Homepage Recensioni dei film News sul Cinema Speciali sul Cinema Interviste Film in TV Programmazione dei Cinema (Roma) Trailer dei film Coming soon Libri di Cinema Storia del Cinema Est Film Festival

Recensione: I miei giorni più belli

Leggi i commenti 1 COMMENTO Vota il film 2 VOTI Invia questa pagina via e-mail a chi vuoi tu Stampa questa pagina
I miei giorni più belli
titolo originale Trois souvenirs de ma jeunesse
nazione Francia
anno 2015
regia Arnaud Desplechin
genere Drammatico
durata 120 min.
cast M. Amalric (Paul Dédalus da adulto) • Q. Dolmaire (Paul Dédalus da giovane) • A. Benoit (Louise) • L. Roy-Lecollinet (Esther) • D. Drukarova (Irina) • C. Garcia-Fogel (Jeanne Dédalus) • F. Lebrun (Rose) • A. Dussollier (Claverie) • O. Rabourdin (Abel Dédalus) • T. Fernandez (Bob) • E. RufF. AddeB. Siksou (Serge) • G. Cohen (Elie)
sceneggiatura A. DesplechinJ. PeyrN. Saada
musiche G. HetzelM. Kourtzer
fotografia I. Lubtchansky
montaggio L. Briaud
uscita nelle sale 22 Giugno 2016
media voti redazione
I miei giorni più belli Trama del film
Paul sta per lasciare il suo paese e la sua mente si affolla di ricordi: la famiglia, gli amici, il grande amore della sua vita.
Scheda a cura di Rosario Sparti










Chi è Paul Dedalus? Il primo a domandarselo è proprio lui, antropologo di ritorno in Francia dopo molti anni. Ed è grazie a questo nostos che riaffiorano tre ricordi di gioventù: storie diverse per tono e durata che costituiscono i frammenti di un discorso amoroso “intatto”, in grado di restituire l’identità a quest’uomo in fuga dalla sua terra, dal suo passato e da se stesso. Siamo fatti della stessa materia del nostro primo amore, ci dice Desplechin.
REGIA - SCENEGGIATURA - FOTOGRAFIA - MONTAGGIO - POETICITÀ
---
---
Commenti del pubblico
Nickname:
Password:
 
REGISTRATI «
PSWD DIMENTICATA «







Ultimi commenti e voti
Medaglia d'Oro (279 Commenti, 80% gradimento) giampaolosy Medaglia d'Oro Mercoledì 2 Agosto 2017 ore 05:44
voto al film:   8,5

Un inno all'amore e alla nouvelle vague per questo bellissimo film di Desplechin che comincia spiazzando completamente lo spettatore per poi rapirlo in un racconto di una storia poetica ed eterna che mette in scena un sentimento complesso ed intricato tanto quanto il labirinto del Minotauro. Bellissima la regia e la ricostruzione dell'epoca anche dal punto di vista "sonoro", impeccabile Amalric e indimenticabile la coppia Dolmaire/Roy-Lecollinet. Da non perdere.
Ti è piaciuto il commento?  
Utente di Base (0 Commenti, 0% gradimento) Tosli Lunedì 5 Settembre 2016 ore 03:02
voto al film:   8

Ultime Schede
I miei giorni più belli
Jimmy P.
Racconto di Natale
I re e la regina
Flash non disponibile
Copyright 2017 ©