Homepage Recensioni dei film News sul Cinema Speciali sul Cinema Interviste Film in TV Programmazione dei Cinema (Roma) Trailer dei film Coming soon Libri di Cinema Storia del Cinema Est Film Festival

Recensione: La zona

Leggi i commenti 4 COMMENTI Vota il film 14 VOTI Invia questa pagina via e-mail a chi vuoi tu Stampa questa pagina
La zona
titolo originale La zona
nazione Spagna / Messico
anno 2007
regia Rodrigo Plá
genere Drammatico
durata 95 min.
cast D. Gimenez Cacho (Daniel) • M. Verdú (Mariana) • D. Tovar (Alejandro) • C. Bardem (Gerardo) • M. de Tavira (Andrea) • M. Zaragoza (Comandante Rigoberto) • A. Chàvez (Miguel)
sceneggiatura L. Santullo
musiche F. Velázquez
fotografia E. Villanueva
montaggio B. VilaplanaA. Garcia
uscita nelle sale 4 Aprile 2008
media voti redazione
La zona Trama del film
Alejandro è un adolescente privilegiato che vive nella “Zona”, quartiere benestante nel centro di Città del Messico, protetto da guardie private e circondato da alte mura. Oltre i confini ed il filo spinato c’è la miseria più nera. Il giorno del suo compleanno, tre ragazzi delle favelas riescono a penetrare nella Zona e ad introdursi in una delle case. La rapina finisce male e un’anziana donna muore. Due dei giovani rapinatori vengono uccisi mentre tentano la fuga. Il terzo, Miguel, riesce a fuggire ma non a lasciare la Zona...

Recensione “La zona”

a cura di Riccardo Rizzo  (voto: 8,5)
Il confine è la rappresentazione dell’odio e della discriminazione, dell’ignoranza e della guerra.

Il mondo è portato all’autodistruzione perché ci saranno sempre pochi ricchi da una parte e miliardi di poveri dall’altra, cinici e insicuri i primi, condannati alla disperazione i secondi. La società va verso la disumanizzazione, la fobia del controllo causata dalla paura del diverso conduce ad una spirale di violenza e ossessione, e persino le leggi e le norme sociali - travestimenti borghesi che celano la paura di perdere qualcosa che si sente proprio - perdono di significato quando il cancro della paranoia distrugge la razionalità.
Il moderno oggigiorno assume sempre più le sembianze di qualcosa di anonimo e impersonale, senza anima e senza identità, bello fuori e marcio dentro: le graziose villette-con-giardino-e-box-auto che vediamo ne La Zona in realtà non sono altro che gabbie dorate di chi si crede libero e invece non lo è, persone in giacca e cravatta che svelano la loro bestialità e la loro ferocia non appena si accorgono che nessun muro, per quanto alto possa essere, potrà “proteggerli” dal mondo esterno, quello crudele e reale che i loro occhi non vogliono vedere. Viene da chiedersi il significato della parola progresso, quale speranza può dare una società corrotta e che fomenta la legge del taglione, che tende sempre più a dividere e porre limiti che non a con-dividere ed eliminare barriere.
Contro tutto questo si alza, potente, il grido di Rodrigo Plà (e della moglie, che ha scritto il libro dal quale è tratto il film) che dimostra al suo esordio una capacità formidabile di unire drammaticità e realismo, azione e morale. Si esce sconvolti dalla crudezza di certe immagini - tanto metaforiche quanto reali - e dall’angoscia che queste provocano: il raccapricciante linciaggio, epilogo della caccia all’uomo durata tutto il film, è il momento clou di una tensione che si accumula minuto dopo minuto, accentuata dall’uso delle immagini delle telecamere a circuito chiuso che generano una sensazione di perenne vigilanza e controllo.
Quando poi tutto finisce e le luci si riaccendono, rimane la sensazione di vivere in un mondo ingiusto e cattivo, e la voglia di abbattere tutti i suoi muri, compresi quelli che ergono nei cuori delle persone che ci vivono.
Commenti del pubblico
Nickname:
Password:
 
REGISTRATI «
PSWD DIMENTICATA «







Ultimi commenti e voti
Utente di Base (13 Commenti, 58% gradimento) Palopa Martedì 3 Marzo 2015 ore 23:33
voto al film:   8,5

Utente di Base (12 Commenti, 10% gradimento) marcopecs Lunedì 4 Novembre 2013 ore 18:27
voto al film:   7,5

Utente di Base (0 Commenti, 0% gradimento) martella Venerdì 25 Ottobre 2013 ore 22:16
voto al film:   7,5

Medaglia d'Oro (321 Commenti, 66% gradimento) AlessioRocco Medaglia d'Oro Sabato 9 Marzo 2013 ore 17:41
1 2
voto al film:   7,5

Rodrigo Pià esordisce con un soggetto forte e quanto mai attuale, risparmiandoci prediche e metafore. Ritmo e suspense sempre vivi, finale devastante. Eccellente spunto di riflessione. Tra i diversi premi, migliore opera prima a Venezia.
Ti è piaciuto il commento?  
Utente di Base (3 Commenti, 66% gradimento) Epo11 Domenica 3 Marzo 2013 ore 16:19
voto al film:   7,5

Medaglia d'Argento (113 Commenti, 59% gradimento) kikujiro Medaglia d'Argento Lunedì 4 Febbraio 2013 ore 21:26
1
voto al film:   8,5

Ci vorrebbe forse troppo coraggio a farlo vedere nelle scuole superiori eppure questo bellissimo film e' molto educativo, chi ne uscirebbe più' colpito e' proprio chi All' inizio farebbe il tifo x gli improbabili forcaioli borghesi del residence. In fondo chi ne esce più sconvolto e' il padre sicuro di se' . Un film di altissimo livello anche x la regia e l ottima sceneggiatura.
Ti è piaciuto il commento?  
Utente di Base (7 Commenti, 33% gradimento) nefasto87 Martedì 27 Marzo 2012 ore 21:22
voto al film:   8,5

Utente di Base (7 Commenti, 85% gradimento) angelonero Sabato 24 Dicembre 2011 ore 13:15
voto al film:   8,5

Medaglia d'Argento (106 Commenti, 59% gradimento) cartillo Medaglia d'Argento Giovedì 8 Dicembre 2011 ore 18:16
2 1
voto al film:   7,5

Film molto duro, tra cittadini che si vogliono far giustizia da sè in nome della "sicurezza" e polizia corrotta ,la sola speranza è il giovane Alejandro, che ha il coraggio di nascondere il fuggiasco...
Ti è piaciuto il commento?  
Medaglia di Bronzo (61 Commenti, 63% gradimento) edanbra Medaglia di Bronzo Martedì 8 Novembre 2011 ore 15:09
voto al film:   8

News sul film “La zona”
La zona Tetro: il nuovo film di Francis Ford Coppola "Tetro": il nuovo film di Francis Ford Coppola  (17 Dicembre 2007)
Ultime Schede
Un mostro dalle mille teste
La zona
Festival di Venezia 2007
64esima edizione
Flash non disponibile
Copyright 2017 ©