Homepage Recensioni dei film News sul Cinema Speciali sul Cinema Interviste Film in TV Programmazione dei Cinema (Roma) Trailer dei film Coming soon Dvd Libri di Cinema Storia del Cinema Est Film Festival

Recensione: Autumn Moon

Scrivi un Commento COMMENTA Vota il film VOTA Invia questa pagina via e-mail a chi vuoi tu Stampa questa pagina
Autumn Moon
titolo originale Qiuyue
nazione Hong Kong / Giappone
anno 1992
regia Clara Law
genere Commedia
durata 108 min.
distribuzione n.d.
cast M. Nagase (Tokio) • L. Pui-Wai (Wai)
musiche L. Lee-Tat
fotografia T. Cheung
media voti redazione
Autumn Moon Trama del film
Una ragazzina del liceo e un turista giapponese post-adolescente si incontrano mentre lui cerca di pescare nell'acqua sporca del porto, disperato perché venuto a Hong Kong per mangiare bene, non riesce invece a trovare nemmeno un ristorante decente.

Recensione “Autumn Moon”

a cura di Andrea Olivieri  (voto: 6)
In "Autumn Moon" la talentuosa Clara Law, con inquadrature come acquerelli dolcemente deformi, con immagini rinfrescate dai rumori di fondo, con dialoghi pregnanti, con un ritmo piano capace di far vibrare i malesseri senza legge della modernità, racconta di Tokio, giovane giapponese triste: che predilige pescare e riprendere la gente con la cinepresa. Instancabile nell'atto d'amare, ma spesso solo, silenzioso, tormentato. E di Wai, senza la famiglia emigrata in Canada, che presentandosi dice: "Sono al mondo da 15 anni e solo adesso scopro che estate e inverno non si seguono immediatamente: c'è di mezzo l'autunno". E di una città: come i personaggi, in attesa di qualcosa che forse non arriverà nella forma attesa.
Hong Kong, che nel 1997, quando lo scadere del protettorato britannico l'ha lasciata isola nuda in mezzo al mare, tornando alla Cina, che da tempo la appetisce, desidera la sua ricchezza, il suo essere di frontiera.
La Law si interroga toccando un disagio ormai universale: mentre la nostra cultura sparisce chi si ricorderà di noi? Saremo dei moderni nomadi che vagano senza legami, senza ricordi, senza sogni?
Questa domanda la rende cinema con un'illuminazione finale splendida: Tokio e Wai accendono un "fuoco" di promesse, il fumo si solleva da terra, mentre la cinepresa, dall'alto, inquadra Hong Kong punteggiata di grattacieli e linguaggi.
E' un incrocio di memorie più che di sogni. Così, con un ricordo si può anche fare l'amore, anche se la finzione non può durare a lungo, anche se il corpo amato non è che un rifugio aggrinzito, investito casualmente di desiderio, ma anche di richieste.
Tornare alle radici è ormai impossibile, ma si può sempre scoprire l'autunno, fra l'estate e l'inverno, in una festa che, per un solo attimo, nel plenilunio, fa approdare e ripartire le navi degli antenati.
Commenti del pubblico
Nickname:
Password:
 
REGISTRATI «
PSWD DIMENTICATA «







Ultimi commenti e voti
Il film non è stato ancora commentato.
Ultime Schede
Recensione Autumn Moon Scheda: Sin City - Una donna per cui uccidere  di F. Miller, R. Rodriguez
Recensione Autumn Moon Scheda: Take five  di G. Lombardi
Recensione Autumn Moon Scheda: Lucy  di L. Besson
Recensione Autumn Moon Scheda: La buca  di D. Ciprì
Recensione Autumn Moon Scheda: Posh  di L. Scherfig
Recensione Autumn Moon Scheda: Jimi: All Is By My Side  di J. Ridley
Recensione Autumn Moon Scheda: Tartarughe Ninja  di J. Liebesman
Recensione Autumn Moon Scheda: La nostra terra  di G. Manfredonia
Recensione Autumn Moon Scheda: Un ragazzo d'oro  di P. Avati
Recensione Autumn Moon Scheda: Resta anche domani  di R. Cutler
Recensione Autumn Moon Scheda: Se chiudo gli occhi non sono più qui  di V. Moroni
Recensione Autumn Moon Scheda: Si alza il vento  di H. Miyazaki
Recensione Autumn Moon Scheda: The Giver - Il mondo di Jonas  di P. Noyce
Recensione Autumn Moon Scheda: Frances Ha  di N. Baumbach
Recensione Autumn Moon Scheda: Senza nessuna pietà  di M. Alhaique
Autumn Moon
Flash non disponibile
Copyright 2014 ©