scheda: King Arthur - Il potere della spada  di G. Ritchie
Detour - deviazione per l'inferno
COMPRA
IL DVD
Compra il Dvd Detour - deviazione per l'inferno
Flash non disponibile
Copyright 2017 ©