Homepage Recensioni dei film News sul Cinema Speciali sul Cinema Interviste Film in TV Programmazione dei Cinema (Roma) Trailer dei film Coming soon Libri di Cinema Storia del Cinema Est Film Festival

Recensione: Un Barrage contre le Pacifique

Scrivi un Commento COMMENTA Vota il film VOTA Invia questa pagina via e-mail a chi vuoi tu Stampa questa pagina
Un Barrage contre le Pacifique
titolo originale Un Barrage contre le Pacifique
nazione Cambogia / Francia / Belgio
anno 2008
regia Rithy Panh
genere Drammatico
durata 115 min.
cast I. Huppert (madre) • V. Grass (Bart) • L. Harrison (Carmen) • A. Berges-Frisbey (Suzanne) • G. Ulliel (Joseph) • R. Douc (Ms. Jo) • D. Vathon (caporale)
sceneggiatura M. FesslerR. Panh
musiche M. Marder
fotografia P. Milon
montaggio M. Rougerie
uscita prevista

 non ancora disponibile 
media voti redazione
Un Barrage contre le Pacifique Trama del film
Solo una diga contro il flusso delle maree può salvare la risaia di un'indomita proprietaria terriera, emblema vivente dell'ormai sfinita società coloniale francese in lndocina e madre dal pugno di ferro contro il desiderio di emancipazione dei suoi due figli. Quando l'adolescente Suzanne diviene l'ossessione amorosa del ricco cinese Monsieur Jo, la madre dovrà decidere del suo destino, ma anche della sua terra.

Recensione “Un Barrage contre le Pacifique”

a cura di Giordano Rampazzi  (voto: 5)
Sullo sfondo di nubi minacciose scorrono i titoli di testa, quasi a voler avvertire lo spettatore che nella vicenda ancora da svelare si sia già consumato qualcosa di funesto. Il film si apre infatti con un dramma appena compiuto: siamo in Indocina e le risaie di una famiglia francese sono appena state invase dall’acqua marina, a causa di una diga primitiva che non ha retto agli assalti del Pacifico. L’indomita proprietaria terriera, interpretata dall’affidabilissima Isabelle Huppert, è una donna di mezza età con due figli a carico, sostanzialmente povera e molto attaccata ai figli e a quella terra, che ha ricavato da un terreno paludoso. Il fortissimo desiderio di emancipazione dei suoi figli Joseph e Suzanne contrasta con l’incapacità della madre di pensare a una vita senza di loro. La burocrazia disonesta e corrotta e la spietatezza degli industriali locali costringono la famiglia all’esasperazione e a umilianti patteggiamenti.
Quello che non convince di “Un Barrage contre le Pacifique” è prima di tutto l’aspetto puramente tecnico. La fotografia smorta, con i colori della natura che sembrano privati di un soffio vitale e che si mischiano allo spazio e ai rumori senza un filo logico, dovrebbe forse farci riflettere sulla natura della natura, eppure l’unica cosa che provoca è un incredibile distacco emotivo. Ogni scena sembra già vista e girata senza personalità, così come la caratterizzazione dei personaggi collaterali (nulla da dire invece sui tre protagonisti). Il regista cambogiano Rithy Panh, già autore di “La macchina di morte dei Khmer rossi”, fa rivivere l’omonimo romanzo della scrittrice francese Marguerite Duras, di cui il film è la sostanziale trasposizione, ma si dimentica che il romanzo era già stato portato sugli schermi nel 1957, da René Clément e forse era sufficiente così. “Privare le persone di dignità è un errore che si ritorce contro” cita Isabelle Huppert nel film. Ma la frase a effetto non passa e il film rimane statico e sbiadito come il tempo che non passa mai.
Commenti del pubblico
Nickname:
Password:
 
REGISTRATI «
PSWD DIMENTICATA «







Ultimi commenti e voti
Il film non è stato ancora commentato.
Ultime Schede
Recensione Un Barrage contre le Pacifique Scheda: King Arthur - Il potere della spada  di G. Ritchie
L'image manquante
Un Barrage contre le Pacifique
Festival di Roma 2008
Festival Internazionale del Film, dal 22 al 31 ottobre
Flash non disponibile
Copyright 2017 ©