Homepage Recensioni dei film News sul Cinema Speciali sul Cinema Interviste Film in TV Programmazione dei Cinema (Roma) Trailer dei film Coming soon Libri di Cinema Storia del Cinema Est Film Festival

Recensione: Schattenwelt

Leggi i commenti 1 COMMENTO Vota il film 1 VOTO Invia questa pagina via e-mail a chi vuoi tu Stampa questa pagina
Schattenwelt
titolo originale Schattenwelt
nazione Germania
anno 2008
regia Connie Walter
genere Drammatico
durata 92 min.
cast F. Petri (Valerie Matos) • U. Noeten (Bernd Widmer) • E. Mattes (Marita Gellert) • C. Bach (Samy) • G. Breitfuss (Lewinsky) • U. Kockisch (Decker) • U. Lange (padre di Robbi) • A. Löwl (madre di Robbi) • R. Zepf (Robbi) • M. Nebbou (Talat) • T. Seibt (Ellen Weber)
sceneggiatura P. BoockC. WalterU. Herrmann
musiche R. Oleak
fotografia B. Gudjonsdottir
montaggio K. Loennecker
uscita prevista

 non ancora disponibile 
media voti redazione
Schattenwelt Trama del film
Dopo vent'anni in carcere Widmer, un ex terrorista della RAF, ritrova la libertà e grazie al suo avvocato prova a ricostruirsi una vita nell'anonimato di un grande condominio. La sua vicina di casa, Valerie, ostenta un interesse misto a diffidenza e paura...

Recensione “Schattenwelt”

a cura di Glauco Almonte  (voto: 6)
Un terrorista esce dal carcere dopo 22 anni: la sua vita dovrebbe ricominciare più o meno da zero, in un appartamento nuovo, unico contatto col mondo (e col passato) il suo avvocato. Bernd Widmer sa di non essersi lasciato tutto alle spalle, ma ancora non sa quanta parte del suo passato si ripresenterà.
Valerie Matos, un’intrigante Franziska Petri che apre il film nuda, col suo corpo e una sigaretta, è una vicina di casa invadente e ambigua: è importante nell’economia della pellicola che la vera natura del rapporto tra vittima e carnefice non si manifesti all’ultimo, ma relativamente presto nel corso della storia. Non è solo questo rapporto al centro della pellicola, ma è l’ombra che entrambi hanno proiettato sulle persone a loro vicine, in particolare sui loro figli, frutto delle azioni dell’uno e dei traumi dell’altra.
L’azione ha un ritmo sorprendentemente sostenuto per quello che a tutti gli effetti, pur nella sua ora e mezza esatta di durata, è un film lento, determinato da un’atmosfera pesante frutto tanto del non-detto tra i personaggi quanto della fotografia grigia, che nei primi minuti lascia quasi l’impressione di un bianco e nero appena sporcato.
L’insieme regge, ma manca di spessore: è un passo indietro nel cinema tedesco che a cavallo del nuovo millennio ha goduto di una ventata di novità che si è presto rivelata un movimento; “Schattenwelt” sembra appartenere invece ai film degli anni ’80, per non dire ai telefilm quali “L’ispettore Derrick”. Sarà difficile che trovi una distribuzione in Italia.
In concorso, nella sezione Cinema 2008, alla terza edizione del Festival di Roma.
Commenti del pubblico
Nickname:
Password:
 
REGISTRATI «
PSWD DIMENTICATA «







Ultimi commenti e voti
Utente di Base (40 Commenti, 27% gradimento) andrea_cavax Martedì 20 Dicembre 2011 ore 14:06
3
voto al film:   7

L'ho visto ieri sera per la prima volta. Ve lo consiglio.
Ti è piaciuto il commento?  
Ultime Schede
Schattenwelt
Festival di Roma 2008
Festival Internazionale del Film, dal 22 al 31 ottobre
Flash non disponibile
Copyright 2017 ©